Sagra della pesca ripiena 2018, appuntamento con il giusto della tradizione - Rocca Canavese, Vauda di Rocca - Torino

23/07/2018

Fino a sabato 11 agosto 2018

TERMINATO

Torino - Da sabato 4 a sabato 11 agosto 2018 a Vauda di Rocca Canavese torna la sagra della Pesca ripiena.

Torino - Una settimana dedicata al tempo libero e al divertimento con un ricco programma di eventi, degustazioni, concerti, balli, musica dal vivo e spettacoli di cabaret. La protagonista principale è la regina delle delicatezze, la pesca ripiena, riproposta come la tradizione insegna, rigorosamente preparata secondo l’antica ricetta della nonna e cucinata nel forno a legna.

Torino - Molti gli spettacoli in programma: apre la manifestazione Katty & Orchestra Piva segue ancora musica dal vivo, ballo e divertimento a 360 gradi con diverse orchestre: la regina del liscio Titty Bianchi, I Rodigini, attesa per l’unica data del mese di agosto, in provincia di Torino, del Tour 2018 dell’Orchestra Omar Codazzi.

Tra le Novità dell’edizione 2018, l’Orchestra Veneta Renzo Biondi e il Summer Party con animazione sui cubi dell’Energia Disco Mobile; dopo il successo della passata edizione ritorna Franco Bagutti Band, uno spettacolo alternativo che ripercorre i più grandi successi musicali, dagli anni 50 ad oggi. Chiuderà la manifestazione la nuova proposta teatrale del duo cabarettistico Marco & Mauro.

Domenica 5 agosto tornano la 6a Fera dij persi pin - mercatino dove si potrà trovare piccolo artigianato, hobbistica, collezionismo, arte, opere del proprio ingegno e tanto altro ancora – e l’Intervento del Registro Fiat con le auto storiche. Durante la giornata si svolgerà anche il primo Raduno dei trattori d’epoca e la dimostrazione aratura.

LE DEGUSTAZIONI
Nello stand gastronomico della Sagra della pesca ripiena, durante tutta la manifestazione, sono servite esclusivamente specialità piemontesi; ogni piatto proposto è frutto di uno studio delle vecchie ricette canavesane, un tempo preparate dalle nonne utilizzando i prodotti del territorio. Uno degli obiettivi della sagra è far riscoprire gli antichi sapori della cucina locale con piatti semplici ma gustosi. Un viaggio fra tradizioni popolari di festa ed enogastronomiche. Momenti di festa dove ognuno diventa protagonista della realtà della vita rurale, scoprendo le leggende che da sempre l’accompagnano. Vere eccellenze, quelle offerte dal territorio, ingredienti di una cucina che sa essere sobria e robusta ma anche nobile e delicata. Le pesche ripiene di amaretti e cioccolato restano le regine della manifestazione: tipico dolce al cucchiaio che riempiva di gioia grandi e piccini nelle giornate di festa. La ricetta è quella tradizionale canavesana, il segreto del sapore: la cottura negli antichi forni a legna, fino a qualche tempo fa utilizzati dalle massaie per la cottura del pane.

Le degustazioni prevedono acciughe al verde, tomini freschi al verde, peperoni di Carmagnola cotti al forno conditi con olio e timo, salame di turgia, agnolotti piemontesi, fagioli con cotiche cucinati nelle tofeje di Castellamonte, carni alla brace, salsiccia artigianale, tomini stagionati conditi con olio e peperoncino e per finire la toma di Lanzo. Anche la scelta dei vini è rigorosamente piemontese Dolcetto, Bonarda, Arneis.

DOVE
Vauda di Rocca è situata al centro dell’altopiano delle Vaude, al limite delle Valli di Lanzo ed il Canavese e a metà strada tra Rocca Canavese e Ciriè. Immersa nella quiete della campagna circondata da boschi e vitigni di uva fragola, grazie all’intraprendente organizzazione dei suoi circa 80 abitanti, attira ogni anno migliaia di simpatizzanti durante la prima settimana di agosto in occasione della festa patronale. Il Canavese e le Valli di Lanzo, terre ricche di bellezze naturali e di storia, conquistano con il loro fascino discreto: sono un'oasi a misura d'uomo, da vivere attraverso i loro scorci di storia e nei loro paesaggi, diversamente colorati dalle stagioni. Il paesaggio, con la scacchiera della pianura coltivata, il rincorrersi delle colline verdi di boschi e di vigneti, i sentieri, gli ambienti medievali protetti e conservati sono lo sfondo di tradizioni e feste, come quella organizzata dall’Associazione La Baraca, che cambiano volto ai paesi e ricostruiscono il codice genetico del territorio.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 17/12/2018 alle ore 05:58.

Potrebbe interessarti anche: Capodanno 2019 a Cascina Marchesa, 31 dicembre 2018 , Brunch di Natale al Planetario Infini.To, 22 dicembre 2018 , Eataly Food Tour a Torino, fino al 4 gennaio 2019 , Domenica al Museo, musei gratis a Torino, fino al 6 gennaio 2019

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film