La Notte del Liceo Classico a Torino: porte aperte e incontri, da Alessandro Barbero a Ugo Cardinale e Carlo Greppi

Cultura Torino Martedì 8 gennaio 2019

La Notte del Liceo Classico a Torino: porte aperte e incontri, da Alessandro Barbero a Ugo Cardinale e Carlo Greppi

Torino - 11 gennaio 2019, una data che alleggerisce il ritorno tra i banchi dopo la pausa natalizia. Torna infatti nella serata di venerdì 11 gennaio la Notte Nazionale del Liceo Classico, quinta edizione per un format che nel giro di pochi anni ha saputo conquistarsi la simpatia e l’adesione di centinaia di istituti in tutta Italia. Torino e il Piemonte, naturalmente, non faranno eccezione, con programmi e serate ricche di iniziative e approfondimenti dedicati alla cultura classica, ma non solo.

L’idea di una sorta di Notte Bianca celebrativa è firmata da Rocco Schembra, docente di Latino e Greco al Liceo Classico “Gulli e Pennisi” di Acireale (CT), e nel giro di pochi anni ha trovato il sostegno del Ministero della Pubblica Istruzione. Una pensata vincente, emersa in anni bui e di forti attacchi per il liceo classico, per dimostrare la vivacità di studenti e docenti, accendendo i riflettori su uno dei fiori all’occhiello del sistema scolastico italiano. Un rilancio che - e forse non è un caso - si è accompagnato anche a una nuova onda di iscrizioni ai licei classici.

La Notte del classico sarà una festa e un rilancio del modo di fare e vivere la scuola, con gli studenti protagonisti e le porte aperte alla cittadinanza. In programma performance, spettacoli, maratone di lettura, teatro, concerti, cineforum, e quanto la fantasia degli studenti e dei loro insegnanti avrà prodotto per questo appuntamento speciale.

«Il bello della Notte Nazionale non è solo nella Notte stessa – confermano gli organizzatori - ma nei lunghi e laboriosi preparativi che la precedono, che fanno sì che gli studenti identifichino i locali in cui quotidianamente vivono le ansie e le aspettative di un cammino faticoso, ma gratificante, di studio con un ambiente ludico, in cui cultura vuol dire gioia, piacere di condivisione, rispetto dei tempi e delle parti».

Appuntamento dalle 18:00 alla mezzanotte in ben 433 licei classici su tutto il territorio nazionale, un numero che rispetto al 2018 è cresciuto, a indicare una maggiore diffusione dell’iniziativa e la voglia, da parte di ragazzi e insegnanti, di darsi da fare per raccontare la propria scuola e il suo universo antico, ma spesso molto più contemporaneo di quanto si possa credere.

Il successo intramontabile dei classici e della classicità è stato del resto la chiave di volta della prima edizione del Festival del Classico lanciata proprio a Torino nell’autunno del 2018, con decine di appuntamenti da tutto esaurito insieme ai grandi pensatori e alle figure culturali più importanti dell’attualità italiana. Tra di loro il linguista Gian Luigi Beccaria, che proprio in un’intervista su Mentelocale Torino, citando la famosa definizione di “classico” di Italo Calvino aveva parlato di classicità come parte del patrimonio genetico e come bellezza dalla quale ricavare altra bellezza.

In numerosi licei di Torino e provincia l’11 gennaio sarà quindi un pomeriggio e una serata a porte aperte per riscoprire insieme il liceo per antonomasia, le sue storie antiche, quelle che caratterizzano ogni istituto, tra ex allievi diventati nomi famosi del mondo culturale e un oggi sempre più proiettato al futuro, nonostante - o forse grazie - a quella patina classica e a quelle lingue cosiddette “morte” che fanno storcere il naso a molti

Tra i licei aderenti il Gioberti, dove la serata si intitolerà Donne, poleis e cultura, un memoria dell’antico e la sua rielaborazione moderna. Inizio alle 18.00, con l’accoglienza. Alle 18.15 la prima “Puntata” con le Troiane, da Euripide. Alle 18.30 lezione di Gian Franco Gianotti, Mimési e cultura letteraria nel mondo antico, parallelamente si potranno scoprire gli strumenti e le collezioni scientifiche del Liceo. Alle 19.00 appuntamento con i versi in libertà di Inter Pocula, mentre alle 20.00 si proseguirà con le interviste impossibili, format reso celebre dalla Rai che qui vedrà gli studenti intervistare le donne del mito. Ma la serata del Gioberti è ricca, si proseguirà infatti alle 20.30 con Troiane 2, una suite, parallelamente prenderanno forma le Disputationes Academicae, mentre alle 21.30 Laura Sciolla sarà la protagonista dell’incontro L’amante senza voce, storia d’amore tra Catullo e Lesbia, dal punto di vista di lei. Terza tappa per le Troiane, alle 22.00, per finire la serata con un personaggio sempre contemporaneo e affascinante, Medea, che sarà raccontata nel suo mito riletto nei secoli dalla letteratura al cinema.

Ospiti illustri al Liceo D’Azeglio, per una serata dedicata alle Parole della democrazia. Dopo la presentazione da parte della dirigente scolastica Chiara Alpestre, seguiranno gli interventi dell’onorevole Andrea Giorgis, docente di diritto costituzionale e di Ugo Cardinale, linguista. Un approfondimento sarà dedicato ai fatti, fake news e finzioni, con la professoressa Chiara Lombardi e il club di Cultura Classica Ezio Mancino. Ancora, un debate vedrà due squadre confrontarsi e sfidarsi sul tema La democrazia è la miglior forma di governo?, seguiranno l’esibizione dell’ensemble e coro del Liceo, e letture degli studenti legate al tema della serata.

Al Liceo Cavour si susseguiranno iniziative di studenti, docenti e ospiti esterni per dimostrare che il Liceo classico, oltre a rimanere un sempre valido percorso per la formazione dello studente, sa offrire spunti e incontri stimolanti e interessanti. L’evento della Notte al Cavour ruoterà intorno al tema Guardare oltre, nella consapevolezza che il Liceo classico è un osservatorio privilegiato per guardare oltre ciò che ci circonda e che la scuola è il luogo in cui non ci si ferma alle apparenze e  si costruisce il futuro. Ospite Alessandro Barbero, per una serata che includerà anche letteratura, arte, musica, con interventi dei docenti, performance degli studenti del liceo, giochi e sfide letterarie. Non mancherà un momento conviviale, il programma completo è online, e sul sito ci sarà anche la possibilità di seguire la serata in streaming.

Anche il Liceo Classico Europeo al Convitto Umberto I resterà aperto per la Notte. Mentre il programma è in via di definizione, il liceo annuncia che studenti e docenti si confronteranno sul valore degli studi classici e sulla loro attualità, nel contesto del tema scelto per la serata Ospite, straniero, migrante. Tra le attività di vario genere, un ospite di pregio come lo scrittore Carlo Greppi.

All’istituto paritario Salesiani Valsalice, in scena Sotto il cielo del classico, con diversi appuntamenti e ospiti. Alle 18.30 gli studenti saranno a dialogo con Piero Vietti de Il Foglio sul tema del classico come lente per guardare al futuro, seguirà una lezione interattiva sulla numismatica antica, un buffett e alle 20.30 l’introduzione all’Alcesti con il professor Francesco Carpanelli. Alcesti sarà poi rappresentata a teatro grazie agli allievi, alle 23 la serata andrà a concludersi con la lettura del Lamento dell’esclusa, accompagnato dalla musica. Nel corso della serata inoltre no stop radiofonico su Valsonair con interventi di docenti, studenti ed ex allievi.

Queste tutte le scuole aderenti a Torino e nella città Metropolitana:
Cavour, Torino
Convitto Umberto I, Torino
D’Azeglio, Torino
Gioberti, Torino
Salesiani Valsalice, Torino
Botta, Ivrea (TO)
Porporato, Pinerolo (TO)
Fossati, Rivoli (TO)
Rosa, Susa (TO)

Questi invece i licei classici che parteciperanno alla Notte nel resto del Piemonte:
Plana, Alessandria
Parodi, Acqui Terme (AL)
Amaldi, Novi Ligure (AL)
Peano, Tortona (AL)
Pellico, Cuneo
Govone, Alba (CN)
Beccaria, Mondovì (CN)
Bodoni, Saluzzo (CN)
Arimondi, Savigliano (CN)
Carlo Alberto, Novara
Fermi, Arona (NO)
Sella, Biella
Cavalieri, Verbania
Spezia, Domodossola (VB)
Lagrangia, Vercelli

Potrebbe interessarti anche: , Cosa regalare a Natale a Torino: dieci idee originali tra cultura, creatività e artigianato , Ezio Mauro: «Pensavamo che la caduta del Muro di Berlino riportasse la democrazia, ma ci siamo sbagliati» , Salone del libro Torino: lo spazio ragazzi si rinnova con un programma nel segno dell'Agenda 2030 , Leonardo da Vinci, i volti del genio: una mostra per raccontare l'uomo Leonardo , Patele: il nuovo gioco di Torino che racconta la battaglia tra quartieri

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.