Castello di Rivara: al via la stagione espositiva con quattro nuove mostre - Torino

Castello di Rivara: al via la stagione espositiva con quattro nuove mostre - Castello di Rivara - Rivara (Torino)

02/04/2019

Fino a domenica 3 novembre 2019

Ore 11:00

Rivara (Torino) - Torna la primavera al Castello di Rivara. Un'opportunità per trascorrere delle giornate in compagnia dell’Arte e della Cultura. 

Rivara (Torino) - Domenica 14 aprile 2019, dalle ore 11, il Museo apre ufficialmente la stagione espositiva con quattro mostre personali di Simone Benedetto (Teddy Bear), Delfina Camurati (Antologica), Elvio Chiricozzi (Ci si arrende sempre a qualcosa di semplice) e Nicus Lucà (Campioni).

Rivara (Torino) - Esse si aggiungono alla Collezione Permanente – con i suoi tre piani espositivi – e allo Studio di Carlo Pittara nel Castello Vecchio, già presentati un mese fa in un’anteprima insieme ai lavori di Jessica Carroll e Linda Tesio.
Teddy Bear (di Simone Benedetto) è un enorme orso con la pelle ricoperta da migliaia di pistole. Allestito all’esterno, nel parco, esso rappresenta in modo sintetico quel nodo difficile e insoluto tra sogni, infanzia e tecnologia.

Di Delfina Camurati è stata realizzata una mostra antologica che, coprendo più di quarant’anni di lavoro, proporrà un’ampia riflessione critica su tutte le stagioni dell’artista di Torino.

Ci si arrende sempre a qualcosa di semplice (di Elvio Chiricozzi) è una serie di cinque grandi lavori realizzati con una particolare tecnica a matita con cui l’artista viterbese contrassegna con profonda e leggera ostinazione le superfici pittoriche, le quali saranno esposte nel Salone delle Feste della manica lunga del Castello Nuovo.

Campioni (di Nicus Lucà) rappresenta un’ampia galleria di immagini provenienti dal Mito, dalla Storia dell’Arte o dalla Storia tout court, realizzate attraverso la tecnica degli spilli, una pratica gestuale che impone un rapporto doloroso e allo stesso tempo meditativo con le opere.

Le quattro mostre propongono, ognuna a suo modo, una riflessione sugli elementi del tempo. Il tentativo di domarlo, di farne un oggetto misurabile e l’arrendersi ad esso come misura dell’estasi e della conoscenza. Non a caso tre di esse saranno allestite tutto intorno alla Biblioteca del Castello, fianco a fianco con i libri e con il materiale d’archivio del Centro di Documentazione Cartaceo. 

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 23/10/2019 alle ore 06:56.

Potrebbe interessarti anche: Art nouveau, la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 26 gennaio 2020 , Archeologia Invisibile, la mostra al Museo Egizio, fino al 6 gennaio 2020 , David LaChapelle: una mostra monografica a Venaria, fino al 6 gennaio 2020 , Vivian Maier: la mostra a Torino, fino al 12 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.