A Torino i ragazzi in marcia con Unicef per ricordare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

A Torino i ragazzi in marcia con Unicef per ricordare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Attualità Torino Giovedì 15 novembre 2018

Torino - Se nella mattina di martedì 20 novembre vedete un migliaio di allievi e studenti dalle elementari alle superiori passare festosamente per le vie del centro di Torino, non stupitevi: staranno marciando per ricordare a tutti i loro diritti. Dalle 9.30 alle 11 si svolge infatti la Marcia dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, organizzata dal Comitato provinciale di Torino per l’UNICEF in collaborazione con l’Ufficio scolastico territoriale di Torino.

La marcia partirà alle 9.30 da Piazza Solferino per snodarsi lungo via Alfieri, via XX Settembre, via Pietro Micca, piazza Castello, via Palazzo di Città, fino a concludersi in piazza Palazzo di Città. Ci saranno bambine, bambini, ragazze, ragazzi, docenti e famiglie delle scuole pubbliche e private del territorio. Le scuole che hanno aderito sono I.C. San Mauro Torinese, Scuola Mazzini Torino, I.C. Manzoni Torino, Collegio Sacra Famiglia Torino, Convitto Umberto I Torino, I.C. Cena Torino, I.C. Tommaseo Torino, I.C. Pertini Torino, Liceo Classico e Musicale Cavour Torino.

La data non è casuale: il 20 novembre cade il 29esimo Anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Lo scopo della Marcia è favorire una riflessione sulle condizioni di vita dei bambini e dei ragazzi ed offrire un contributo di solidarietà e tolleranza, invitando gli studenti a sfilare insieme contro ogni tipo di discriminazione.

Lungo i ragazzi in marcia si fermeranno presso il Consiglio Regionale, la Regione e il Comune per incontrare i Presidenti Nino Boeti e Sergio Chiamparino e la Sindaca Chiara Appendino e consegnare loro una copia della Convenzione dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU 2030.

Lo stesso giorno, prenderanno il via diverse anteprime che anticiperanno il tema del terzo Festival dell’Educazione in programma dal 29 novembre al 2 dicembre. Sempre nella mattina del 20, per dare un’occasione di parlare con i ragazzi della Convenzione Onu, il Museo Nazionale del Cinema terrà una proiezione speciale al Cinema Massimo per circa 700 studenti: si tratta del film d’animazione The Breadwinner sostenuto e promosso dall’Unicef e ispirato alla storia di Paryana, ragazza di 11 anni che cresce sotto il governo dei Taliban in Afghanistan.

Anche la Rai contribuisce alla Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza: Rai Ragazzi ha ideato alcuni eventi a Torino, sede della produzione della tv per ragazzi. E inoltre, a partire da sabato 17 e fino a lunedì 26 novembre, su tutto il muro della sede Rai in via Verdi 14 e 16 verrà posizionata un’installazione, creata utilizzando le migliaia di disegni che i bambini hanno inviato negli anni a La Posta di Yoyo e in generale alle trasmissioni di Rai Ragazzi. L’installazione, lunga 50 metri di lunghezza e che occuperà circa 200 metri quadrati di spazio, verrà inaugurata alle ore 11.30 dalla Vice Direttrice di Rai Ragazzi Mussi Bollini, il direttore del Centro di Produzione Tv Rai Torino Guido Rossi, alcuni attori di Rai Ragazzi e un centinaio di bambini. La stessa sera, dalle 18 alle 24, la cupola della Mole Antonelliana sarà illuminata con i logo di Rai Ragazzi, dell’Unicef e con il simbolo Unicef della giornata.

«Noi dell’Unicef portiamo avanti progetti per noi molto significativi con le istituzioni – ha ricordato Antonio Sgroi, Presidente del Comitato Provinciale di Torino per l’UNICEF – come il progetto Città Amica con la città di Torino, e il progetto Scuola amica dei bambini con gli istituti scolastici. La marcia vuole ricordare la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre del 1989 e ratificata dall’Italia il 27 maggio del 1991. È un trattato giuridico che 194 paesi in tutto il mondo si sono impegnati a rispettare, ma molti dei suoi principi vengono disattesi. Per questo la marcia è importante, per portare l’attenzione dei ragazzi su questi temi».

«Questa marcia simboleggia un impegno tangibile della città per l’educazione – ha commentato Federica Patti, assessora di Torino all’educazione – è importante dare risalto ai diritti delle bambine e dei bambini, che si danno per acquisiti, e ricordare ogni anno che il 20 novembre è stata firmata una convezione specifica. Vale la pena farlo per mantenere alta l’attenzione sui diritti, perché non bisogna dare nulla per scontato e bisogna essere sempre vigili sul fatto che continuino a esserci e non se ne perdano dei pezzi per strada. La marcia sarà una manifestazione resa gioiosa dai bambini, ed è l’espressione di quelli che sono i futuri cittadini e che a loro volta dovranno tutelare i diritti delle prossime generazioni, e dunque bisogna guardare a loro con attenzione e cura».

Dello stesso avviso la vice direttrice Rai Ragazzi, che ha sottolineato lì importanza dei «Diritti dei bambini che purtroppo i bambini stessi conoscono poco. Credo che ci debba essere uno sforzo – ha aggiunto Mussi Bollini – per essere più presenti anche nelle scuole per far conoscere la Convenzione. Sull’infanzia bisogna impegnarsi a fondo, quotidianamente, e dare più attenzione ai bambini, a cominciare dalle amministrazioni per far sì che la città sia amica dei bambini. Perché la città che è amica dei bambini è amica anche degli adulti, e l’infanzia è il traino al consumo e alla crescita sociale e culturale di questo paese».

Potrebbe interessarti anche: , La Mole Antonelliana diventa un grande schermo: il videomapping con la Storia del Cinema , Treni Piemonte: Frecciarossa per la Puglia e Bardonecchia, novità dei regionali e orari , BBBell: telefonia e internet ultraveloce anche in Val Susa e Val Sangone , Aeroporto Caselle di Torino: due nuovi voli per l'estate 2020 con Volotea , Scuola Holden, la Special Edition per il 2020/2021 tra corsi e sconti

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.