Cosa fare a Venezia gratis: cosa vedere spendendo poco

Cultura Venezia Mercoledì 25 settembre 2019

Cosa fare a Venezia gratis: cosa vedere spendendo poco

Venezia
© nicole.zuanon - flickr.com

Venezia - A Venezia cultura e curiosità possono essere alla portata di tutti, con attività gratis, o quasi. Venezia, la città italiana più amata al mondo, offre ai visitatori diverse attività del tutto gratis, senza rinunciare a storia, arte e artigianato, unendo il tutto col sano divertimento. Togliendo dalla lista il girare per le calli e i campi, l’entrata nelle antiche chiese, il godersi il tramonto in piazza San Marco o sulla fondamenta Zattere, ecco una lista di 7 cose da fare a Venezia gratis. Ah, e ricordatevi che ogni prima domenica del mese l’entrata ai musei statali è gratuita.

  • Libreria Acqua Alta
    Partiamo con la libreria più famosa a Venezia, la libreria Acqua Alta. L’insolito negozio si trova nella calle Lunga Santa Maria Formosa. Pile di libri sistemate sulle gondole, che fungono curiosamente da scaffali, unendo il lato estetico alla ricerca del libro perfetto. La libreria è nata del 2004 per volere di Luigi Frizzo, una guida preziosa che può tirare fuori dal cilindro qualsiasi libro stiate cercando. Potete rilassarvi per qualche minuto sulla scala formata dai libri destinati al macero per respirare l’aria veneziana. Prima di andarvene non dimenticate di salutare i diversi gatti che sonnecchiano rilassati sugli scaffali/gondola.
  • Scala Contarini del bovolo
    Un luogo unico a Venezia, poco frequentato e conosciuto dai turisti. La scala esterna del Palazzo Contarini si trovava nelle vicinanze di campo Manin, nascosta all’interno di una calle. La particolarità della scalinata è la sua forma a chiocciola, bovolo in veneziano, una struttura voluta da Pietro Contarini nel 1400. Un palazzo unico sul suolo veneziano. La scala può essere vista gratuitamente dall’esterno.
  • Calle Varisco
    Venezia: un dedalo di ponti, campi e viuzze chiamate in gergo calli. Se non soffrite di claustrofobia vi consigliamo di fare un giro per calle Varisco, a Canareggio, in modo da capire fino in fondo il significato di stretto. La via è larga 53 cm; sconsigliamo il passaggio dopo pranzo. Tra i veneziani viene tramandata la leggenda che, se un assassino dovesse camminare per questa calle, le mura si chiuderebbero fino a uccidere l’assassino, punendo così la sua anima impura. Un passaggio sicuro se sei un’anima pura.
  • Visita allo squero
    Oltre alle maschere, Venezia ha un’altra creatura unica al mondo: la gondola. Un’imbarcazione che non troverete da nessun’altra, se non in qualche brutta copia. La gondola, fino all’avvento delle barche motorizzate, è l’imbarcazione più adatta, per velocità e manovrabilità, al trasporto di persone. Un'ottima occasione per vedere con i propri occhi come vengono create e riparate è visitare uno dei sette squeri rimasti a Venezia. Vi consigliamo San Trovaso, uno dei più antichi e famosi. È uno dei pochissimi squeri ancora in funzione a Venezia, anche se oggi vi vengono prodotte o riparate soltanto gondole, mentre in passato l'attività cantieristica si estendeva anche ad altri tipi di imbarcazioni. L'edificio che lo ospita ha la forma tipica delle case di montagna, circostanza eccezionale per Venezia, dovuto all'estro degli squerarioli avvezzi a lavorare con il legno e soprattutto alle origini cadorine di molti maestri d'ascia .
  • Ponte del chiodo
    Volete provare una dose di adrenalina, come se camminaste su un filo sospeso a 30 metri di altezza? A Venezia potete provare una sensazione simile in tutta sicurezza, affrontando l’unico ponte senza parapetto. Vi consigliamo solo di bere un caffè prima di affrontarlo, giusto per essere sicuri di non finire in acqua.
  • Il Ghetto veneziano
    Fulcro della comunità ebraica veneziana è il Ghetto, un sistema di edifici che si trovano nel sestiere di Canareggio. Il ghetto venne fondato nel 1500 circa e raccoglieva la maggior parte degli ebrei in fuga dalle persecuzioni presenti in quasi tutta Europa. Il termine ghetto è nato proprio a Venezia - in veneziano vuol dire getto. Il quartiere si presenta tuttora come un'isola, i cui accessi avvengono solo tramite due ponti. In corrispondenza di questi esistevano dei robusti cancelli, che venivano chiusi e sorvegliati di notte, poiché agli abitanti era permesso uscire dal quartiere solo di giorno e con dei segni distintivi. Al giorno d'oggi questo complesso è rimasto abbastanza integro, anche se gli ebrei veneziani sono ormai ridotti a poche centinaia. Nel campo è presente un monumento in memoria delle vittime della Shoah.
  • Maschere veneziane Ca' Macana
    Appassionati di Kubrick? Non potete non fare un salto in questo negozio, uno dei più antichi laboratori di Venezia. In questo luogo sono state disegnate e create le maschere per i film Eyes Wide Shut, con Tom Cruise e Nicole Kidman, e per il recente film Cinquanta sfumature di Nero. Il negozio si trova nel quartiere di Dorsoduro.

Potrebbe interessarti anche: , Visitare Verona spendendo poco: dove mangiare e cosa vedere. Idee e consigli , Verona: le librerie più suggestive della città

Scopri cosa fare oggi a Venezia consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Venezia.