Da Torino Porta Nuova a Ormea: la ferrovia turistica del Tanaro torna interamente percorribile

Da Torino Porta Nuova a Ormea: la ferrovia turistica del Tanaro torna interamente percorribile

Cultura Torino Venerdì 24 agosto 2018

Il transito del treno turistico nei pressi di Nucetto

Torino - Domenica 16 settembre, l’unica ferrovia turistica del Piemonte torna interamente percorribile dopo l’alluvione del 2016. Le storiche carrozze centoporte percorreranno nuovamente il tracciato da Torino Porta Nuova a Ormea raggiungendo anche Ceva per la Mostra Regionale del Fungo.

Correva l’anno 2016 e l’11 settembre partì da Torino Porta Nuova il primo convoglio storico diretto ad Ormea rientrante nel progetto Binari senza tempo, promosso dalla Regione Piemonte e dalla Fondazione Ferrovie dello Stato in collaborazione con l’Unione Montana Alta Val Tanaro. Un piano triennale per valorizzare e promuovere turisticamente l’intero territorio per mezzo di affascinanti treni storici, con un paio di corse all’anno volte a supportare le peculiarità e gli eventi più caratteristici della zona.

Tra il 24 e il 25 novembre, però, la drammatica piena del fiume Tanaro, per la prima volta nella storia, piegò al suo volere anche un tratto della ferrovia nei pressi di Pievetta. Grazie all’impegno di RFI e alla collaborazione raggiunta tra i diversi enti attuatori (che hanno comunque voluto proseguire con i treni storici accorciati sia nel 2017, sia a luglio di quest’anno), il danno sull’unica linea ferroviaria oggi ufficialmente turistica tra Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta è stato definitivamente riparato e il prossimo 16 settembre le carrozze Centoporte potranno fare ritorno nella stazione di Ormea

Il convoglio partirà come sempre da Torino Porta Nuova per dirigersi dapprima ad Ormea (dove è prevista una breve accoglienza per i visitatori), quindi a Ceva, per visitare la cinquantasettesima Mostra Regionale del Fungo. Un viaggio esperienziale alla scoperta della storia e dell’enogastronomia di una valle sospesa tra mare e montagna, Piemonte e Liguria, Italia e Francia.

Per informazioni e prenotazioni: visitare il sito e inviare una mail.

Potrebbe interessarti anche: , In Piemonte riaprono i beni del Fai: come visitare i castelli di Masino e della Manta , Grand Tour: tra il Piemonte e la Valle d'Aosta alla scoperta del barocco , Giornate Fai di Primavera 2020 rinviate anche a Torino e in Piemonte , Il Politecnico di Torino su Topolino per raccontare le donne nella scienza , Mina: 80 anni celebrati a Torino con una rassegna e un convegno internazionale

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.