Coronavirus in Veneto: lunedì 2 marzo riaprono scuole, musei, cinema, teatri e chiese - Venezia

Coronavirus in Veneto: lunedì 2 marzo riaprono scuole, musei, cinema, teatri e chiese

Attualità Venezia Giovedì 27 febbraio 2020

© pexels

Venezia - L'emergenza Coronavirus non è ancora rientrata, ma tutto si appresta a tornare alla normalità in Veneto. Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha deciso, lunedì 2 marzo riaprono scuole, musei, teatri, cinema e chiese: l'ordinanza che aveva imposto la chiusura delle scuole non sarà reiterata. 

Il Governatore della Regione, facendo il punto della situazione Coronavirus, ha sottolineato come il dato di 98 contagiati di giovedì 27 febbraio sia positivo, dal momento che si è registrato un incremento minimale rispetto alla giornata precedente, mercoledì 26 febbraio, di sole dieci unità. Più della metà di coloro che sono risultati positivi ai tamponi non manifesta i sintomi del Coronavirus. 

L'altro aspetto positivo, ha evidenziato Zaia, è che non si sta verificando la crescita esponenziale prevista dagli algoritmi. Per questo la Regione ha manifestato la volontà di tornare rapidamente alla normalità, non reiterando l'ordinanza in scadenza domenica primo marzo 2020, ma ribadendo la necessità di «fare un presidio sanitario». «Il virus — ha dichiarato Zaia — ha una bassa letalità: come dice Ricciardi, fatti 100 i contagiati, 80 guariscono senza problemi, 15 avranno bisogno di cure mediche e cinque dovranno essere ricoverati con quadro clinico importante in ospedale».

Insomma, secondo il Governatore le scuole possono tranquillamente riaprire, a meno che la comunità scientifica non intervenga per segnalare un pericolo incombente, che per il momento non pare esserci. Dalla Regione dunque un forte messaggio ai cittadini a considerare l'emergenza Coronavirus come un'epidemia influenzale e non come una «psicosi internazionale», come la definisce Zaia, polemizzando in merito al fatto che su tutti i siti di informazione del mondo si parlasse del Veneto e della Lombardia, alimentando il clima di panico: «L'ordinanza veneta chiude chiese, musei, cinema, teatri e discoteche. Non abbiamo chiuso esercizi commerciali. Siamo un esempio che, pur avendo un'ordinanza blanda, i treni sono vuoti. E non abbiamo chiuso i treni». 

Potrebbe interessarti anche: , Frecce Tricolori a Venezia il 29 maggio 2020: orari e dove vederle , Fase 2 in Veneto: l'ordinanza, dagli spostamenti alle mascherine: cosa si può fare dal 4 al 17 maggio , Coronavirus: nasce la mascherina made in Veneto. A Padova mille mascherine per la Protezione Civile , Coronavirus a Verona, il nuovo modulo per l'autocertificazione. Il sindaco Sboarina: «Restare in casa» , Coronavirus a Verona: vietato l'accesso ai parchi. Cosa si può fare e quando serve l'autocertificazione

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Venezia consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Venezia.