Outdoor Torino Venerdì 27 aprile 2018

Domenica ecologica a Torino il 29 aprile: cinque idee su cosa fare in città senza auto

© Alessandra Chiappori

Torino - Con la giornata del 29 aprile torna, per il terzo appuntamento del 2018, la domenica ecologica, definita dal Comune di Torino Domenica per la sostenibilità. Nove saranno, nel corso dell'anno, le domeniche incentrate sulla sostenibilità ambientale, promosse da Torino per stimolare un cambiamento nelle abitudini individuali e nel modo di vivere in città, promuovendo dunque la cittadinanza attiva e la diffusione della coscienza ambientale.

Il 29 aprile il centro storico cittadino sarà dunque chiuso al traffico veicolare dalle ore 10 alle ore 18 entro i confini della Ztl centrale e diventerà uno spazio aperto e vivibile, ideale per scoprire angoli di Torino poco noti, e per godere di una città rilassata cin ritmi dolci e lenti capaci di sottolineare le particolarità e le bellezze. La stagione è la migliore per uscire di casa e approfittare dell'occasione, tra ricchissimi giardini in fiore, il verde delle chiome nei parchi e nei viali, e la possibilità di concedersi gite a piedi o in bicicletta senza l'ingombro di giacche pesanti, sciarpe e cappelli.

Non c'è bisogno di allontanarsi affatto dal centro della città per godere di un'oasi di pace, verde e serenità. Si tratta dei Giardini Reali, recentemente sottoposti a un intervento di recupero e risistemazione che proseguirà nei prossimi anni, ma che al momento ha restituito alla città una grossa parte di giardino, ridisegnato da Paolo Pejrone nella parte del boschetto e arricchito da una statua di Giulio Paolini. Basterà entrare a Palazzo Reale e proseguire oltre il cortile per trovarsi in una dimensione verde, fatta di silenzio, ombra, rumori urbani attutiti. Da non sottovalutare, poi, la presenza di seggiole e di sdraio che, permettendo al pubblico di rilassarsi nel pieno comfort, restituisce l'idea di trovarsi immersi nel verde del parco di una grande capitale europea come Parigi, tra lingue che si mescolano, turisti e studenti erasmus affascinati dalla magia del luogo.

Sempre in tema green, perché non approfittare del blocco del traffico per una passeggiata alla scoperte delle aiuole scolpite e decorate realizzate dal giardiniere del Comune di Torino Rudy Marasciuolo, dove con la primavera sono sbocciati nuovi allestimenti floreali? Tra materiali riciclati e riusati e idee che pescano direttamente dal mondo incantato delle favole, è sufficiente spostarsi tra piazza Castello e Piazza Carlo Alberto, deviare per i Giardini La Marmora di via Cernaia e avventurarsi fino al Paro del Valentino per restare rapiti dalla dolcezza di coppie innamorate, lettere d'amore, libellule, fate che leggono e un pescatore preso di mira da un gatto dispettoso. Una piccola e delicata mostra verde e all'aria aperta tutta da scoprire, passo dopo passo, o pedalata dopo pedalata.

Un'altra idea che vi permetterà di fare una bella passeggiata in città, per un tratto immersa in un'area verde, è quella di salire al Monte dei Cappuccini. Attraversati Piazza Vittorio Veneto e il Ponte che conduce alla Gran Madre, portando sull'altra sponda del fiume in Borgo Po, dovrete affrontare un breve tratto in salita che si inerpica su per la collina. Viene chiamato monte ma si tratta di un pendio che non arriva a sfiorare i trecento metri, sulla cui sommità sorge l'inconfondibile profilo della chiesa barocca di Santa Maria del Monte. Accanto alla chiesa sorge il Museo della Montagna, un approfondito e interessante percorso di visita alla scoperta del rapporto dell'uomo con le Alpi e la montagna anche fuori dai confini italiani, gestito dal CAI. La vera chicca, però, è il panorama, che si apre sul fiume e sull'intera città, offrendo nei giorni privi di foschia e di smog un'imperdibile e magica vista sulle Alpi, che fanno da sfondo agli elenganti palazzi di Torino, alla Mole e talvolta al pallone gonfiabile del Balon. 

Al fiume e al Monte dei cappuccini è dedicato anche il percorso per ragazzi che domenica 29 aprile prenderà il via alle 14.30, organizzato dalla cooperativa Theatrum Sabaudiae. Si tratta di una passeggiata in collina che si snoderà a partire da piazza Vittorio (il ritrovo è fissato davanti al Caffé Elena), attraverserà ancora una volta il ponte Vittorio Emanuele I, e si soffermerà sull'osservazione del fiume, con le specie animali che lo abitano. Il percorso proseguirà salendo al Monte dei Cappuccini attraverso scoperte geologiche e floristiche seguite insieme a una botanica. È prevista la visita al Museo della Montagna, seguirà una merenda inclusa nel prezzo di 7 euro per adulti e 5 per bambini.  Per info e prenotazioni: 011/5211788 o il sito dedicato.

Se stanchezza e pigrizia non vi solleticano la voglia di mettervi in cammino, c'è un altro modo simpatico per riscoprire la città senza spostare l'auto dal posteggio. Si tratta della linea storica del tram numero 7, fatta rivivere grazie a un progetto di ATTS - Associazione Torinese Tram Storici. Mezzo ecologico, il tram storico è composto di una vettura caratteristica, l'itinerario dà l'opportunità di viaggiare nel centro città su una sorta di "museo in movimento" dove è possibile rivivere la storia su un mezzo d'epoca. Il percorso è unico e circolare lungo i grandi viali perimetrali e attraverso il centro storico passando per la stazione di Porta Nuova. Il tram 7 circola il sabato e nei giorni festivi, capolinea è in piazza Castello di fronte al Teatro Regio.

E se proprio l'idea di spostarvi non vi piace, resta l'opzione classica, la più amata dai torinesi. Si tratti di stendersi all'ombra con un libro, leggere il giornale, uscire con il proprio amico a quattro zampe, godere di un giro in biciletta o di una passeggiata, o ancora allenarsi per una gara o per stupire gli amici con le proprie abilità circensi, il Valentino resta il parco più amato dagli abitanti della città. Nelle belle giornate primaverili si affolla di persone che stendono coperte e, contemplando gli alberi con i loro scoiattoli, e il fluire delle canoe sul Po, ritrovano il relax, e riscoprono la bellezza della città in pieno centro, senza dover pensare all'automobile.

Potrebbe interessarti anche: , Il treno del foliage in Valle Vigezzo da Domodossola a Locarno: biglietti, prenotazioni e percorso 2019 , Turismo e Territorio: nelle Valli dell'Alto Tanaro con Slow Food Travel , Torino Spiritualità 2019: il programma delle escursioni di Ad infinita notte , Maratona Reale 2019: la terza tappa a Stupinigi. Orari, percorso e programma , Napoleonica 2019: l’Armata di Riserva di Napoleone al Forte di Bard. Programma, biglietti e navette

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.