Attualità Torino Giovedì 8 novembre 2018

Turismo a Torino e in Piemonte: novità e collaborazioni tra enogastronomia e cultura

Torino - Piemonte da scoprire, visitare, gustare: fioriscono come petali in un bouquet le iniziative turistiche di Torino e dell’intera regione dopo la nomina del Piemonte a prima regione da visitare nel mondo da parte della guida Best in Travel 2019 di Lonely Planet, massimo riconoscimento del settore, tradotta in sette lingue. Un premio speciale, che seleziona il Piemonte in una classifica di dieci luoghi e punta i riflettori dell’intero pianeta sulla terra della Mole e delle Alpi, ma anche un picco di orgoglio per la casa editrice che storicamente si occupa di portare in Italia le guide di viaggio più celebri del mondo, la EDT, che ha la sua sede proprio a Torino.

Libri, cultura, cibo: del resto sono questi i fari che hanno illuminato il Piemonte e hanno fatto sì che questa terra catturasse l’attenzione dei viaggiatori di Lonely Planet, oltre naturalmente al paesaggio e al vasto patrimonio storico e museale che si estende per tutta la regione. Grazie alla recente nomina a prima regione del mondo per il 2019, il Piemonte è quindi chiamato a ripensare alla propria offerta e alla proposta turistica per l’anno che verrà. Del tema hanno discusso Simona Ricci, di Abbonamento Musei, Daniela Broglio, di Turismo Torino e Provincia, Francesco Farinetti di Eataly, Angelo Pittro di Lonely Planet Italia, in un incontro congiunto in un luogo simbolo della forza attrattiva del Piemonte, il Museo Carpano, allestito in quello che fu il nucleo fondante della celebre azienda produttrice di Vermut, uno dei simboli di Torino e della sua cultura enogastronomica.

«Fino a oggi una destinazione italiana non si era mai posizionata al primo posto in classifica – ha ricordato Pittro – questa premiazione ha due punti che la caratterizzano: il primo è la tradizione enogastronomica del Piemonte, il secondo riguarda Torino e il fatto che da questo capoluogo sia partito un processo di riconversione delle strutture industriali che sta cavalcando la trasformazione della cultura industriale di questo luogo a nuova possibilità di attrazione per il pubblico».

E se il 2019 sarà l’anno del Piemonte, è pur vero, come ha confermato Daniela Broglio, che i dati sul turismo parlano di un italiano su tre in viaggio per interessi enogastronomici. «Chi arriva nella nostra regione – ha confermato la direttrice di Torino Turismo e Provincia – è un turista trasversale e per questo interessante – oltre la cibo e al vino ha anche altri interessi, e tende a parlare molto di ciò che vede. Le sue aspettative sono in linea con i parametri delle diete sane, sono persone attente alla qualità del cibo e alla salute. Sempre più la nostra idea è quindi quella di raccontare con un piatto davanti la storia, le tradizioni e il tipo di territorio. Non bisogna dimenticare che per ora il vero luogo turistico del Piemonte sono le Langhe e il Roero, un luogo che di per sé costituisce una motivazione al viaggio. Ma abbiamo delle potenzialità molto forti da esprimere e siamo certi che promuovere il binomio cultura/cibo che contraddistingue il nostro territorio contribuirà a incrementare il numero di coloro che scelgono la nostra destinazione come meta di vacanza».

Tante le iniziative in tal senso, dalla Merenda Reale alla Torino Restaurant Week, senza dimenticare l'aspetto propriamente culturale che può essere scoperto con la Torino+Piemonte Card che per questo sono in vendita, oltre che nel circuito nazionale, anche presso il box informazioni di Eataly insieme ad Abbonamento Musei: un servizio in più ai turisti in visita a Torino, ma anche ai cittadini e clienti abituali.

Gustare, ma anche vedere, grazie alla valorizzazione del sistema museale dell’intera regione, un progetto articolato sostenuto da Abbonamento Musei, che consente l’accesso libero e illimitato a oltre 200 realtà culturali in tutta la regione, mettendo in relazione musei, territori, e anche cibo e incontri, come accade nei nuovi pacchetti degustazioni pensati insieme a Eataly Lingotto per raccontare il Piemonte al pubblico. È un turismo fatto anche di reti e sinergie tra luoghi di cultura e patrimonio del Piemonte che includono non solo musei ma residenze reali, castelli, giardini e fortezze, collezioni permanenti e mostre temporanee che aderiscono al percorso. Nonché enogastronomia e fabbriche: tra le new entry nel sistema Abbonamento Musei compaiono infatti il Museo della Birra Menabrea di Biella e il Museo Lavazza di Torino, mentre presto arriverà una app in grado di sostituire la tessera cartacea e rendere il sistema sempre più innovativo.

Oltre a dare la possibilità di visitare il patrimonio artistico della Regione, l’Abbonamento Musei Piemonte propone inoltre un calendario di visite guidate riservate agli abbonati, numerose convenzioni di sconto e riduzione su stagioni teatrali e concertistiche, al cinema e presso vari festival, nell'editoria e su itinerari di visita, e l’ingresso a tariffe agevolate in alcuni dei più importanti musei italiani. Per maggiori informazioni è possibilecontattare il numero verde 800.329. visitare il sito.

Eataly Lingotto proporrà, oltre a pacchetti speciali per il Natale 2018 dedicati al turismo in regione con prodotti del territorio e abbonamenti ai circuiti, un’offerta di Esperienze enogastronomiche tutta rinnovata: tour guidati, lab experience in reparto, degustazioni, show cooking e lezioni pratiche dedicate ai turisti che vogliono scoprire le eccellenze piemontesi, a tavola e non solo.

Da venerdì 30 novembre sarà attivo il bus Eataly Food Tour, in collaborazione con Cavourese e Somewhere. Un suggestivo percorso insieme a una guida professionista per andare alla scoperta del centro storico di Torino, tra scorci suggestivi e il racconto della storia della Città, gustando un calice di bollicine di benvenuto. Partenza da Piazza Castello, dalla targa che ricorda la bottega di Benedetto Carpano, per scoprire insieme golosità e curiosità di Torino, fino ad arrivare a Eataly Lingotto, là dove una volta c’era l’opificio della Carpano. Una visita guidata tra i reparti, i ristoranti e i laboratori di produzione dal vivo, fino ad arrivare al Museo dedicato al vermouth e al suo inventore, per raccontare la storia dell’eccellenza del Made in Italy e di Eataly. Il tutto con tappe di degustazioni delle eccellenze enogastronomiche che raccontano il meglio della produzione nazionale e piemontese. A fine serata rientro in Piazza Castello gustando, a bordo, golose praline al cioccolato.

Queste le prime date: venerdì 30 novembre (in vendita dal 12 novembre) 14 dicembre 28 dicembre 4 gennaio, ore 19.00 da Piazza Castello. Per informazioni e prenotazioni è possibile visitare i siti di Somewhere e Cavourese

Potrebbe interessarti anche: , A Torino i ragazzi in marcia con Unicef per ricordare i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza , Sofia Guidi: la prima ragazza italiana a Ted-ed Usa è di Torino , Brutto: una nuova azione del collettivo artistico in piazza Baldissera , Studiare di sera a Torino? A Murazzi Student Zone si può. Gli orari fino a mezzanotte , Sciopero a Torino sabato 17 novembre, fermi i mezzi Gtt. Gli orari

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Animali fantastici I crimini di Grindelwald Di David Yates fantastico 2018 L'universo di Harry Potter non smette di incantare. A distanza di un anno da Animali Fantastici e dove trovarli, già si annuncia il 15 novembre 2018, la data del nuovo capitolo del fortunato spinoff sul magico mondo del mago di Hogwarts. Animali... Guarda la scheda del film