Un nuovo murales al Balon: un messaggio di positività al quartiere multiculturale di Torino

Un nuovo murales al Balon: un messaggio di positività al quartiere multiculturale di Torino

Cultura Torino Giovedì 21 novembre 2019

Altre foto

Torino - Che a Torino la street art costituisca da tempo una via di espressione accolta e integrata tra strade e quartieri è un fatto noto. Lo testimonia il recenteventennale del progetto MurArte, che dal 1999 ha aperto alla street art e alla graffiti-writing spazi pubblici che potessero promuovere la creatività giovanile, e insieme riqualificare aree del territorio.

Non solo, perché è proprio il linguaggio universale della street art ad aver fatto di Torino la prima città al mondo ambasciatrice dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite. Grazie al Progetto Toward 2030 Torino racconta la sostenibilità attraverso la street art, con le rappresentazioni dei 17 goal delle Nazioni Unite. Un modo per scuotere e spingere all’azione  cittadini, passanti e turisti con una domanda diretta e provocatoria - What are you doing? E tu, che cosa stai facendo? - per ricordare a tutti come il 2030 sia dietro l’angolo, mentre la strada da percorrere per salvaguardare il pianeta sia ancora tutta in salita.

Non stupisce dunque che la città sia in fermento, ed è da questo terreno fertile che è da poco nato un nuovo murales. Si tratta di una nuova facciata dipinta in via Mameli, nel cuore di Borgo Dora, progetto nato dalla collaborazione tra Il Cerchio E le Gocce, Associazione Emporium (organizzatrice di San Salvario Emporium), Xplosiva, i residenti e i commercianti del Balon.

Regalo al quartiere da chi da anni si impegna sul territorio, il murales è stato realizzato dal duo artistico Howler in occasione di Club Palazzo, evento inserito all'interno di Club To Club, nella strada che unisce il mercato di Piazza della Repubblica alla zona del Balon. L’opera è nata grazie agli sforzi delle associazioni e dei gruppi che hanno partecipato, malgrado l’annullamento dell’evento di Emporium e del momento di instabilità che vive il Balon. Si è voluto mandare un messaggio di positività alle persone che vivono il quartiere e non solo, sottolineando la sua anima vivace e multiculturale come natura che deve essere tutelata e come luogo che richiede una continua riscoperta e partecipazione.

Attraverso la metafora del cibo gli artisti hanno rappresentato la varietà di diverse personalità e culture che convivono una accanto all’altra nel borgo, una contaminazione che produce sapori inediti come l'opera degli Howler. I giovanissimi artisti sono stati coordinati dall'associazione Il Cerchio E le Gocce, collettivo di artisti che dal 2001 lavora sul territorio cittadino, e non solo, insieme al progetto MurArte.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.