Elliott Erwitt, Personae. La mostra alla Reggia di Venaria

14/08/2018

Da giovedì 27 settembre a domenica 24 febbraio 2019

Venaria Reale (Torino) - Dal 27 settembre al 24 febbraio 2019 le Sale dei Paggi della Reggia di Venaria ospitano la grande mostra di Elliott Erwitt, uno dei fotografi più importanti e celebrati del Novecento.

Venaria Reale (Torino) - Elliott Erwitt Personae è il titolo della prima retrospettiva delle sue fotografie sia in bianco e nero che a colori. I suoi scatti in bianco e nero sono ormai diventati delle icone della fotografia, esposti con grande successo a livello internazionale, mentre la sua produzione a colori è quasi del tutto inedita.

Venaria Reale (Torino) - Con oltre 170 immagini, il percorso espositivo mette in evidenza l’eleganza compositiva, la profonda umanità, l’ironia e talvolta la comicità del grande fotografo americano: tutte caratteristiche che rendono Erwitt un autore amatissimo e inimitabile, considerato il “fotografo della commedia umana”.

Curata da Biba Giacchetti con il progetto grafico di Fabrizio Confalonieri, la mostra è organizzata daCivita Mostre con il Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, in collaborazione con Sudest57.

Potrebbe interessarti anche: Domenica al Museo, musei gratis a Torino, fino al 6 gennaio 2019 , Giorgio de Chirico in mostra al Castello di Rivoli, fino al 4 novembre 2018 , Easy Rider: la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 24 febbraio 2019 , Alla Galleria Sabauda di Torino la mostra sulla natura morta spagnola, fino al 30 settembre 2018

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Un affare di famiglia Di Kore'eda Hirokazu Drammatico Giappone, 2018 Dopo uno dei loro furti, Osamu e suo figlio si imbattono in una ragazzina in mezzo ad un freddo glaciale. Dapprima riluttante ad accoglierla, la moglie di Osamu acconsente ad occuparsi di lei dopo aver appreso le difficoltà che la aspettano. Benché... Guarda la scheda del film