Teatro Torino Venerdì 7 giugno 2019

Festival Pirandello 2019 a Torino: dalla Terra allo Spazio

Torino - Tredicesima edizione per il Festival Nazionale Luigi Pirandello di Torino, che da quest’anno prende un titolo più ampio estendendosi a tutto il ‘900 e toccando tanti e diversi temi che Pirandello ha sviluppato nella propria opera attraverso il secolo. Un festival vivo, dinamico, che sempre più interagisce con luoghi e realtà torinesi, come testimoniato dal programma 2019 che coinvolgerà spazi nuovi e già noti intrecciando i fili tematici che legano la luna, nell’anniversario dall’allunaggio, ma anche la donna e il concetto di muro, ricordando Berlino e il 1989.

«Il Polo del ‘900 diventerà catalizzatore di una serie di iniziative che si estendono sulla città coinvolgendo il territorio – ha spiegato Giulio Graglia, direttore artistico del Festival Pirandello – Entreranno nel festival nuove realtà territoriali e compagnie, nel solo di quel 1901 quando Pirandello soggiornò a Coazze per una cinquantina di giorni, tenendo un taccuino dai cui appunti prese ispirazione per diverse pièce teatrali».

Il Festival inaugura infatti l’apertura estiva del cortile del Polo del ‘900, tra le novità per l’estate che l’ente propone al suo pubblico, estendendo così ancora una volta il già ricco programma di incontri e iniziative. Quella di questo 2019 sarà «una collaborazione forte con il Polo del ‘900 che lo vede al centro del ragionamento e non semplice location – è il commento del direttore Alessandro Bollo – Il programma ha dei fili rossi come l’allunaggio, le donne e il 69, temi che risuonano in tutta la programmazione del Polo e che costituiscono così un’integrazione di senso. Dedicheremo proprio il 2020 al tema della donna e al protagonismo della donna nella società contemporanea. Il Polo vuole sempre più offrirsi come spazio aperto a tutta la cittadinanza, non solo quindi apriremo il cortile ma a fine giugno ci sarà anche un bar che lo accompagnerà».

Non solo quindi location tradizionali come Il Circolo dei Lettori, il Circolo della Stampa Sporting e Coazze, dove si svolgeranno alcune delle rappresentazioni teatrali in programma, ma anche il cortile del Polo del ‘900, il Parco della Tesoriera, grazie alla collaborazione con Simone Schinocca di Tadacà e Mercato Centrale Torino nuovo spazio cittadino che lega l’arte culinaria a quella dei grandi eventi culturali del territorio.

Varia la programmazione, che spazierà dall’esordio, il 10 giugno, dedicato al Futurismo e ai cento anni del manifesto marinettiano, con un evento in collaborazione con le teche Rai. Si proseguirà riflettendo sulle donne al Circolo dei lettori l’11 giugno, con  Alessandra Comazzi, Alberto Cochis, Giulio Graglia e Manuela Vecera. Margherita Peluso sarà protagonista dello spettacolo Io, Marta, in programma il 20 giugno alle 21 al Polo del ‘900, storia di Marta Abba, grande attrice del ‘900 e musa ispiratrice di Luigi Pirandello.

Luglio si aprirà ancora con le donne, con Donne, con Valentina Aicardi e Francesca Cassottana il 2 luglio alle 21.00. Lavoratrici, immigrate, partigiane, mondine. Le donne raccontano il loro Novecento, in un avventuroso e ironico viaggio nella storia italiana, una produzione Tedacà. Il 9 luglio alle 21.00 Sara D’Amario sarà protagonista di un one-woman-show, Sfumature di donne di scienza, per ridere e scoprire 20 scienziate eccezionali.

Una pagina del festival sarà dedicata a sport e letteratura, con l’appuntamento Pirandello vs Soriano, del 17 giugno presso il Circolo della stampa e con Ma cos’era mai questo Toro?, di Sabrina Gonzatto, con Vincenzo Santagata, regia Giulio Graglia, il 1 luglio alla Tesoriera.

Si viaggerà verso la luna il 16 luglio alle 21.00 per Effetto Luna, al Polo del ‘900, con Bruno Maria Ferraro e Gianni Oliva. A cinquant’anni dal primo allunaggio, avvenuto nel 1969, la letteratura pirandelliana verrà in aiuto per celebrare una scoperta fondamentale per l’umanità. Lo spettacolo sarà portato anche a Coazze il 18 luglio.

Il 1969 sarà al centro di Da Woodstock all’autunno caldo, con Alessandra Comazzi, Ugo Nespolo, Darwin Pastorin, Sergio Soave il 4 luglio al Polo del ‘900. Un tema che porterà sul palco anche Neri Marcorè, protagonista il 19 giugno al Polo del ‘900 di uno spettacolo tra monologhi e canzoni ripercorre la ì storia recente.

Altri appuntamenti toccheranno il tema dell’editoria piemontese: il 27 giugno Bruno Quaranta e Bruno Gambarotta racconteranno al Circolo dei lettori di scrittori, editori e della memoria di una racconto che rappresenta l’attività editoriale/imprenditoriale legata al patrimonio culturale della Regione Piemonte. L’11 luglio infine al Mercato Centrale di Torino Smisurata preghiera sarà l’omaggio a Fabrizio De Andrè con con Marco Neirotti, Darwin Pastorin e Oskar degli Statuto.

Ingresso libero agli spettacoli, eccetto Neri Marcorè, Io, Marta, Sfumatura di donne di scienza, Effetto luna. Prevendite online.

Approfondisci con: Pirandello vs Soriano - Festival Pirandello 2019, 17 giugno 2019 , Neri Marcorè al Polo del'900 - Festival Pirandello 2019, 19 giugno 2019 , Io, Marta - Festival Pirandello 2019, 20 giugno 2019 , Memoria di carta, l'editoria piemontese - Festival Pirandello 2019, 27 giugno 2019 , Ma cos'era mai questo Toro? - Festival Pirandello 2019, 1 luglio 2019 ,

Potrebbe interessarti anche: , Le Ferie di Augusto: festival di cultura classica. Gli spettacoli dell'estate 2019 , Asti teatro 2019, con Alessandro Bergonzoni, Emma Dante, Silvia Gallerano, Luigi Lo Cascio , Prato inglese: al teatro Carignano di Torino tornano le sere d'estate con Shakespeare , Sul filo del circo: il programma dell'edizione 2019 , Tpe Torino: la stagione 2019/2020 da Fabrizio Gifuni a Stefano Benni

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.