Cucina Rambaldi, piatti d’autore in Val di Susa - Torino

Cucina Rambaldi, piatti d’autore in Val di Susa

Food Torino Martedì 17 settembre 2019

Torino - Dopo oltre vent’anni al fianco dello chef Davide Scabin al Combal.Zero, indirizzo stellato all’interno del Castello di Rivoli, Giuseppe Rambaldi si è diretto in Val di Susa, per la precisione a Villar Dora, e ha aperto il suo ristorante Cucina Rambaldi all’insegna del territorio e della genuinità del prodotto.

Cucina Rambaldi si presenta come un ristorante famigliare, accogliere. Un casolare portato a nuova vita dove, sia all’interno della sala che nel lussureggiante cortile, convivono elementi antichi e moderni dettagli di design. Non manca una collezione di dischi e libri degli anni Settanta e Ottanta, per far rilassare il cliente e farlo sentire davvero a casa.

Gli amanti della buona cucina non faticheranno così a raggiungere questa nuova tappa gourmet (che in fondo dista poco più di 30 minuti da Torino) percorrendo una strada poco battuta che porta verso i monti. Qui, nel suo ristorante, lo chef Rambaldi lascia da parte la sperimentazione pura ma non la creatività. La sua concentrazione è tutta per la materia prima e i luoghi, un territorio – la congiunzione tra montagna e pianura - che vuole raccontare innanzitutto con la scelta forte di questo trasferimento e quotidianamente con i suoi piatti.

Se riuscirete ad accomodarvi in uno dei circa cinquanta posti disponibili, avrete modo di provare le grandi portate della cucina italiana, soprattutto piemontese e romagnola con un tocco in più e preparate con ingredienti del territorio, provenienti da piccoli produttori della zona, con qualche eccezione di pesce. In menu è possibile trovare i Cappelletti al ragù di maiale, le Cervella passate in padella con burro, salvia, aglio e rosmarino, Tortellini in brodo, Cipolla ripiena, Acciughe al verde. Ancora i risotti – con funghi, peperoni e persino frutti di mare – e sformati di verdure.

Perfetto per una gita nel weekend, lontani dai caos cittadino, con la sua azzeccata iniziativa del “Pranzo domenicale fuoriporta”: un menu fisso che varia dai 38 ai 45 (esclusi vino, acqua e caffè) che cambia ogni domenica, a seconda della disponibilità e della stagione.

Potrebbe interessarti anche: , Spesa a domicilio a Torino: i negozi aderenti. L'elenco aggiornato , Alberto Marchetti e lo smartworking in gelateria: la formazione arriva online , Stappatincasa: l'aperitivo ai tempi del Coronavirus. L'idea di un imprenditore piemontese , Dolci Portici 2020: Torino capitale della pasticceria tra cioccolato, gelato e «galuperie» , Notte Rossa Barbera: cibo del territorio e musica dal vivo tra Torino, Alba, Bra, Asti e Nizza Monferrato

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.