Torino accessibile: un mese di incontri tra mostre, musica, cinema e teatro

Torino accessibile: un mese di incontri tra mostre, musica, cinema e teatro

Attualità Torino Mercoledì 26 settembre 2018

© Alessandra Chiappori

Torino - Ci saranno Torino Design of the city – dal 12 al 21 ottobre -, ma anche il Forum internazionale dell’accessibilità – il 16 e il 17 ottobre – tra i tantissimi eventi che, durante il mese, la città di Torino dedicherà al tema dell’accessibilità. Torino, verso una città accessibile non è solo, infatti, un calendario ricchissimo di iniziative, ma un progetto strategico che guarda alla sfida, attualissima, del design accessibile. Città creativa Unesco per il design, Torino si è infatti distinta negli ultimi anni per progettazione e lavoro rivolti a servizi, prodotti, iniziative aperte alla fruibilità, in un legame positivo tra design e accessibilità.

Una programmazione, come ha ricordato l’assessore alla cultura di Torino Francesca Leon, che coprirà un mese intero, quello di ottobre: «sono tanti gli operatori culturali che parteciperanno – ha detto – e sanno che Torino nel tempo ha lavorato molto sull’accessibilità, da qui l’esperienza che la città ritrova nella programmazione di ottobre. Torino Design of the City e l’anno europeo del patrimonio sono stati un motore per un ragionamento sull’accessibilità non come tema aggiuntivo ma strutturale, di progettazione culturale. La metodologia del design può essere uno strumento importante, occorre però riflettere su cosa intendiamo per accessibilità: non solo disabilità, se vogliamo una cultura partecipata e fruita bisogna infatti ragionare in termini più ampi, economici, culturali, tecnologici, cognitivi. Dietro il termine accessibilità c’è un mondo che dobbiamo esplorare per trovare delle linee di indirizzo da seguire».

Mostre, itinerari, percorsi: dal 1 ottobre Torino vedrà succedersi tante occasioni per rappresentare e discutere delle modalità con cui rendere accessibile il patrimonio, occasioni che avranno un fulcro nel forum del 16 e 17 del meseospitato nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Torino, dove le potenzialità della città saranno messe a confronto con riflessioni internazionali  per costruire una città più equa sotto molti aspetti e giungere all’elaborazione di un linguaggio comune. Saranno proposti momenti di riflessione, dialogo e confronto con esperti, istituzioni, associazioni e reti. Una due giorni - che vedrà la partecipazione di rappresentanti delle Città di Copenaghen, Montreal, Gratz, Barcellona, Bologna, Carrara, Fabriano, Milano, Parma, Pesaro, Roma e Alba - in cui ci si domanderà cosa significano i termini accessibilità e inclusione in una città metropolitana, quali ostacoli si sono superati e quali rappresentano ancora barriere da eliminare.

Si ascolteranno esempi di buone pratiche portate avanti da altre città, si farà il punto del percorso svolto nella nostra città e, con l’aiuto di esperti e la partecipazione di quanti sono interessati al tema, si cercherà di delineare un percorso e delle policy da attuare perché la cultura - sia essa materiale o immateriale - e il patrimonio culturale divengano un bene comune aperto e fruibile da tutti.

Sarà il primo passo pubblico di un percorso per giungere a una più approfondita e puntuale attenzione verso i temi dell’accessibilità nelle sue diverse articolazioni: economiche, culturali e sociali, sensoriali, cognitive, fisico - percettive. Se l’accessibilità diventa condizione di senso anche per il patrimonio, individuare gli ostacoli che si oppongono a un suo uso quotidiano e consapevole diventa per noi tutti una priorità.

«Il Forum sull’accessibilità rappresenta una formidabile occasione di confronto – ha sottolineato la Leon - un momento in cui Torino apre le porte all’innovazione con una riflessione a tutto campo sul futuro che vogliamo, perché la cultura è creatività senza confini, né barriere. La partecipazione sarà infatti la chiave di accesso al patrimonio di idee».

Oltre 170 appuntamenti - una sessantina dei quali dedicati al design – coinvolgeranno inoltre per tutto ottobre la città, con più di 150 enti coinvolti, tra grandi e piccole realtà, a dimostrazione dell’attenzione che il mondo della cultura torinese dedica al tema dell’accessibilità, un concetto che si allarga al superamento delle barriere sociali, economiche e culturali.

A Torino, durante tutto il mese di ottobre, saranno realizzati laboratori, promossi spettacoli teatrali, concerti, proiezioni cinematografiche e allestite mostre. Molte delle iniziative in programma sono definite percorsi: «Si tratta di visite all’interno di musei, in archivi, biblioteche o sul territorio da fare in gruppo e con l’accompagnamento di guide che aiuteranno i partecipanti a cogliere gli aspetti essenziali di una mostra, a scoprirne di nuovi, a viverle da prospettive diverse – prosegue ancora Francesca Leon - Alcuni di questi, benché studiati per le persone con disabilità, possono essere compiuti da chiunque. Nell’anno europeo dedicato al patrimonio abbiamo scelto di lavorare sul tema dell’accessibilità universale riferita a strutture, servizi e attività culturali nella speranza di stimolare le istituzioni culturali ad aprirsi a pubblici nuovi».

In ottobre Torino ospiterà anche, in diverse sedi, dal 12 al 21 del mese, la seconda edizione di Torino design of the city 2018, con una sessantina di appuntamenti che avranno sempre come filo conduttore l’heritage e l’accessibilità universale riferita a strutture, servizi e attività culturali, ovvero la capacità delle istituzioni di aprirsi a pubblici nuovi e lavorare sul loro rapporto con il proprio patrimonio culturale tangibile e intangibile.

Un evento internazionale il cui successo, nel 2017, è stato un impulso per continuare a lavorare per ridisegnare Torino partendo dai bisogni delle persone, progettando servizi che siano il frutto di processi condivisi, ideati insieme ai cittadini e alle comunità del territorio e valorizzando le diversità come elementi d’innovazione.

Dettagli sul progetto, informazioni e programma online.

Potrebbe interessarti anche: , Mascherine in Piemonte obbligatorie anche all'aperto: quando e dove bisogna indossarle , Archivissima e Notte degli Archivi 2020 digital: il programma. Con Stefania Auci, Michela Murgia e Cathy La Torre , Aeroporto Caselle di Torino: due nuovi voli per l'estate 2020 con Volotea , Scuola Holden, la Special Edition per il 2020/2021 tra corsi e sconti , Coronavirus a Torino: sospesi i mercati all'aperto

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.