Dove porto i bambini Torino Mercoledì 17 aprile 2019

A Zoom Torino fiocco azzurro: è nato Oliver, cucciolo del raro asino somalo

Altre foto

Torino - Domenica 14 aprile, al bioparco ZOOM Torino, è nato Oliver, un piccolo di asino somalo, uno dei mammiferi più minacciati di estinzione al mondo. In natura, infatti, rimangono solamente poche decine di esemplari. Gli asini somali sono segnalati come “in pericolo critico” dalla lista rossa della IUCN (International Union for Conservation of Nature).

La mamma Ginger lo accudisce, lo protegge e lo allatta giorno e notte. Il piccolo, nonostante abbia solo pochi giorni, inizia a esplorare l’habitat e a interagire con gli altri asini somali e le specie presenti nell’area denominata Fattoria del Baobab, riproduzione di una fattoria subsahariana. Come nella maggior parte dei casi, il parto, dopo una gestazione di circa 12 mesi, è avvenuto di notte, quando gli animali si sentono più tranquilli, e alla nascita il piccolo pesava circa 25 kg. 

L’asino somalo è uno dei 4 equidi africani ed è il capostipite dell’asino domestico. Gli asini somali sono stati catturati per secoli allo scopo di trasformarli in animali domestici, utilizzati dalla medicina tradizionale etiope e somala oltre che cacciati per la loro carne (vivendo principalmente in zone di guerra dove l’approvvigionamento di cibo scarseggia). Tutte queste concause hanno portato un notevole declino della popolazione selvatica. E’ attualmente presente in Eritrea, Etiopia e Somalia. In passato occupava un'area molto più vasta che comprendeva anche Sudan, Egitto e Libia.

Di colore grigio perlato, è caratterizzato dall'avere sulle zampe marcate striature orizzontali nere che ricordano quelle della zebra. L’asino somalo è una specie EEP (European Endangered species Program) e la sua presenza, e riproduzione, nelle strutture zoologiche europee è coordinata dall’EAZA. In Europa sono presenti circa 250 individui e ZOOM ne ospita un gruppo riproduttore (2 femmine, 1 maschio e ora 1 piccolo) che arrivano dal parco Chemnitz (Germania), dal bioparco Beauval (Francia) e dallo zoo di Hannover (Germania).

«Molti visitatori pensano di trovarsi di fronte a un animale qualsiasi e spesso non si rendono conto, invece, che stanno guardando negli occhi una delle specie più a rischio in natura. A ZOOM ci impegniamo da anni per la loro salvaguardia e – dichiara Sara Piga, veterinaria di ZOOM e membro della Commissione Europea EEP dell’asino somalo – siamo passati dall’ospitare un gruppo di giovani maschi a un gruppo riproduttore che ci ha permesso in soli 2 anni di creare il primo nucleo familiare. La riproduzione nelle strutture zoologiche consente la preservazione del DNA puro, in quanto viene esclusa la consanguineità, e permetterà in futuro un eventuale ripopolamento in natura, al momento non attuabile».

Potrebbe interessarti anche: , Scarabocchi: a Novara il festival per bimbi e famiglie. Il programma 2019 da Massimo Recalcati a Igort , Bagno al parco acquatico? Gli aquapark a Torino e in Piemonte , Boom di nascite al Bioparco Zoom: ecco tutti i nuovi cuccioli, dal lemure alla lontra , Dove andare e cosa fare con i bambini a Torino d'estate , Summer school e centri estivi per bambini a Torino tra musei, cinema e fotografia

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.