Senzatetto e Coronavirus: a Torino l'invito ad aprire le parrocchie e alla solidarietà

Senzatetto e Coronavirus: a Torino l'invito ad aprire le parrocchie e alla solidarietà

Attualità Torino Martedì 17 marzo 2020

© Pixabay

Torino - Arriva dall'arcivescovo mons. Cesare Nosiglia, dalla Caritas, la Migrantes e la Pastorale della salute l’invito alle parrocchie della Città di Torino all’accoglienza dei sena dimora in giorni di grande emergenza. «In questi giorni siamo tutti in emergenza e bisognosi di sostegno reciproco – si legge nella lettera inviata ai parroci - Ma alcuni in modo particolare: persone senza dimora, singoli e nuclei in situazione di grave emarginazione, anziani soli e richiedenti asilo.

La rete ecclesiale di sostegno informa che la maggior parte delle mense, delle distribuzioni alimentari
e dei dormitori sono funzionanti. La questione aperta resta tuttavia quella che riguarda gli ospiti dei dormitori, che trascorrono le giornate in strada. Una situazione, fa notare Nosiglia, molto difficile. «Le restrizioni imposte dai vari decreti che hanno chiuso bar e centri commerciali, hanno prodotto per i senza dimora l'impossibilità di reperire servizi igienici con tutte le conseguenze che possiamo immaginare – sottolinea l’arcivescovo - Situazione difficile, poi, per il maggiorato rischio di esposizione al contagio
rimanendo sulla strada o anche al rischio di farsi attori involontari di contagio».

A essere richiesto è dunque l’intervento delle parrocchie, soprattutto del centro cittadino, invitate a mettere a disposizione una sala, l'oratorio (al momento inutilizzato) con adiacenti servizi igienici
per ospitare - tra le 9 e le 17 di ogni giorno - un piccolo gruppo di tre o massimo quattro persone senza dimora (che frequentano lo stesso dormitorio), e offrire riparo. Le parrocchie interessate possono contattare via mail la CARITAS Diocesana oppure questo indirizzo.

Insettimane in cui dovunque si legge e scriveo #iorestoacasa – perché rimanere nel proprio domicilio è indispensabile per contenere gli effetti dell'epidemia di coronavirus – c'è infatti purtroppo chi a casa non può stare, perché una casa non ce l'ha. Alle persone senza dimora è destinata una campagna per la raccolta di fondi sostenuta e rilanciata dalla Città metropolitana di Torino.

La campagna è stata aperta dalla Federazione Italiana Organismi per le Persone senza Dimora-fio.PSD che a Torino conta tra i suoi soci anche il Comune, la Caritas diocesana e diverse cooperative; li supporta Eppelà, una realtà che si occupa di crowdfunding e che si è messa a disposizione gratuitamente per raccogliere fondi destinati all'acquisto di materiali utili per affrontare l'emergenza sanitaria (mascherine, tute, termometri...) e al supporto dei presidi sanitari. Come scrivono gli organizzatori, «"con l'emergenza coronavirus, i senza dimora vivono una situazione rischiosa per loro e per tutti. Non chiudiamo i Servizi, aiutiamoli!».

È nell'interesse di tutti consentire anche ai più fragili il rispetto delle misure sanitarie in vigore, facendo in modo che nessuno debba rimanere per strada senza supporto o controllo.
I soldi raccolti saranno destinati a tenere i servizi aperti oltre il normale orario e a tutelare le persone senza dimora, oltre agli operatori che li seguono, dotandole di mascherine e tute laddove necessario, e provvedendo loro ciò che serve affinché non siano costretti a lasciare le strutture di accoglienza.

Potrebbe interessarti anche: , Archivissima e Notte degli Archivi 2020 digital: il programma. Con Stefania Auci, Michela Murgia e Cathy La Torre , Aeroporto Caselle di Torino: due nuovi voli per l'estate 2020 con Volotea , Scuola Holden, la Special Edition per il 2020/2021 tra corsi e sconti , Coronavirus a Torino: sospesi i mercati all'aperto , Coronavirus in Piemonte: stretta sulle misure. Mercati, edicole, tabaccai, rilevazione della temperatura

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.