Outdoor Torino Domenica 16 giugno 2019

Borgate dal vivo 2019, da Giancarlo Giannini a Nada e Marco Paolini. Ospiti e programma

Torino - Torna anche per l’estate 2019, al suo quarto anno, il festival delle borgate alpine Borgate dal vivo, tre mesi di programmazione che porteranno lungo l’arco alpino che abbraccia Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria e Lombardia autori, cantanti, artisti in un cartellone ricchissimo di spettacoli e sorprese.

«Il festival più grande nei luoghi più piccoli» così si definisce Borgate dal vivo, in partenza ufficiale il 5 luglio e in corsa fino al primo settembre, con un gustoso anteprima che da giugno sta coinvolgendo diversi comuni insieme a Smat e alla sua Festa dell’acqua, organizzata in vista dell’inaugurazione dell’Acquedotto di Valle del 29 giugno, un’opera idrica a servizio della Valle di Susa, dove batte il cuore del Festival. E così dopo Hervé Barmasse, che ha portato al Castello di Adelaide di Susa 400 persone, per un sold out tra chiacchiere di montagna e di natura, e dopo lo speciale Kabaret Vertigo di Oulx a tema acqua, il 22 giugno sarà protagonista Vinicio Marchioni, in pazza Conte Rosso ad Avigliana. La serata sarà una lettura teatralizzata di L’uomo che piantava gli alberi di Jean Giono, una storia già nota a Borgate dal vivo, nonché filo conduttore di un impegno condiviso tra 2017 e 2018 dopo i disastrosi incendi in Valle di Susa.

«Smat ci ha chiesto di ideare insieme tre eventi che funzionassero come anteprima di Borgate dal vivo e insieme potessero precedere l’inaugurazione dell’acquedotto di Valle – spiega Alberto Milesi, direttore artistico e di produzione di Borgate dal vivo – sono spettacoli e incontri dedicati al tema dell’acqua e dell’ambiente, che è anche uno dei nostri temi cari. Barmasse si è soffermato sulla montagna e sulla sostenibilità ambientale, sul rispetto per la natura; lo spettacolo di Cirko Vertigo è stato declinato in chiave “acqua”, e Vinicio Marchioni riprenderà il progetto legato al testo di Giono».

Con l’idea di potenziare il carattere performativo delle arti inserite nel programma – dal teatro alla musica, senza mai perdere di vista la letteratura nelle sue diverse declinazioni – dal 5 luglio Borgate dal vivo entrerà poi nel vivo della stagione 2019. Forte di una rete di collaborazioni consolidata e sempre in crescita, il festival toccherà nel suo itinerario più di 40 comuni, intersecando una ventina eventi culturali. Il la sarà l’appuntamento con Giancarlo Giannini ad Avigliana dedicato a Primo Levi nel centenario della nascita: «pochi sanno infatti che Primo Levi scrisse Se questo è un uomo proprio ad Avigliana – spiega Milesi – al fondo del libro è indicato, ci sono Avigliana e Torino. Giannini porterà uno spettacolo unico, pensato solo per noi, tra letture da Se questo è un uomo e musica dal vivo».

Non solo un festival, ma un marchio, sotto al quale rientrano anche le stagioni del Teatro Fassino di Avigliana e dell’Auditorium Franca Rame di Rivalta: Borgate dal vivo è ormai, dopo quattro anni e una costante crescita, un vero e proprio laboratorio culturale con l’obiettivo preciso di potenziare e incentivare forme di partecipazione e coinvolgimento dei piccoli centri, recuperando e valorizzando così anche i piccoli luoghi. «Siamo spalmati su un territorio più ampio delle borgate alpine – è quel che racconta Milesi – abbiamo così allargato il concetto di borgate a quello di territorio periferico. Saremo a Ventimiglia, ad Avigliana: non borgate ma comuni periferici, e sarà lì che porteremo libri, teatro e musica, e la novità del cinema, per riequilibrare spazi culturali che di norma tendono ad andare verso i centri e le grandi città. Noi andremo nei posti piccoli, e se la debolezza dei festival classici è di passare e poi andare via, il nostro progetto prevede altre attività sul territorio oltre al festival estivo, per farlo restare sempre attivo».

Il pubblico, intanto, in quattro anni ha dimostrato di gradire l’idea, con una risposta crescente che dalle millecinquecento persone dell’edizione numero in Valle di Susa sono diventate più di quattromila nel 2017 oltrepassando le settemila lo scorso anno. Si punta dunque alle diecimila per l’edizione 2019, che come ogni anno avrà la classica formula arricchita di qualche novità. Ci sarà per esempio un esperimento che vedrà Borgate dal vivo fermarsi sul territorio con un parte “residenziale”: dopo l’esordio con Giannini, infatti, il festival resterà ad Avigliana dove ospiterà Nadia Terranova, tra i finalisti al Premio Strega 2019, che sempre hanno fatto parte di Borgate come buon auspicio, e ancora Cristiano Cavina e Marco Marsullo, mentre la sera ci sarà un concerto degli Uppertones. Il giorno successivo racconteranno dei loro romanzi Paola Cereda e Valentina Farinaccio, e poi Francesca Manfredi ed Elena Stancanelli, mentre la serata si concluderà con la prima nazionale dello spettacolo con Enrica Tesio e Mao.

Tra i grandi nomi attesi durante i due mesi di festival, Guido Catalano, con doppia serata, Erri De Luca e Luigi Lo Cascio, e poi un weekend intero dedicato ai temi ambientali che avrà per protagonisti Luca Mercalli e Mario Tozzi. Ventimiglia ospiterà Violante Placido il 19 luglio, mentre a fine agosto torneranno Marco Paolini, con il suo nuovo spettacolo, Nada in concerto e Gio Evan per tre serate all’arena di Venaus. Non mancheranno Giobbe Covatta, Alberto Schiavone, Paolo Benvegnù, Cristina Donà e la Bandakadabra, e non mancherà nemmeno una location sorprendente e affascinante come la Sacra di San Michele, che ospiterà una visita notturna teatralizzata dal titolo Il nome della rosa.

Tutto il ricco programma di Borgate dal vivo è online e sulla pagina facebook del festival.

Approfondisci con: Sonadors in concerto - Borgate dal vivo 2019, 17 agosto 2019 , Alice nel Bosco delle Meraviglie, passeggiata teatrale per famiglie - Borgate dal vivo 2019, 18 agosto 2019 , I Racconti del Castello, con Stefano Cavanna - Borgate dal vivo 2019, Bergamo, 19 agosto 2019 , L'uomo che trema, con Andrea Pomella - Borgate dal vivo 2019, Imperia, 20 agosto 2019 , Volo di paglia, con Laura Fusconi - Borgate dal vivo 2019, Aosta, 21 agosto 2019 ,

Potrebbe interessarti anche: , Parco Nazionale Gran Paradiso: il compleanno alla Festa della Buleta, programma ed eventi , Ferragosto Occitano: tra il Monviso e la Valle Grana con i Lou Dalfin e il funambolo Andrea Loreni , The Color Run Torino 2019: a settembre la città si colora di amore e divertimento , Parchi avventura tra Torino e dintorni, da Pino a Candia passando per Cesana e Bardonecchia , Cabrio Eataly Food Tour: quando l’aperitivo diventa un Tour al tramonto

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.