Augusto Cantamessa: la mostra al Castello di Miradolo - Castello di Miradolo - Miradolo (Torino)

18/09/2018

Fino a domenica 9 dicembre 2018

© Archivio Fotografico Augusto Cantamessa, courtesy Bruna Genovesio, Patrik Losano

Miradolo (Torino) - Il 10 novembre, alle ore 14, si aprirà al Castello di Miradolo la più ampia mostra retrospettiva mai dedicata ad Augusto Cantamessa: un progetto della Fondazione Cosso, per celebrare il grande fotografo, recentemente scomparso.

Miradolo (Torino) - Nato a Torino nel 1927 e cresciuto frequentando la Società Fotografica Subalpina e la FIAF, le sue foto sono state apprezzate e premiate in occasione di importanti concorsi. Dopo un percorso artistico guidato dal lavoro di Maestri internazionali come Edward Weston, Man Ray, Henri Cartier-Bresson e italiani come Mario Giacomelli, Federico Patellani e Gabriele Basilico, gli è stata attribuita dalla FIAF nel 2018 la massima onorificenza nazionale di Maestro della Fotografia Italiana (MFI). Cantamessa èoggi riconosciuto tra i grandi, anche a livello internazionale.

Miradolo (Torino) - La mostra, curata dalla Fondazione Cosso, sarà realizzata con la collaborazione di Bruna Genovesio e Patrik Losano, curatori del patrimonio fotografico di Augusto Cantamessa.

Roberto Galimberti, ideatore del progetto artistico Avant-dernière pensée, darà vita a una colonna sonora dedicata che dialogherà con le fotografie esposte.

Dal 10 novembre al 9 dicembre 2018 le sale dell’antica dimora ospiteranno una raccolta di oltre 70 fotografie, esclusivamente in bianco e nero, che comprenderà sia immagini stampate in modern print che vintage, tra cui diversi inediti, svelati al pubblico per la prima volta proprio in occasione di questa mostra.

Tra le fotografie compariranno ritratti, scatti di ambienti, di città, di mestieri, in cui la vita e l’attività di Cantamessa si esprimono con ricchezza di esperienza, con amore per il proprio lavoro, con passione nel rappresentare quanto gli occhi vedono e il cuore sa dire.

La mostra Augusto Cantamessa. Fotografie sarà arricchita da un’installazione sonora dedicata, curata dal progetto artistico Avant-dernière pensée, che porrà le fotografie in dialogo con la musica, legando alla narrazione visiva la dimensione sonora. Un racconto musicale che esprimerà il legame di grande stima e vicinanza, consolidatosi nel tempo tra il fotografo, la Fondazione Cosso, Roberto Galimberti. In diverse occasioni, dal 2009, l’arte di Cantamessa ha incontrato le sperimentazioni di Avant-dernière pensée, trovando spazio di espressione al Castello di Miradolo. Sarà un omaggio all’uomo, al professionista, all’amico.

Lo speciale allestimento Da un metro in giù, ideato e realizzato per questa mostra dalla Fondazione Cosso e da Avant-dernière pensée, suggerirà al pubblico una nuova prospettiva di osservazione, stimolando la scoperta delle opere. I più piccoli e le loro famiglie troveranno nelle sale, accanto alle fotografie, divertenti spunti per interagire con le immagini e con gli spazi; un libretto didattico appositamente creato per la mostra potrà essere acquistato prima o al termine della visita.

La mostra realizzata dalla Fondazione Cosso è nata dal desiderio espresso da Augusto Cantamessa di esporre le proprie fotografie al Castello di Miradolo, nelle sale che hanno ospitato grandi capolavori dell’arte italiana e straniera, e si è sviluppata con la preziosa collaborazione del fotografo stesso. Purtroppo la scomparsa del Maestro, il 28 luglio scorso dopo settant’anni di attività, rende, oggi, la mostra ancora più significativa e importante per raccontare la sua arte.

La Fondazione Cosso presenta i capolavori di un grande fotografo piemontese, uno dei protagonisti della Fotografia Italiana, con il desiderio di mettere in luce, ancora una volta, le risorse di un territorio ricco di eccellenze.

Orari

Sabato ore 14/18
Domenica ore 10/18
Lunedì ore 14/18
Ultimo ingresso ore 17.30

Tutti i giorni possibilità di visita su prenotazione al n° 0121 502761 e-mail.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 19/11/2018 alle ore 18:50.

Potrebbe interessarti anche: Domenica al Museo, musei gratis a Torino, dal 2 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 , Easy Rider: la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 24 febbraio 2019 , Elliott Erwitt, Personae. La mostra alla Reggia di Venaria, fino al 24 febbraio 2019 , Armando testa: tra arte e pubblicità. La mostra a Torino, fino al 24 febbraio 2019

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Cosa fai a Capodanno? Di Filippo Bologna Thriller Italia, 2018 31 dicembre, strade di montagna e boschi innevati. Mentre la radio annuncia una tempesta solare, il furgone di una ditta di catering carico di aragoste, ostriche e champagne cerca di raggiungere uno sperduto chalet di montagna, dove i padroni di casa... Guarda la scheda del film