Libri Torino Lunedì 18 marzo 2019

Le altalene: una caffetteria, libreria e ludoteca nel cuore antico di Torino

Torino - Si chiama Le Altalene Libri e Caffè il nuovo locale family-friendy del Quartiere Juvarriano di Torino, in via dei Quartieri 6, vicino al Polo del 900 e al Museo Diffuso della Resistenza. È un arioso ambiente con tre sale dalle ampie volte a botte in un palazzo storico, ed è un’attività ibrida – insieme caffetteria, libreria e ludoteca – pensato per le famiglie con bimbi di ogni età. Un posto che vuole essere un pit-stop dove gli adulti possono comprare un libro o un giocattolo, fare merenda o l’aperitivo senza ansie insieme al proprio bambino, sapendo che è in un luogo sicuro dove può giocare liberamente.

«Ci sono pochi luoghi che siano effettivamente a misura di bambino e famiglia – racconta Teresa De Luca, titolare del locale insieme a Bianca D’Aversa – e ci piaceva l’idea di creare uno spazio che potesse far sentire a proprio agio i genitori, perché a volte per gli adulti (soprattutto mamme, ma anche papà, nonni e tate) può diventare difficile anche solo prendersi serenamente un caffè, una tisana o un bicchiere di vino. Qui i bambini che giocano e magari alzano la voce per l’entusiasmo sono i benvenuti».

Le due socie hanno aperto la libreria-caffetteria a novembre 2018 dopo aver lavorato insieme per più di un anno. «Sia io che Bianca abbiamo un passato professionale da tate – ricorda Teresa – Ci siamo conosciute a un corso di formazione per tecnici di laboratori educativi e abbiamo deciso di lanciarci in questa avventura che è poi diventata Le Altalene. Nel 2017 abbiamo iniziato creando con altre ragazze un’associazione di promozione sociale chiamata In Sospeso, con cui facevamo laboratori creativi per bambini: al tempo non avevamo una sede per cui ci spostavamo e ci appoggiavamo ad altre attività e luoghi come le Case del quartiere». Le due esperienze lavorative hanno dato loro l’idea alla base della libreria-caffetteria per famiglie: «Come organizzatrici di eventi, avevamo notato che quando facevamo i laboratori per i bambini i genitori rimanevano impalati ad aspettare che finissero senza sapere bene cosa fare nel frattempo, mentre prima, come tate, avevamo difficoltà a trovare degli spazi family-friendly e adatti ai bimbi piccoli». 

Via dei Quartieri si trova al limitare della ztl, vicina a via Garibaldi, a porta Susa, a piazza Statuto e via Cernaia. Una posizione centrale in un quartiere tranquillo. «Non avevamo mai pensato al centro – confida Teresa – ci sembrava inaccessibile. Poi abbiamo trovato questo posto, ci hanno colpito le volte del soffitto e ne abbiamo visto la potenzialità. Girando per la zona, ci è piaciuta la dimensione intima di questo quartiere, in centro ma non troppo. Il Borgo Juvarriano è a tutti gli effetti un piccolo borgo. È comodo da raggiungere in metropolitana, le famiglie possono fare una passeggiata e poi venire a rilassarsi qui».

Molti clienti occasionali entrano per un caffè al bancone, ma basta guardarsi intorno per rendersi conto che non è un bar qualsiasi. I colori neutri (pareti bianche, arredi in legno) danno risalto a libri e giocattoli, illuminati dalle grandi vetrate e dalle luci interne, che si riflettono sulle volte a botte che tanto hanno colpito le due socie. Le mensole e le librerie in legno e corda, le due altalene vicino al finestrone centrale che danno il nome alla libreria (perfettamente funzionanti e amatissime dai più piccoli), danno personalità all’ambiente. Tutto è stato ideato, costruito, assemblato e dipinto dalle due titolari. «Niente è per caso – spiega Teresa – ogni scelta che abbiamo fatto è pensata, dall’arredo ai prodotti e libri che proponiamo. La nostra intenzione era creare uno spazio accogliente per adulti e bambini, che non fosse eccessivamente infantile e colorato, dove spiccassero i libri e dove anche un adulto potesse sentirsi a proprio agio».

Per quanti riguarda i libri, «Abbiamo scelto case editrici di cui condividiamo le scelte editoriali, come Sinnos, Terre di Mezzo, Babalibri, La Nuova Frontiera, Lapis, qualcosa di Einaudi. Lo stesso vale per i produttori dei giocattoli, che fanno prodotti che hanno una finalità educativa oltre che ludica e che usano materiali atossici e certificati. Tra le case produttrici abbiamo scelto le italiane Headù, che produce tutto in carta e cartone, e Creativamente che propone giochi in scatola didattici». Naturalmente, rivolgendosi alle famiglie con bimbi piccoli, c’è attenzione alle loro necessità, con fasciatoio e pannolini in bagno, un cuscino per l’allattamento, seggiolone e scalda pappa.  

Le Altalene nasce per «promuovere valori quali la condivisione, la cultura dell’inclusione, la socializzazione e la valorizzazione delle differenze», e per questo le due socie organizzano eventi gestiti da loro o da professionisti esterni, a ingresso libero o a basso costo. « Ci piacerebbe diventare un punto di incontro e condivisione, per cui cerchiamo di offrire eventi gratis o quasi. Le letture sono gratuite, dato che come libreria la nostra mission è diffondere la cultura attraverso i libri. Alcuni laboratori, soprattutto se organizzati da esterni, sono a pagamento, ma cerchiamo di mantenere dei prezzi abbordabili».

Nella “giocattoleria”, la spaziosa sala adibita a ludoteca, dove si trovano giocattoli in vendita e in prova oltre che libri in consultazione, «abbiamo lasciato lo spazio sgombro per fare gli eventi» racconta Teresa. Tra questi, diversi appuntamenti fissi settimanali, come « il Buongiorno in Altalena del mercoledì mattina, dove si svolgono attività per mamme e bambini nella fascia 0-3 anni. Al pomeriggio dello stesso giorno c’è poi il MerCoLibrì, letture animate per bambini da 0 a 102 anni, come diciamo noi. E poi gli spettacoli col teatrino Baracca & Burattini, corsi di inglese settimanali dai 3 ai 5 anni, corsi di musica col metodo Gordon ogni 15 giorni, laboratori spot di filosofia per bambini dagli 8 ai 10 anni… sperimentiamo».

Teresa e Bianca sanno che la prima fase della maternità può essere un periodo frastornante e solitario per le neomamme. Per questo vogliono offrire «un momento in cui le mamme possono socializzare, soprattutto i primi mesi in cui si possono trovare più chiuse nella loro nuova realtà e hanno bisogno sia svagarsi sia di condividere esperienze e paure che la nascita di un bambini può innescare». Per questo offrono varie attività, come corsi di massaggio infantile, di pilates, «incontri presieduti da due psicoterapeute di Mamma & the City con cui collaboriamo, dove affrontare diverse tematiche per approfondire le emozioni e quanto accade nel primo anno di vita del bambino».

Per restare informati sulle attività, la pagina facebook di Le Altalene Libri e Caffè è sempre aggiornata.

Potrebbe interessarti anche: , Matota: a Torino il Festival letterario per bambini e ragazzi, da Moni Ovadia a Laura Curino e Carlo Pestelli , Salone del libro di Torino 2019: inaugurazione, ospiti, ingressi. Tutte le novità , Haruki Murakami vince il Premio Lattes Grinzane. La premiazione ad Alba a ottobre 2019 , Torino che legge 2019: dal centro alle periferie una festa della lettura. Programma e ospiti , Grand Tour: il Salone del libro si presenta a Torino e Genova

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.