Scene di violenza coniugale. Atto finale - Torino

Scene di violenza coniugale. Atto finale - Nuova Galleria Franco Noero - Torino

14/10/2019

Fino a venerdì 31 gennaio 2020

Ore 19:30, 20:45, 15:30

© Manuela Giusto

TERMINATO

Torino - Va in scena in prima nazionale il 20 gennaio (repliche fino al 31.01.2020) presso la Galleria d’Arte Franco Noero, in Piazza Carignano 2, a Torino, per la stagione del Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale, Scene di Violenza Coniugale. Atto Finale del drammaturgo franco-inglese Gérard Watkins, nella traduzione di Monica Capuani, con la regia di Elena Serra.

Torino - In scena Roberto Corradino (Pascal Frontin), Clio Cipolletta (Annie Bardel), Aron Tewelde (Liam Merinol), Annamaria Troisi (Rachida Hammad) e Elena Serra (Agnes Pertuis).

Torino - Per la prima volta presentata in Italia, l’opera di Watkins è costituita da un testo duro, gelido, incalzante che affronta il tema della violenza sulle donne mettendo sotto la lente di ingrandimento i processi mentali e comportamentali di vittima e carnefice.  Per Scene la regista Elena Serra realizza una regia immersiva nello spazio fisico di un vero appartamento -a cui è ammesso un ridotto numero di spettatori per sera-; ciò che accade sotto gli occhi di chi guarda è dunque la costruzione metaforica di una gabbia all’interno della quale ci si ritrova inconsapevolmente prigionieri.

Protagonisti quattro personaggi appartenenti a mondi e ceti, culture e religioni differenti:

Liam fugge da un'adolescenza tormentata nella provincia per stabilirsi a Parigi e incontra Rachida, che cerca di sfuggire al clima soffocante della sua famiglia.  Annie sta cercando lavoro a Parigi, sperando di poter così riavere con sé le figlie che vivono coi nonni in campagna e incontra Pascal, fotografo molto tormentato e affascinante.

Le due coppie, che si incrociano una sola volta nel corso della visita ad un’abitazione al cui affitto sono entrambe interessate, finiranno poi col trovare ciascuna un appartamento arredato in cui cominceranno la convivenza a due. A partire da questo momento la violenza si insinuerà nei rapporti fino deflagrare in gesti di assoluta brutalità.

Il testo nasce dal desiderio di Gérard Watkins di lavorare sul tema della violenza contro le donne; una pratica ereditata dal diritto del più forte che si ripresenta con frequenza drammatica quando la donna afferma il suo ruolo in una società dove la dominazione maschile continua, tuttavia, ad essere la regola. La scrittura si immerge nel cuore del soggetto con tutti i mezzi del teatro per definirlo e comprenderlo senza censure, descrivendo con sconcertante lucidità l’evoluzione del pensiero e del comportamento dei personaggi. 

La scrittura propone uno spaccato di quotidianità dove i personaggi, totalmente verosimili, e la ricerca minuziosa del contesto in cui questi si muovono, fornisce l’opportunità di confrontarsi con un testo che affonda le sue radici nella vita che si stratifica nelle nostre città dove convergono, accanto al tema principale, istanze sociali, economiche e razziali sempre più violente.

Lo spettacolo ha visto una prima tappa di allestimento in forma di studio nel maggio 2019 a Roma.

Grazie all’impegno del Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale, Scene di Violenza Coniugale. Atto Finale  debutta nel gennaio 2020, all’interno dei locali della Galleria Franco Noero nella sua forma compiuta.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 28/02/2020 alle ore 17:14.

Potrebbe interessarti anche: Così è (se Vi Pare) di Filippo Dini, dal 21 aprile al 3 maggio 2020 , Match Di Improvvisazione Teatrale, fino al 28 marzo 2020 , Il mago di Oz, fino al 3 maggio 2020 , La Boheme, fino al 22 marzo 2020

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.