Al Regina Margherita di Torino inaugura il nuovo reparto di oncologia pediatrica

Attualità Torino Martedì 5 novembre 2019

Al Regina Margherita di Torino inaugura il nuovo reparto di oncologia pediatrica

Torino - Ha inaugurato martedì 5 novembre a Torino la nuova degenza di Oncoematologia pediatrica dell'ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino (diretto dalla professoressa Franca Fagioli) con 16 camere singole, spazi dedicati all’attività ludica (sala giochi e spazio adolescenti), all’attività educativa (nido e scuola di ogni ordine e grado) e ai genitori. Un nuovo importante traguardo per la sezione Piemonte dell’Associazione Adisco, presieduta da Maria Teresa Lavazza, ottenuto con il contributo di Compagnia di San Paolo.

Il reparto di Degenza di Oncoematologia pediatrica è ubicato al quinto piano dell'ospedale Infantile Regina Margherita e conta una superficie di circa 900 mq. Collocandolo al medesimo piano dei vicini reparti di “Day Hospital” e di “Centro Trapianti Cellule Staminali” si è voluto creare un percorso diagnostico-terapeutico sinergico e omogeneo per il paziente, attraverso una continuità sia estetica che funzionale tra i tre reparti.

Il reparto è servito da tre accessi con rispettivi ascensori e gruppi scala. È composto da un corridoio di lunghezza di circa 80 metri, che disimpegna da un lato le 16 camere di degenza, con i rispettivi bagni, e dall'altra parte i sevizi composti da sale mediche, segreteria, tisaneria, bagni e depositi. Al fondo del corridoio la grande sala giochi è stata riprogettata come un grande open-space dedicato al gioco ed allo svago, con spazi ed arredi adatti ai piccoli pazienti. Adiacenti ad essa vi sono una sala riunioni a disposizione dei medici ed una sala per lo studio.

Pensando che potesse essere gradito tanto ai più piccoli quanto agli adolescenti, è stato scelto l’ambiente naturale come tema per l’allestimento grafico. Traendo ispirazione dalla natura, eccellente maestra di armonia, gli ambienti sono stati caratterizzati da illustrazioni di piccoli insetti, grandi farfalle e personaggi umani che si muovono insieme agli elementi naturali formando un tutt’uno. La costruzione di questa narrazione accompagna lungo l’intero corridoio i bambini e le loro famiglie, immergendoli in una natura onirica che si completa con frasi di personaggi noti che celebrano la natura e la sua bellezza. Il confronto, il conforto e la scoperta sono i temi grazie ai quali i giovani pazienti riescono a relazionarsi l’un l’altro creando una rete di comune empatia.

«Inauguriamo un reparto di degenza gioiello per i nostri piccoli pazienti e le loro famiglie - dichiara Silvio Falco, Direttore Generale della Città della Salute di Torino - Una ristrutturazione che esalta sia l'aspetto del percorso diagnostico terapeutico sia quello dell'umanizzazione degli ambienti ospedalieri. Si tratta di un reparto che valorizza sempre più le eccellenze delle specialità pediatriche della nostra Azienda Città della Salute sia a livello piemontese sia a livello nazionale. Ringraziamo per il costante sostegno e la sempre fattiva collaborazione Adisco – Sezione Piemonte e Compagnia di San Paolo».

L'intimità di ogni paziente e della sua famiglia trova spazio nelle sedici camere di degenza, nelle quali si è ricreato un ambiente il più possibile familiare e domestico. Ogni singola camera è stata ridisegnata a partire dalla porta di ingresso, passando per il bagno privato, fino ad arrivare all'illuminazione e alla boiserie che avvolge l'ambiente. L’arredamento è costituito, oltre che da un letto e da un comodino, anche da una comoda poltrona-letto per i famigliari, una libreria e da un’ampia scrivania: quest’ultima, essendo rivolta verso il panorama della collina torinese, permette al paziente di entrare in relazione con l'ambiente circostante e, in questo modo, di rilassarsi ed estraniarsi dal contesto ospedaliero grazie all’immersione in un vero e proprio locus amoenus.

La sala gioco-svago comune rappresenta il vero fulcro del reparto: si tratta di un'area dedicata ai giovani pazienti e alle loro famiglie. Qui la natura si trasforma in architettura: i due pilastri, trasformati in alberi con le loro fronde, scandiscono lo spazio di un ambiente raddoppiato negli spazi e completamente rinnovato, grazie alla nuova illuminazione, ai nuovi arredi ed alle particolari nicchie dedicate alla lettura.

«Il nuovo reparto – dichiara Franca Fagioli, Direttore Oncoematologia pediatrica - è stato concepito sia per garantire il diritto alla privacy del bambino e dell’adolescente ammalato di tumore, sia per offrire attività ludiche, ricreative e riabilitative in spazi dedicati. All’umanizzazione è stata coniugata l’innovazione tecnologica, tutte le stanze sono dotate di monitoraggio continuo, requisito indispensabile per la conduzione di sperimentazioni cliniche».

Il progetto di restyling del reparto di Oncoematologia pediatrica – a cura dello Studio Miroglio + Lupica Architetti Associati - ha tutti i requisiti per diventare un punto di riferimento nel mondo dell’architettura ospedaliera per la realizzazione di ambienti meno freddi e asettici e più a misura di utente, partendo dalle reali esigenze di chi “abita” questi luoghi.

L’inaugurazione del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Regina Margherita è un risultato concreto che ha richiesto importanti investimenti pari a circa 1 milione e 500 mila euro, di cui 1 milione erogato da Adisco - Sezione Piemonte e 500mila euro da Compagnia di San Paolo. I lavori sono durati complessivamente solo cinque mesi e mezzo.

«Ci auguriamo che questo nuovo progetto, un traguardo importantissimo per Adisco - Sezione Piemonte e per tutta la cittadinanza – dichiara Maria Teresa Lavazza, Presidente di Adisco – Sezione Piemonte – possa invitare ancor più i torinesi a mostrare la propria solidarietà ed a dare il proprio contributo per nuovi interventi e nuovi obiettivi centrali per la comunità. Con l’inaugurazione della nuova Degenzadi Oncoematologia pediatrica, l’Associazione Adisco ha lavorato in linea con i progetti passati, rendendo sempre più l’ospedale Infantile Regina Margherita un punto di riferimento imprescindibile per Torino e per tutto il Piemonte».

L’Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, creata dal professor Enrico Madon nel 1970, è stato uno dei primi Centri Nazionali e Internazionali dedicati alla diagnosi, alla terapia ed allo studio delle patologie oncologiche del bambino e dell’adolescente, malattie allora ritenute “incurabili” e quindi “inguaribili”. Grazie alla ricerca biologica e clinica ed all’uso di protocolli cooperativi sempre più efficaci, si sono ottenuti i primi successi terapeutici e la probabilità di guarigione, che inizialmente riguardava la minoranza dei casi, è attualmente salita a più del 75% dei pazienti.

L’Oncoematologia pediatrica dell’ospedale Regina Margherita è il Centro di riferimento Interregionale della Rete di Oncoematologia pediatrica del Piemonte e Valle d’Aosta e accoglie un numero sempre maggiore di pazienti di età compresa tra 0 e 18 anni, più di 200 nuovi casi all’anno. In qualità di Centro di riferimento è l’unico abilitato alla diagnosi e impostazione del percorso terapeutico e collabora con dieci Unità satellite distribuite sul territorio regionale. A livello nazionale è uno dei Centri con maggiore arruolamento nell’ambito della Rete dell’Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica (AIEOP). Nel 2017 l’Oncoematologia pediatrica del Regina Margherita è stata identificata quale uno dei Centri della Rete europea PaedCan ERN (European Rererence Network).

Il reparto di degenza dell’Oncoematologia pediatrica ha il compito della presa in carico globale e continua di ogni bambino e adolescente affetto da patologia neoplastica. Le principali attività svolte dal personale sanitario nel reparto, dal primo ricovero a quelli successivi, sono la diagnosi e la stadiazione della malattia, l’impostazione terapeutica secondo i protocolli nazionali AIEOP e internazionali e l’assistenza personalizzata, al fine di tutelare il benessere e la qualità di vita durante i periodi di ricovero spesso lunghi e impegnativi. Negli ultimi anni, grazie ad una ricerca clinica sempre più attiva e la disponibilità di un numero crescente di sperimentazioni cliniche, si è resa necessaria una riorganizzazione degli spazi strutturali che devono rispondere a requisiti rigidi imposti dagli Enti regolatori. Il nuovo reparto è stato concepito seguendo questi criteri, ma con una attenzione particolare all’umanizzazione del paziente e della sua famiglia, da sempre requisito fondamentale per una presa in carico di eccellenza.

Potrebbe interessarti anche: , Nuovi treni tra Piemonte e Liguria sulla Genova Acqui e sulla Torino Savona Ventimiglia: orari e linee coinvolte , Restauri in Piemonte e Valle d'Aosta: i beni finanziati da Crt , Sciopero delle ferrovie francesi: disagi tra Torino, Piemonte e Liguria. Orari e informazioni , Torino: un vademecum digitale risponde alle domande sulla qualità dell'aria , Qualità dell'aria a Torino e in Piemonte: pubblicato il report 2018 di Arpa e Città Metropolitana

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.