Libri Torino Martedì 25 settembre 2018

Portici di carta 2018: a Torino nel segno di Pippi Calzelunghe, con Parrella, Murgia, De Silva e tanti altri

Torino - Con una mascotte d’eccezione come la sbarazzina Pippi Calzelunghe, l’eroina dei libri di Astrid Lindgren, torna sabato 6 e domenica 7 ottobre nel centro di Torino Portici di carta, la libreria più lunga del mondo. Saranno infatti 123 i librai e gli editori piemontesi che srotoleranno la propria offerta di libri sotto i portici di via Roma, coinvolgendo Piazza San Carlo e tante altre zone della città in una grande festa dei libri e delle storie per celebrare l’amore per la lettura. Numerosi i grandi ospiti, così come le presentazioni, i reading, i progetti e i laboratori per i più piccoli, passando per l’ormai tradizionale appuntamento con le passeggiate letterarie che porteranno i curiosi a spasso per la città, scoprendo gli angoli vissuti e raccontati dagli scrittori e dagli intellettuali che hanno fatto grande Torino.

Ed è proprio da questo fertile terreno che parte ancora una volta la macchina organizzativa di una delle manifestazioni legate ai libri più amate in città. Ideatore, 13 anni fa, Rocco Pinto, libraio e coordinatore, che ha ricordato l’emozione di riscoprire ogni anno i grandi nomi degli intellettuali che, ai primi del Novecento, hanno creato le condizione adatte affinché Torino potesse vivere intense stagioni culturali e sviluppare l’humus sul quale ancora oggi si alimentano iniziative come Portici di Carta o Torino che Legge, destinata a diventare presto Piemonte che Legge, con un orizzonte più ampio. «In questa città – ha detto Rocco Pinto – ci sono delle eccellenze e una ricchezza di luoghi dedicati alla lettura che lavorano insieme per cercare di tutelare questo patrimonio».

Gustosa anteprima di Portici di carta, quest’anno, già il 29 settembre, un sabato che vedrà protagoniste le librerie dove tutto l’anno, silenziosamente, si organizzano incontri e presentazioni. Il filo conduttore degli appuntamenti, che proseguirà durante la manifestazione, sarà quello della voce, con letture dal vivo e una collaborazione con Assemblea Teatro, già protagonista di un progetto del consorzio COLTI dedicato alla rinascita dopo gli incendi in val di Susa.

«Siamo felici di presentare questa 12esima edizione – ha dichiarato Francesca Leon, assessore alla cultura del Comune di Torino – Portici di carta è tra le azioni richiamate nel patto della lettura cui la città sta lavorando con i soggetti della filiera del libro in un’alleanza progettuale e di coordinamento che ha per tema la promozione della lettura sul territorio cittadino. Quest’anno tra le novità presenteremo un nuovo mezzo, il bibliobus per la promozione della lettura che si muoverà nelle aree della città che non hanno un servizio bibliotecario di prossimità. Si tratta di un tir di 200 volumi dotato di wi-fi per l’accesso alla biblioteca digitale, un luogo attraverso cui stimolare incontri, letture e alfabetizzazione informatica».

48 saranno gli editori piemontesi presenti a Portici di carta, espressione di una ricchezza territoriale che trova appoggio nelle politiche dell’assessorato alla cultura regionale «Sosteniamo molto le attività legate alla promozione del libro – ha ribadito infatti l’assessore Parigi – la cifra del mio assessorato è stata proprio quella di cercare di sostenere l’editoria piemontese, e poi rafforzare la filiera con i librai indipendenti e con il mondo delle biblioteche. Non è tanto una volontà politica, perché non si realizza in contributi diretti, ma una promozione che si realizza attraverso la presenza degli editori alle manifestazioni. Da quest’anno partirà un acceleratore di impresa che accompagnerà il lavoro degli editori per consolidare ciascuna impresa sul territorio piemontese. Crediamo molto nei librai indipendenti: la nuova legge regionale riconosce la necessità di sostenerli tra gli obiettivi pubblici. Il patto per la lettura e Torino che legge sono esperienze importanti, ecco perché stiamo lavorando per ampliarle con Piemonte che legge».

Il 6 e 7 ottobre i portici di via Roma, piazza San Carlo e piazza Carlo Felice saranno suddivisi in 19 tratti tematici che raggrupperanno in modo omogeneo le librerie e le case editrici a seconda delle rispettive specializzazioni. Ai 60 anni dalla prima traduzione italiana di Pippi Calzelunghe, personaggio rivoluzionario e icona in grado di valicare i confini  della  letteratura  per  l'infanzia, sarà dedicata l’edizione 2018: Per l’occasione, Valeria  Parrella terrà - sabato 6 ottobre, ore 18.30, Oratorio San Filippo Neri (via Maria Vittoria 5) -  una lezione dal titolo Pippi maestra di femminismo; gli allievi della Scuola ODS (Operatori  Doppiaggio e Spettacolo), coordinati da Stefania Giuliani, leggeranno nello Spazio Bambini estratti del libro e, il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli, animerà piazza San Carlo con una grande azione di  pittura collettiva a lei ispirata.

L’Oratorio di San  Filippo e il Circolo dei lettori ospiteranno gli spazi eventi, ma le attività si svolgeranno anche in piazza San Carlo con lo Spazio Bambini e il Bibliobus, i Giardini Sambuy l’area pedonale di via Roma. Palazzo Lascaris e la Biblioteca civica Centrale saranno sedi rispettivamente delle mostra dei tappeti della guerra russa-afghana e della fotografica promossa dall’associazione Wondy sono io. Sul tram storico dell’ATTS (Associazione Torinese Tram Storici) si alterneranno letture dedicate a Torino proposte dalle Biblioteche civiche torinesi e curate dagli allievi della ODS, coordinati da Stefania Giuliani.

Tra gli appuntamenti in programma il confronto di Nando dalla Chiesa con Margherita Oggero sulla bellezza dell’insegnare partendo dal suo libro Per fortuna faccio il prof; la presentazione del libro Ho scoperto di essere morto dell’emergente scrittore brasiliano João Paulo Cuenca, con Darwin Pastorin; l’incontro con Aldo Cazzullo al Circolo dei lettori che proporrà Giuro che non avrò più fame. L’Italia della ricostruzione; il debutto letterario di Luigi Lo Cascio con Ogni ricordo un fiore, presentato da Elena Varvello; il ritorno di Benedetta Cibrario col suo atteso Il rumore del mondo, in dialogo con Giovanni Tesio; le letture e le riflessioni sul libro di Luca Rastello Dopodomani non ci sarà, con Monica Bardi, Davide Ferrario e Marco Gobetti; la presenza delle autrici del Concorso letterario nazionale Lingua Madre Marcela Luque e Madeleyn Eugenia Mendoza Marquez. Attesi inoltre il reading musicale Trio Malinconico di Diego De Silva - tratto dalla quadrilogia dell’avvocato Malinconico e dal suo ultimo libro Superficie - e l’affabulazione sentimentale di Fabio Stassi Ogni coincidenza ha un’anima. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso  gratuito.

Gli editori ospiti di quest’anno saranno Emons Audiolibri, che proporrà, nell’Oratorio San Filippo, il reading di Michela Murgia dedicato a Canne al vento di Grazia Deledda e, in piazza San Carlo, La voce delle pagine dove ascoltare estratti dal meglio del catalogo della casa editrice, e Gallucci Editore, per i più piccoli.

Sempre per i bimbi, in piazza San Carlo lo Spazio Bambini offrirà letture, animazioni e laboratori in collaborazione con Gallucci editore, Biblioteche civiche torinesi, ITERIstituzione Torinese per  una Educazione Responsabile, Dipartimento  educazione del Castello di Rivoli – Museo di Arte Contemporanea e il Premio  nazionale «Nati per leggere».

Torneranno infine le Passeggiate di Portici di Carta, 8 percorsi e una novità rappresentata dalle voci degli scrittori migranti in San Salvario. Prenotazione obbligatoria via mail.

Sul sito di Portici di carta, oltre al programma completo di questa edizione, si può scorrere la storia e si possono visionare le immagini dei primi undici anni di Portici, nonché troare e consultare le mappe interattive delle Passeggiate e le schede di tutte le librerie.

Potrebbe interessarti anche: , Salone del libro di Torino: un crowdfunding per salvare il marchio all'asta , Il Forum del Libro a Torino: «diffondiamo la lettura come pratica sociale» , Premio InediTo: il bando 2019 tra ecologia e un omaggio a Giovanni Arpino , Torino torna Città del libro e approva il Patto per la lettura , 7 minuti in 7 librerie: a Torino il progetto con cui i ragazzi si raccontano attraverso i libri

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film