Shahrazad si fa grande: nasce a Torino la biblioteca dei bambini e dei ragazzi di San Salvario

Shahrazad si fa grande: nasce a Torino la biblioteca dei bambini e dei ragazzi di San Salvario

Incontri e Firmacopie Torino Martedì 21 gennaio 2020

Torino - Ha il nome della principessa protagonista de Le mille e una notte, Shahrazad è la bibloteca scolastica
dell'Istituto Comprensivo Manzoni di corso Marconi 28, nata nel 2008 come punto prestito convenzionato con le Biblioteche Civiche Torinesi (che avevano messo a disposizione formazione del personale, libri, arredi e integrazione con il Sistema bibliotecario cittadino) nella zona di San Salvario. 

Allora infatti nel quartiere mancava una Biblioteca civica. Il punto, gestito in collaborazione con la Circoscrizione da un gruppo di associazioni del territorio convenzionate con la scuola, diventò presto un riferimento per tutte le famiglie, i bambini, i ragazzi e gli appassionati di lettura. Nel 2013, con l’apertura a San Salvario della Biblioteca civica Natalia Ginzburg, la Biblioteca scolastica proseguì la sua attività caratterizzandosi come spazio di lettura per i bambini e i ragazzi e, al mattino, all’interno dell’Istituto, come Biblioteca scolastica.

Per far tornare la Sharazad un patrimonio fondamentale per il quartiere, l'Associazione Manzoni People (associazione di genitori dell'IC Manzoni) ha avviato nel marzo 2019 una campagna di crowdfunding per raccogliere fondi e, attraverso la piattaforma Eppela - grazie ad un progetto sostenuto da Fondazione Crt - ha acquistato computer, Ipad (in un'ottica di una biblioteca sempre più connessa e quindi anche attrattiva per il pubblico degli adolescenti), organizzato incontri sulla consapevolezza digitale oltre a predisporre una cifra per coprire il costo di una bibliotecaria al fine di la fase di start up del nuovo servizio.

«Shahrazad, biblioteca già convenzionata col sistema bibliotecario urbano torinese come punto lettura e prestito e registrata nell'anagrafe delle biblioteche SNB, è riconosciuta da anni come istituto culturale che partecipa alla realizzazione delle condizioni per l'esercizio del diritto allo studio e alla cultura, con la finalità di incentivare l'abitudine alla lettura - sottolinea Maria Elisabetta Tundo, Dirigente dell’Istituto Comprensivo Manzoni - Con l'adesione al progetto Torino Rete Libri, la nostra comunità scolastica accoglie l'opportunità di aprire la biblioteca ‘Shahrazad’ al quartiere, come presidio di prossimità, non solo per la promozione della lettura, ma anche e soprattutto per la promozione culturale. La partecipazione attiva al Polo bibliotecario urbano dà il via a interazioni e collaborazioni tra il mondo scolastico e le altre biblioteche locali e con tutta la realtà territoriale. Le biblioteche scolastiche sono un anello fondamentale nella catena degli operatori del mondo del libro e dell'informazione per la formazione di lettori consapevoli, abituali frequentatori e utilizzatori dei servizi bibliotecari in genere e per l'accesso ai servizi di tutta la comunità. La biblioteca Shahrazad, ampliando e aggiornando il suo patrimonio librario coerentemente con gli obiettivi della scuola e le culture in essa rappresentate, si propone quindi come modello di diffusione culturale inclusivo in grado di interpretare localmente i processi di trasformazione in corso e attivando nuove forme di cittadinanza sociale si allinea al dettato del Manifesto IFLA Unesco sulla Biblioteca scolastica».

Il progetto è ripartito non a caso grazie all’impegno della neo dirigente dell'Istituto Maria Elisabetta Tundo, di alcuni volenterosi insegnanti, delle Biblioteche civiche torinesi e di TorinoReteLibri, in collaborazione con la Circoscrizione. Inoltre, grazie alla partecipazione a TorinoReteLibri, la Biblioteca entra a far parte di una rete ampia e efficiente che dà accesso a nuove possibilità: l'apertura dei suoi spazi al pubblico, l’integrazione con le Biblioteche civiche torinesi, la partecipazione a progetti di rete, a bandi e a manifestazioni cittadine in uno scenario che sta trasformando il sistema di pubblica lettura a Torino, con la partecipazione sempre più attiva anche delle Biblioteche scolastiche.

La recente adesione della Biblioteca scolastica Shahrazad alla rete di TorinoReteLibri Piemonte, che coinvolge 23 Istituti Comprensivi e 29 scuole secondarie di secondo grado con il Liceo classico Massimo D’Azeglio di Torino come capofila, rafforza la sua riapertura al territorio. Dopo due anni, grazie alla disponibilità della scuola, all’impegno dell’Associazione Manzoni People e alla collaborazione con le Biblioteche civiche torinesi, nell’ambito del Protocollo d’intesa siglato con TorinoReteLibri - Biblioteche scolastiche in rete.

Come conferma Antonella Biscetti, referente di Torinoretelibri Piemonte, «‘L’ingresso della Biblioteca Shahrazad nella nostra rete aggiunge a TorinoReteLibri l’esperienza qualificata e radicata nel territorio di una biblioteca scolastica che fin dall’inizio della sua attività, è stata un progetto pilota di sistema integrato con la Biblioteche civiche torinesi e di apertura al territorio. Si tratta quindi di una riapertura importante che si inserisce in un quadro accresciuto di collaborazione delle biblioteche scolastiche con la Città, arricchito da opportunità di progettazione congiunta, integrazione dei servizi e da uno stabile impegno nelle attività di promozione della lettura con le Biblioteche civiche torinesi».

Dal 23 gennaio 2020 La biblioteca dei bambini e dei ragazzi di San Salvario' (ingresso da via Madama Cristina 41) sarà aperta giovedì dalle 16.30 alle 18.30 e sabato dalle 10.30 alle 12.30 (chiusura nei periodi di vacanze scolastiche).

«TorinoReteLibri e Biblioteche civiche hanno condiviso un percorso di lavoro comune per arrivare a condividere un progetto di estensione della rete bibliotecaria di pubblica lettura a Torino, nell’ambito del Patto per la Lettura, i cui frutti si vedranno gradualmente nei prossimi mesi  - spiega Francesca Leon, Assessora alla Cultura della Città Di Torino - La Biblioteca scolastica ‘Shahrazad’ fungerà nei due giorni di apertura al territorio e al quartiere anche da Biblioteca per bambini e ragazzi, collaborando con la Biblioteca civica Natalia Ginzburg, in un’ottica di integrazione dei servizi che arricchisce di opportunità il territorio di San Salvario e la città».

Potrebbe interessarti anche: , Salone del libro di Torino: rimandata l'edizione 2020 per emergenza Coronavirus , Io resto a casa con il Circolo dei lettori di Torino tra giochi, ricette e chicche letterarie , La setta dei lettori estinti: a Torino si raccontano libri online , Le Biblioteche civiche di Torino aprono i prestiti digitali ai non iscritti , Torino che legge: storie di librai e lettori che resistono

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.