Cosa fare e dove andare a Venezia nonostante il Coronavirus: parchi, giardini e aree verdi

Cosa fare e dove andare a Venezia nonostante il Coronavirus: parchi, giardini e aree verdi

Cultura Venezia Giovedì 27 febbraio 2020

© Wikipedia

Venezia - Per contenere la diffusione del Coronavirus, la Regione Veneto ha emesso un'ordinanza che prevede la chiusura di scuole, università, musei e sospende le attività culturali, sportive o che comunque prevedono l'assembramento di un alto numero di persone nello stesso luogo, aperto o chiuso che sia. In ottemperanza a questo provvedimento da lunedì 24 febbraio a domenica 1 marzo rimangono chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado e gli asili nido, vengono sospesi l'attività didattica delle Università (lezioni, esami, sedute di laurea), le manifestazioni e gli eventi e ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato. Chiusi anche cinema, teatri, musei, biblioteche, spazi culturali e di aggregazione.

Le istituzioni invitano alla prudenza e a seguire il decalogo del ministero della Salute, tuttavia ribadiscono di non eccedere nella paura e di continuare per quanto possibile a mantenere un normale stile di vita. Da questo punto di vista parchi e spazi verdi sono la soluzione ideale per chi vuole svagarsi, evitando luoghi troppo affollati. A Venezia e provincia ci sono diverse aree verdi e percorsi pedonali o ciclabili a contatto con la natura che vale la pena scoprire, approfittando di queste giornate di sole.

I giardini di Sant'Elena

giardini di Sant'Elena si trovano a Venezia nel sestiere di Castello. I giardini sono localizzati nell'omonima isola, all'estremità est della città. Questo parco pubblico è lo spazio verde più ampio di Venezia. Molti adulti lo utilizzano come percorso per fare jogging poiché ci sono vari viali alberati tracciati al suo interno. Chi vuole dedicare il proprio tempo libero alla lettura o al relax può utilizzare le numerose panchine distribuite nel parco. I Giardini sono aperti durante tutto l'arco dell'anno e quindi non vi è alcuna restrizione nell'utilizzo delle strutture poste al loro interno. 

Il Parco di San Giuliano

Con i suoi 700 ettari di estensione, il Parco di San Giuliano è uno dei più grandi d’Europa e l’unico dal quale si può ammirare lo skyline di Venezia all’orizzonte. Il parco è interamente coperto di piste ciclabili e c'è anche una pista di pattinaggio. Il parco è collegato al quartiere San Giuseppe di Mestre attraverso un ponte ciclo-pedonale (ponte Europa) lungo 140 metri e alto circa 7 dal piano stradale. San Giuliano è anche una zona di nidificazione per molti uccelli. Dal parco inoltre si gode di una strepitosa vista sulla Laguna: da Porto Marghera fino al Campanile di San Marco, all'orizzonte si possono scorgere anche le isole di Murano e San Michele.

L'oasi degli Alberoni

Il Lido di Venezia ospita un'oasi di biodiversità grande 160 ettari: le Dune degli Alberoni. L'oasi è aperta anche nel periodo invernale. Qui si possono ammirare le "dune bianche" colonizzate dalle Ammophila littoralis (pianta della famiglia delle graminacee) e le "dune grigie", casa di aride praterie e di tappeti di muschi. Il nucleo dell’Oasi degli Alberoni, composto da pineta e da un sistema dunoso, non esisteva fino al 1800. La zona si formò a seguito della costruzione della diga Nord della bocca di Malamocco conclusa nel 1872 e, a ridosso di questo imponente manufatto, la corrente marina antioraria dell’Alto Adriatico ha accumulato in qualche decennio enormi quantità di sabbia, che formano l’attuale spiaggia. Il vento, soprattutto la bora da nord-est, ha modellato il vasto sistema di dune, che è uno dei più belli e meglio conservati dell’Alto Adriatico.

Lio Piccolo e le barene

Per gli amanti della bici o del nordic walking la Laguna di Venezia offre tanti percorsi ricchi di fascino. Un itinerario da non perdere è quello che da Treporti va verso Lio Piccolo, un antico borgo rurale, nel Comune di Cavallino-Treporti, immerso in un ambiente suggestivo e pittoresco. Gli fanno da scenario i lunghi canali lagunari, le valli da pesca e le barene, bassi isolotti coperti di vegetazioni che vengono periodicamente sommersi dalle alte maree. 

Le camminate in spiaggia

Chi ama andare al mare anche nel periodo invernale, per correre o semplicemente per fare una passeggiata in spiaggia,  può approfittare della chiusura di tanti luoghi pubblici per regalarsi un pomeriggio a contatto con la natura e l'aria salmastra. A Jesolo ad esempio si può passeggiare sul Lungomare delle Stelle, un percorso pedonale di oltre 10 chilometri, che deve il suo nome al fatto che ogni tratto del percorso è stato dedicato a un personaggio famoso. Dalla spiaggia di Bibione invece è possibile incamminarsi fino ad arrivare al faro e alla foce del Tagliamento.

La pineta di Eraclea Mare è l'ideale per una passeggiata a contatto con la natura. Per gli amanti dell’aerobica è a disposizione un "percorso vita". A Caorle invece, partendo dalla Chiesa della Madonna dell'Angelo e proseguendo lungo la litoranea che conduce al rione Falconera, è possibile inoltrarsi verso la Laguna, a cui Ernest Hemingway dedicò alcune delle pagine più belle del libro Di là dal fiume e tra gli alberi.

Potrebbe interessarti anche: , Da Venezia ai Colli Euganei, itinerari di primavera con il Fai: info e regole di sicurezza

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Venezia consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Venezia.