Concerti Torino Martedì 2 ottobre 2018

EstOvest Festival 2018: le strade del suono. Il programma da Sonia Bergamasco ai Nobel africani

© Alessandro Schinco

Torino - Tante e ricche le novità in programma per l’edizione 2018 di EstOvest Festival, al suo diciassettesimo anno e sparso tra Torino, il Piemonte e Genova nei suoi tanti appuntamenti in calendario dal 5 ottobre al 2 dicembre.

Il festival è promosso dall’Associazione Ensemble Xenia e propone una programmazione fitta di concerti, master class, conferenze e produzioni esclusive in luoghi di Torino talvolta insoliti per ascoltare musica classica contemporanea, come il Museo Egizio, il Polo del ‘900 o il Museo Ettore Fico. Numerosi anche gli appuntamenti fuori città, sparsi in provincia tra Rivoli, Pinerolo, Ivrea, Manta, Masino e Cantalupa, che quest’anno si spingeranno fino al mare di Liguria grazie a una sinergia strategia con Le Strade del Suono di Genova.

Una collaborazione interregionale consolidata grazie al progetto di rete sostenuto da Compagna di San Paolo per il bando Performing Arts, che ha portato a un progetto ampio e condiviso ispirato al tema del racconto. Due i filoni, il torinese Luoghi immaginari e il genovese Something Real, intrecciati a costruire un percorso musicale definito, tra dimensione individuale e fantasia letteraria.

«L’edizione 2018 di EstOvest è dedicata a quelle dimensioni in cui il pensiero artistico aderisce a mondi fortemente desiderati, intensamente attesi – spiega Claudio Pasceri, coordinatore artistico di EstOvest -  i luoghi Immaginari sono siti di confine, che oscillano tra la realtà e la volontà», ma sono anche un omaggio alla musica come mezzo espressivo, alla sua capacità di narrazione suggestiva e irrazionale che dagli albori della storia ha accompagnato la comunicazione dell’uomo trascendendo dal linguaggio verbale.

Due le mission del Festival, da una parte quella di creare e collaborare con altri soggetti, come ben racconta il progetto genovese e il grosso lavoro di programmazione artistica a dialogo con le città e ilterritorio, dall’altra la necessità di fornire chiavi di lettura per far sì che il pubblico si senta a proprio agio con una musica come quella contemporanea spesso non così familiare. Lo ha ribadito anche Matteo Manzitti, direttore artistico Le strade del Suono, specificando che la filosofia comune è quella di portare il repertorio contemporaneo a orecchie spaventate e non inclini.

L’edizione 2018 di EstOvest Festival presenterà tante vie straordinarie del raccontare in musica, intendendo il linguaggio musicale come volano per l’immaginazione e la suggestione. La narrazione musicale conosce molti luoghi immaginari che i grandi compositori e interpreti concedono a tutti senza che smettano di essere intimi, o che appaiano come segreti ormai svelati. Ma a proposito di luoghi, non banali saranno quelli dove approderanno i concerti del Festival, oltre 20 progetti pensati ad hoc e molto spesso in prima esecuzione, che abbracciano la creazione musicale contemporanea tracciando un percorso di approccio sia per chi ancora non conosce da vicino questo affascinante panorama culturale e sia di approfondimento per i tanti cultori.

Per coinvolgere sempre di più il pubblico e per rompere gli schemi della fruizione della musica contemporanea anche quest’anno arriverà infatti EstOvest Off, per portare il Festival in spazi inconsueti e sorprendenti tra cui la stazione della Metropolitana di Torino Porta Nuova, la Farmacia Porta Palazzo, luogo di mescolanze linguistiche ed etniche, e la casa di riposo Esterina Coassolo di Cantalupa, nuovi palchi per delle esecuzioni musicali gratuite rivolte a chi si troverà lì di passaggio.

Protagonista del primo episodio di questa edizione il compositore Fabio Vacchi cui è affidata il 5 e 6 ottobre all’Accademia di Musica di Pinerolo la direzione della master class di apertura del festival. Tappa fondamentale del programma è il progetto African Novels, nato da un’idea di Claudio Pasceri e affidato a Orazio Sciortino che ha scritto un melologo per voce narrante e quartetto d'archi, ispirato ai testi dei Premi Nobel per la Letteratura di origine o ispirazione africana Albert Camus, Wole Soyinka, Nagib Mahfuz, Nadine Gordimer, J. M. Coetzee, J. M. G. Le Clézio. Lo spettacolo vedrà fondersi la voce dell’attrice Sonia Bergamasco e gli archi del NEXT-New Ensemble Xenia Turin, una prima assoluta venerdì 19 ottobre al Teatro Sociale di Camogli e il giorno successivo sabato 20 ottobre, nelle suggestive sale del Museo Egizio di Torino. Fra i molti appuntamenti anche il concerto conclusivo, domenica 2 dicembre nel teatro del Castello di Rivoli, coprodotto con Le Strade del Suono: Il racconto del silenzio che introdurràil tema della prossima edizione del progetto EstOvest Festival - Le Strade del Suono “Nuovi Silenzi”.

Ma ci sarà anche tempo per riflettere sulla contemporaneità e sulle sue manifestazioni artistiche con l’incontro dal titoloHai paura della contemporaneità?, in programma all’Accademia Albertina di Torino. Prosegue anche nel 2018 la collaborazione con la Fondazione Istituto A.Gramsci e il Polo del ‘900 che sarà sede di tre appuntamenti intitolati Il Novecento a Oriente Le bombe cadono, gli uccelli cantano che tracciano attraverso la creazione musicale contemporanea un viaggio attraverso Cina, India e Iran.

Accanto ai concerti troveranno spazio anche una serie di eventi collaterali che arricchiranno il cartellone della manifestazione. Fra questi Around Ovest, tre incontri condotti dall’archivista, storico e musicologo Marco Testa che si svolgeranno presso la Libreria-Bistrot Il Bardotto, e avranno l’obiettivo di mettere in relazione la sfera della musica contemporanea con altri campi della conoscenza.

Il programma completo dei concerti e dei grandi nomi protagonisti del festival sul sito di EstOvest.

Potrebbe interessarti anche: , Circolo della musica a Torino: i concerti 2019, da Zerocalcare a Paolo Benvegnù, Cristiano Godano e Diego De Silva , Maison Musique diventa Circolo della musica e annuncia quattro rassegne di concerti , Umberto Eco: a Torino un concerto omaggio, tra i boschi narrativi con Trovesi e Coscia , M** Talent, a Torino il contest per musicisti e cantanti emergenti , Palazzo Madama di Torino protagonista del video Hola di Marco Mengoni

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

La douleur Di Emmanuel Finkiel Drammatico 2017 Giugno 1944, la Francia è sotto l'occupazione tedesca. Lo scrittore Robert Antelme, maggior rappresentante della Resistenza, è arrestato e deportato. La sua giovane sposa Marguerite Duras è trafitta dall'angoscia di non avere sue... Guarda la scheda del film