Attualità Torino Mercoledì 11 aprile 2018

Or-To: a Torino l'orto urbano dedicato ai semi e alla biodiversità

© Alessandra Chiappori
Altre foto

Torino - Non li ha fermati la pioggia battente, e nemmeno l’aria affatto primaverile: decine sono stati i bambini che, per l’inaugurazione della seconda edizione di Or-To, l’orto urbano del quartiere Nizza Millefonti, hanno trapiantato insalate, pomodori, fagiolini, melanzane e piantine per popolare i vasi e le fioriere del piazzale davanti a Eataly. Una vera festa della natura, che ha permesso per una mattina di abbandonare i banchi e provare la sensazione di mettere le mani nella terra, prendendosi cura di una pianta che crescerà e darà i suoi frutti.

È il secondo anno per Or-To e per il suo allestimento temporaneo, che sarà accudito dal quartiere e le cui piante saranno seguite fino al prossimo 24 settembre. Punto di riferimento per il quartiere, e vivo e dinamico a seconda delle stagioni (lo scorso settembre si trasformò infatti in Vigne-To), l’orto è composto da 60 cassoni in legno, ottenuti da materiali di riciclo.

«I bimbi sono i veri protagonisti di questo spazio che ha saputo costruire una nuova identità per il quartiere, e dove ci si può fermare – ha confermato l’assessore alla cultura di Torino Francesca Leon, presente all’inaugurazione e circondata per l’occasione da bambini delle scuole di un’età compresa tra la materna e le medie, e dai loro insegnanti – mettere le mani nella terra è il modo per conoscere la nostra realtà, per capire cosa mangiamo e che i frutti nascono sulle piante, e proprio con fatica e pazienza si può far crescere una pianta, che rappresenta anche la possibilità di costruire insieme un mondo diverso, dove la natura ha un ruolo centrale. Per coltivare servono pazienza e passione, l’orto ce lo può insegnare e se lo facciamo tutti insieme è ancora più bello».

Or-To è un’iniziativa promossa da Eataly e coordinata da OrtiAlti, e ha il patrocinio di Regione Piemonte, Città di Torino e della Circoscrizione 8, quartiere che a settembre accoglierà Terra Madre Salone del gusto: «sarà un momento importante per riconciliarci con la terra» ha fatto notare il presidente di circoscrizione Davide Ricca, che ha poi esortato i bambini a non dimenticare l’importanza di mettere le mani nella terra, per costruire e far crescere i progetti.

Le coltivazioni e le iniziative dell’orto urbano avranno non a caso un focus speciale sui semi e sulla biodiversità urbana. Le sementi usate sono quelle del progetto promosso da Eataly e Slow Food con  Università degli Studi di Palermo e Arcoiris Seminiamo la biodiversità, che ha tra gli obiettivi quello di sensibilizzare il pubblico sulla centralità dei semi nel processo della catena alimentare. Base della sopravvivenza sul pianeta, i semi sono fondamentali per l’agricoltura e le comunità contadine: per Or-To ne sono stati selezionati varietà tradizionali ottenute con pratiche agricole biologiche da Arcoiris. Bambini e cittadini diventeranno protagonisti di attività attraverso cui raccontare e scoprire le numerose varietà di sementi, il loro legame con la salute sia dei territori che dei consumatori, affrontando nella pratica concreta il tema degli ecosistemi urbani. A tempo debito, nei cassoni coltivati di Nizza Millefonti si potranno così raccogliere anche il cavolo nero di Toscana, il pomodoro tondino maremmano o la zucchina trombetta di Albenga.

Contadini speciali di Or-To, insieme produttori e consumatori dei suoi frutti, non saranno solo i bambini delle scuole e gli abitanti del quartiere, sollecitati alla cura di un’area verde condivisa e a disposizione della comunità, ma anche, da quest’anno, i piccoli pazienti del Regina Margherita. La scuola interna all’ospedale promuove infatti un’attività di formazione apposta: «ci siamo dati il compito di creare percorsi durante il periodo di cura che possano farlo sembrare un tempo più vicino alla realtà di ogni giorno – hanno spiegato i rappresentanti della struttura ospedaliera specializzata nella cura delle patologie pediatriche - per questo abbiamo aderito con piacere».

Tra corsi, concerti, laboratori e cacce al tesoro, Or-To 2017 ha fruttato oltre 100 kg di ortaggi, raccolti e donati alla mensa della Parrocchia Patrocinio di San Giuseppe. Quest’anno a monitorare il raccolto che sarà, tra un tulipano e l’altro in arrivo direttamente dal parco del Castello di Pralormo, c’è anche il nanetto Ortolo, mascotte ufficiale dell’iniziativa. Via intanto il 14 aprile alle iniziative dedicate al pubblico con L’orto in cassetta: appuntamento del sabato mattina che fino a fine maggio permetterà a tutti di imparare a mantenere un orto anche sul balcone di casa, sperimentando così la bellezza di produrre ortaggi a chilometro zero. Per informazioni e prenotazioni: 011 19506801, Eataly

Potrebbe interessarti anche: , Caldo record a Torino: consigli e accorgimenti per evitare rischi alla salute , Da Torino all'Himalaya in carrozzina per solidarietà , Locali al Valentino e ai Murazzi: riapre l'Imbarchino, bar robotico in funzione tutta l'estate , Torino City Lab: la città diventa laboratorio per l'innovazione , Ronaldo a Torino: voglio lasciare un segno nella storia della Juventus, sono motivato e non vedo l'ora di giocare

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Stronger Io sono più forte Di David Gordon Green Drammatico U.S.A., 2017 Jeff, un 27enne che era alla maratona per provare a riconquistare l’amore della sua ex-ragazza Erin. È lì al traguardo ad aspettarla quando le bombe esplodono, provocandogli la perdita di entrambe le gambe. Dopo aver ripreso conoscenza in ospedale,... Guarda la scheda del film