Ercole e il suo mito: la mostra alla Reggia di Venaria - Torino

Ercole e il suo mito: la mostra alla Reggia di Venaria - La Venaria Reale - Venaria Reale (Torino)

29/05/2018

Fino a domenica 29 settembre 2019

TERMINATO

Venaria Reale (Torino) - La mostra Ercole e il suo mito, alla Vernaria Reale da giovedì 13 settembre a domenica 29 settembre 2019, si propone di illustrare la figura di Ercole con una raccolta di dipinti e oggetti d’arte prodotti nell’antichità classica e tra Cinquecento e Settecento.

Venaria Reale (Torino) - Alcuni sono presentati in Italia per la prima volta, provenienti da grandi collezioni italiane e estere, opere che testimoniano l’enorme fortuna a livello iconografico e narrativo degli episodi della vita di Ercole e insieme il forte fascino della sua immagine nei secoli.

Venaria Reale (Torino) - La mostra coincide con i lavori di restauro della Fontana d’Ercole, fulcro del progetto secentesco dei Giardini della Reggia, dominata dalla Statua dell’Hercole Colosso, la cui riproposizione al pubblico rappresenta una delle fasi conclusive del grande restauro della Venaria.

A conclusione, viene presentato il rifiorire negli ultimi decenni dell’interesse sul mito di Ercole attraverso i grandi film prodotti a Cinecittà negli anni Sessanta e poi ancora recentemente a Hollywood.

La proroga, che vedrà la mostra esposta fino al 29 settembre, arricchisce il percorso espositivo con una sala dedicata agli orologi, a cura di Ugo Pancani, dove spiccano tre orologi da tavolo in bronzo dorato. Il primo, in stile Impero (1810-1820 ca.), propone un Ercole portatore che raffigura il mito di Ercole e Atlante che reggono la sfera celeste. Gli altri due presentano delle miniature – Ercole combatte con Archeloo trasformato in serpente e Ercole giovane – realizzate dallo scultore francese François-Joseph Bosio (1768-1845), autore della quadriga dell’Arco del Carrousel a Parigi. Una nuova sala ospiterà l’Allegoria delle glorie e virtù regie, ovvero la serie di tele da soffitto, già alla volta della ‘sala dei paggi’ al piano nobile di Palazzo Madama a Torino (demolita nel 1927-1928), realizzate da Claudio Francesco Beaumont (1694-1766).
Tra le altre opere che giungono a Venaria per il periodo della proroga, si ricorda un candelabro di argento massiccio, del peso di circa 18 chilogrammi, con la scena di Ercole che uccide l’Idra di Lerna, realizzato dall’argentiere milanese Guido Fiorentini (1909-1993), e un prezioso ventaglio secentesco dipinto su pelle di pecora, attribuito al Domenichino.

L’iniziativa acquista un particolare significato alla luce dei lavori di restauro in corso della Fontana d’Ercole, fulcro del progetto secentesco dei Giardini della Reggia, un tempo dominata dalla Statua dell’Ercole Colosso, e da cui inizia idealmente la visita.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 15/10/2019 alle ore 08:24.

Potrebbe interessarti anche: Art nouveau, la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 26 gennaio 2020 , Archeologia Invisibile, la mostra al Museo Egizio, fino al 6 gennaio 2020 , David LaChapelle: una mostra monografica a Venaria, fino al 6 gennaio 2020 , Vivian Maier: la mostra a Torino, fino al 12 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.