Cultura Torino Lunedì 18 febbraio 2019

La Dama con L'Ermellino a Venaria: Torino omaggia Leonardo con il celebre dipinto in mostra

Torino - La notizia è stata lanciata dal quotidiano torinese La Stampa sabato 16 febbraio: per la fine del 2019 è in arrivo a Torino, tra le sale della Reggia di Venaria, uno dei capolavori assoluti di Leonardo Da Vinci, la celebre Dama con l’ermellino.

A confermare la sorpresa è stato Mario Turetta, direttore della Venaria in prossimità della fine del suo mandato di dirigenza iniziato nel 2016. Non è ancora dato sapere di più sull’evento: Turetta non ha dichiarato le date né altri dettagli sull’esposizione del dipinto, si sa però che la grande esposizione avverrà a fine anno.

L’evento si preannuncia come qualcosa di eccezionale, prestigioso per l’intera Torino e per i tanti, tantissimi che approfitteranno dell’occasione per non lasciarsi sfuggire la visione dal vivo di una delle più celebri opere leonardesche, come la Gioconda uno dei tanti lavori del Genio realizzati in Italia e poi “emigrati” all’estero. La Dama con l’Ermellino fu realizzato in Italia, a Milano. A essere ritratta in una posa che l’ha resa immortale e con fattezze e abbigliamento delicati e raffinati è Cecilia Gallerani, amante del noto Moro, Ludovico Sforza.

La tavola è datata 1485-1490, un piccolo ma prezioso ritratto, con i suoi 54 per 39 centimetri conservati oggi al Museo Czartoryski di Cracovia, in Polonia. La dama tiene tra le braccia un ermellino, simbolo di purezza e tra gli animali allegorici pensati da Leonardo per il duca di Milano. Gli storici dell’arte ricordano inoltre come il nome greco dell'animale, "galé", potrebbe riferirsi al cognome della donna.

La celebrità del ritratto è dovuta al fatto che, come sua consuetudine, Leonardo rompe con la tradizione del ritratto di profilo in uso tra le corti dell’epoca. La dama è immortalata con una luce che la stacca dal fondo scuro, mentre guarda l’osservatore girata di tre quarti e accarezza l’ermellino con una mano le cui proporzioni, non sfuggirà a un occhio attento, sono più grandi del naturale. Il movimento del busto della dama era già stato studiato da Leonardo in un’altra celebre opera, La Vergine delle Rocce, dove la donna è orientata secondo uno schema dinamico che, intrecciando le linee di movimento e le figure sulla tela, rende unici i lavori pittorici di Leonardo.

L’esposizione della Dama con l’ermellino è solo l’ultima preziosa perla di una collana di eventi che a Torino celebreranno i cinquecento anni dalla morte di quello che è considerato il Genio del Rinascimento italiano, Leonardo Da Vinci. In primavera inaugurerà infatti la mostra Disegnare il futuro ospitata dai Musei Reali, che esporranno il celebre Autoritratto e il Codice del Volo di Leonardo, un appuntamento così importante da essere stato menzionato anche dal New York Times in relazione alle celebrazioni dei cinquecentenario. Tutta la città di Torino si prepara a eventi, incontri e mostre, tra le tante, anche quella ospitata a Palazzo Cavour che espone diversi lavori della bottega di Leonardo e alcuni frammenti attribuiti allo stesso Genio toscano.

Potrebbe interessarti anche: , Bianca Guidetti Serra: donna, avvocato, resistente. A Torino le iniziative per il centenario dalla nascita , L'edicola: nel quartiere Aurora di Torino il format tra cibo, vino, cultura e divertimento , A Torino la prima Scuola di Specializzazione post laurea in Beni Musicali Strumentali , L'estate intorno: a Torino il calendario degli eventi estivi tra cinema, musica e teatro. Il programma 2019 , L'estate al Forte di Exilles: spettacoli, teatro, libri. Il programma 2019

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.