Venia Dimitrakopoulou, Futuro Primordiale, Logos - Torino

Venia Dimitrakopoulou, Futuro Primordiale, Logos - Fondazione Sandretto Re Rebaudengo - Torino

18/02/2019

Fino a domenica 31 marzo 2019

CalendarioDate, orari e biglietti

Torino - Inaugura giovedì 21 febbraio alle 18.30 alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo la mostra di Venia Dimitrakopoulou, Futuro Primordiale - Logos, allestita fino al 31 marzo.

Torino - La Gallery della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino ospita la mostra della scultrice a cura di Afrodite Oikonomidou e Matteo Pacini. A Torino prosegue il tour italiano della poliedrica artista con la seconda importante personale che propone una nuova selezione di lavori, tra cui spiccano due installazioni di grandi dimensioni: l’opera inedita Ellampsis (2019) creata appositamente per l’occasione, che rappresenta un’epigrafe in acciaio con una “profetica” scritta luminosa, e l’installazione Dialoghi (2019) che rimanda a libri destrutturati in imponenti lastre di ferro e delicata carta cinese, sui quali fluttuano in inchiostro nero e rosso frasi ispirate da una ricerca sociologica realizzata tra la gente comune, espressione delle voci che solitamente non hanno una risonanza mediatica.

Torino - Venia Dimitrakopoulou approda, infatti, in Italia con il suo trittico di mostre in una fase difficile, drammatica per la storia dell’Occidente e per i destini dell’Europa, fatta di muri, populismi, nazionalismi, discriminazioni razziali e nuove frontiere, come rileva Franco Fanelli nel testo critico in catalogo; ma è proprio nella crisi che “l’eroe”, in questo caso l’artista atto a risvegliare la coscienza collettiva, «deve saper porre le domande giuste ai giusti interlocutori. Sempre nella crisi l’eroe cerca le sue risposte nella profondità estrema». Per questo Dimitrakopoulou si interroga e indaga nel mito, nella storia e nel passato prossimo, fino alle radici comuni tra Italia e Grecia, spostandosi «dalla torre d’avorio dell’arte alla torre di controllo della condizione sociale», per citare il filosofo Dionysis Kavvathas.

Tema principale dell’intera esposizione torinese è il “logos”, parola che si fa segno e al contempo segno che diventa parola, che ben si coniuga con le superfici candide della sala espositiva che sembrano richiamare «pagine non scritte», come suggerisce la scultrice.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 08/07/2020 alle ore 10:06.

Potrebbe interessarti anche: Andrea Mantegna in mostra, fino al 20 luglio 2020 , Helmut Newton in mostra a Torino, fino al 20 settembre 2020 , Sfida al Barocco, la mostra alla Reggia di Venaria, fino al 20 settembre 2020 , Memoria e passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero, fino al 30 agosto 2020

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.