Artissima 2018: Torino si veste di arte contemporanea. Date e anticipazioni

Artissima 2018: Torino si veste di arte contemporanea. Date e anticipazioni

Mostre Torino Mercoledì 19 settembre 2018

Torino - Il clima estivo allontana dai torinesi l’idea dell’autunno, ci pensa però l’arte contemporanea a solleticare la voglia di una nuova stagione e a far venire l’acquolina a tutti gli appassionati. Torna infatti dal 2 al 4 novembre nei padiglioni dell’Oval Lingotto, guidata da Ilaria Bonaccosa, Artissima, la fiera internazionale di arte contemporanea, e porta con sé gallerie, eventi, progetti e tantissimi appuntamenti declinati sulla chiave dell’arte contemporanea che si espanderanno per tutta la città, facendone un centro pulsante per cultori e curiosi.

«Artissima riunisce a Torino botteghe d’arte e collezionisti da tutto il mondo per un prodotto di eccellenza in una città che si presta benissimo a un evento del genere - Ha esordito Maurizio Cibrario, presidente della Fondazione Torino Musei durante la presentazione dell’edizione 2018 di Artisttima alle Ogr di Torino – Artissima è torino, ed è qua, solo qua».

Una scelta non casuale, quella di utilizzare gli ampi e suggestivi spazi post industriali delle Officine Grandi riparazioni per presentare il programma e le novità dell’edizione 2018 della fiera d’arte contemporanea, sia perché da un anno a questa parte le Ogr si sono dimostrare un polo ricco di contaminazioni artistiche, sia perché proprio qui si svolgerà per la prima volta una parte innovativa di Artissima dedicata ai suoni. Come ha ricordato Massimo Lapucci, che di Ogr è il presidente: «il legame che tiene insieme questo posto e Artissima è molto forte, ci siamo proposti come hub culturale e officina creativa della contemporaneità diventando una cassa di risonanza per l’aspirazione internazionale della città. Il progetto Artissima sound camminerà sul filo tra visivo e performativo, del resto il suono è un elemento che fa parte delle Ogr, legato ai lavori che si svolgevano qui nelle officine ferroviarie in passato e ai suoni classici ed elettronici che da un anno contraddistinguono i nostri eventi».

Sulla stessa linea è intervenuto Nicola Ricciardi, direttore artistico delle Ogr e, per il 2018, curatore di Artissima Sound, sfida e novità dell’anno: «è una bella sfida e si sposa bene con le nostre linee guida, in una terra di confine quale siamo tra visivo e performativo. La sound art mi è sembrata un’idea perfetta per questa location: arriviamo da un anno di tante contaminazione, ma concentrarle in questo progetto e riuscire a venderle è una sfida nuova che abbiamo accettato. È la prima volta che ospitiamo una fiera, è come un continuo stress test per verificare la potenzialità di questo spazio. Sarà anche l’occasione per portare qui artisti da sogno che rappresentano degli unicum nel mondo dell’arte, abbiamo operato una selezione trasversale, per età, ma anche su artisti acclamati e altri meno noti, una sorta di mix per offrire una prospettiva sulle potenzialità della sound art».

Tante le novità di un’edizione che festeggerà i 25 anni, accompagnata da un’immagine grafica che ben rappresenta il primo quarto di secolo di una manifestazione trascinante. Il tema del 2018 sarà proprio il tempo, “Time is on our side”, il tempo è dalla nostra parte, come ha ricordato la Bonaccosa, ricordando il carattere tutto speciale di una città come Torino, sospesa tra contraddizioni che la rendono unica: passato e presente, magia nera e razionalismo, cotemporaneità e antichità, una città speciale che vive in un tempo dilatato. Una città che ospiterà ancora una volta Artissima negli ampi spazi dell’Oval, con i suoi ventimila metri quadri di area capaci di accogliere, nel 2017, un pubblico di cinquantaduemila visitatori e 1394 gallerie, risultati a cui si guarda per questo nuovo anno.

Tutta Torino, sull’onda di Artissima, dedicherà una settimana intera all’arte contemporanea: «25 anni fa sono nate tantissime cose a Torino – ha ricordato Francesca Leon, assessore del comune alla cultura – il percorso di crescita di Artissima è di tutta la città intorno all’arte contemporanea: stiamo vivendo una città con un vivace interesse culturale che guarda al territorio ma anche all’estero, con mostre di grandissimo respiro. Creatività e giovani artisti si ritrovano qui a Torino, a testimonianza di un radicamento dell’arte contemporanea nella nostra identità».

Non solo Torino, ma l’intero Piemonte sarà coinvolto in Artissima 2018, come ha evidenziato l’assessore regionale Antonella Parigi rendendo noto che saranno istituti collegamenti tra il capoluogo e il Roero. Tutte le eccellenze del territorio saranno coinvolte dal 2 al 4 novembre nella grande fiera d’arte, che condurrà per mano i visitatori da qui all’inaugurazione anche grazie attraverso 25 interviste che saranno diffuse sui canali social di Artissima e coinvolgeranno direttori, galleristi, collezionisti.

Tra le novità per i 25 anni una experimental accademy, sperimentazione in cui coabitazione e scuola si uniranno per un progetto dentro la fiera in forma di factory aperta, con un radio a corto raggio ascoltabile dal pubblico. Non mancherà ovviamente Artissima Junior, nella convinzione che frequentare l’arte fin da piccoli renda adulti migliori: i piccoli lavoreranno con un’artista argentina per creare una vera e propria installazione ambientale. Numerosissime le collaborazioni, tra cui spicca quella con Treccani per la produzione di edizioni di arte contemporanea nell’intento di avvicinare sempre più pubblico al tema.

Tantissimi e in aumento anche i premi, che si focalizzeranno in modo particolare sul riconoscimento al lavoro di giovani artisti spesso under 35 e introdurranno una curiosa novità tra chef, cucina e arte. Tra i legami con Torino che saranno ripercorsi, quello con Carol Rama, a cento anni dalla nascita, della quale saranno esposti oggetti privati. La sezione disegni lanciata nel 2017 tornerà, tra gallerie apposite e vendita, nonché un progetto speciale che coinvolgerà gli studenti delle accademie.

Il pubblico sarà guidato per mano grazie alle visite guidate per scoprire la fiera da punti di vista e tematiche differenti, e torneranno come nel 2017 il walkie talkies, chiacchierate tra collezionisti e curatori. Infine, non mancherà un’apertura sulla comunicazione, con una redazione live e una social room presa d’assalto l’anno scorso e utile non solo a ricaricare telefoni e tablet ma anche a chiacchierare e scambiare visioni sulla fiera più interessante dell’autunno torinese.

Il programma completo e le novità di Artisttima 2018 sono online sul sito della fiera internazionale di arte contemporanea.

Potrebbe interessarti anche: , Artissima sui social con ge·ne·a·lo·gì·a: l’arte italiana non si ferma , Virtual tour al Museo Egizio di Torino: tra passeggiate con il direttore e mostre digitali , La Fondazione Torino Musei si sposta online: le attività di Palazzo Madama, Gam e Mao , Il Polo del '900 di Torino online: racconti e voci del Novecento per parlare del presente , Il planetario di Torino non si ferma: arriva infini.To a casa

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.