Me, Myself(ie) and I. L'autoritratto a fumetti in mostra - Torino

Me, Myself(ie) and I. L'autoritratto a fumetti in mostra - Pinacoteca dell'Accademia Albertina - Torino

04/03/2019

Fino a domenica 7 aprile 2019

CalendarioDate, orari e biglietti

Torino - Dopo Dylan Dog 30. Trent’anni di Indagatore dell’incubo, Sottodiciotto Film Festival & Campus torna a collaborare con l’Accademia Albertina di Belle Arti per l’allestimento – supportato anche da Reale Mutua – della mostra Me, My Self(ie) and I. L’autoritratto a fumetti.

Torino - Come attestato dal titolo, la mostra si lega strettamente al tema della 20ma edizione del Festival, esplorandolo attraverso l’esposizione di quasi 100 pezzi tra tavole originali, cover, bozze e illustrazioni: dall’autoritratto classico al journal intime, dall’alterego al reportage, un'indagine a tutto tondo sulla narrazione di sé, sull'identità, sulle personali rappresentazioni del mondo che si traducono, con il fumetto, in un linguaggio visivo e letterario di grande forza e immediatezza espressiva.

Torino - Allestita nelle sale auliche che ospitano la collezione permanente della Pinacoteca Albertina (e quindi accanto ai dipinti degli artisti del Quattro-Cinquecento di scuola fiorentina e piemontese, dei pittori caravaggeschi, fiamminghi ed italiani del Seicento, dei paesaggisti del Sei-Settecento e a tutti gli altri capolavori dello storico patrimonio dell’Accademia), la mostra ripercorrerà oltre cento anni della storia del fumetto e dell'illustrazione, dall'autoritratto classico del torinese Attilio Mussino durante la Grande Guerra a una tavola ancora inedita del n. 400 di Dylan Dog di Angelo Stano.

Ai capolavori di Milo Manara, Jacovitti, Andrea Pazienza, Bonvi, Magnus, Paolo Eleuteri Serpieri (Druuna), Ivo Milazzo (Ken Parker), fanno eco le esperienze di autori più indipendenti come Manuele Fior, Paolo Bacilieri, Davide Reviati fino ad arrivare alle opere delle giovani disegnatrici Lucia Biagi ed Eleonora Antonioni; senza dimenticare il lavoro delle under 30 che lavorano soprattutto sul web, come Josephine Yole Signorelli  “Fumettibrutti” e Agnese Innocente. Oltre a presentare lavori provenienti dal mondo del fumetto, la mostra propone anche un focus sui vignettisti dei quotidiani più famosi in Italia, esponendo i disegni di Giorgio Forattini, Mario Natangelo, Vauro Senesi e del compianto Vincino. A suggellare il percorso espositivo, la videoinstallazione di Massimo Cartaginese C/o: Mars tin seas image (Napoli, 2011), un lavoro brillante, diviso in sequenze complementari che indagano la possibilità, se esiste, di esprimere la persona e la sua identità come rappresentazione “geografica”.

Come la letteratura, anche il linguaggio del fumetto è andato modificandosi nel corso del Novecento: l’esposizione di tavole di artisti dalle esperienze differenti invita il pubblico a interrogarsi sui vari metodi di lavoro da un lato e sui procedimenti di racconto e di scrittura – e sui loro cambiamenti nel corso dei decenni – dall’altro.

All'allestimento della mostra hanno collaborato, con il supporto della docente Elisabetta Ajani, gli allievi della Cattedra di scenografia dell'Accademia Albertina: Debora Albertinelli, Silvia Allegra, Stefania Castagna, Mattia Gaido, Noemi Givone Toro, Beatrice Gravaghi, Federica Rubino, Simona Scola, Marie Scollo, Roberta Tirelli.

La mostra verrà inaugurata giovedì 8 marzo, alle ore 18. Nell’occasione sarà presente Agnese Innocente, classe '94, candidata con Dieter è morto (“hockdom) al Premio Boscarato 2018 come “Autrice rivelazione”. All’esposizione si affianca un duplice appuntamento didattico per i visitatori più giovani, diversificato per età, dedicato a bambini da 5 a 8 anni e a ragazzi da 9 a 13 anni.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 16/07/2020 alle ore 16:18.

Potrebbe interessarti anche: Andrea Mantegna in mostra, fino al 20 luglio 2020 , Helmut Newton in mostra a Torino, fino al 20 settembre 2020 , Sfida al Barocco, la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 20 settembre 2020 , Memoria e passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero, fino al 30 agosto 2020

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.