Cultura Torino Domenica 26 marzo 2017

Biennale della Democrazia 2017: il programma e gli eventi da non perdere

Roberto Saviano
© www.facebook.com/RobertoSavianoFanpage

Acquista i biglietti per la Biennale della Democrazia su happyticket. Puoi farlo direttamente online, ovunque tu sia.

Torino - Da mercoledì 29 marzo a domenica 2 aprile torna a Torino la Biennale della Democrazia. Uscite di emergenza il titolo di questa quinta edizione presieduta da Gustavo Zagrebelsky.

Nei cinque giorni dell'evento si danno appuntamento nel capoluogo piemontese 246 protagonisti nazionali e internazionali del dibattito culturale – filosofia, economia, diritto, scienza, tecnologia, arte – per una serie di confronti pubblici, con la partecipazione attiva dei cittadini e uno speciale coinvolgimento dei più giovani. Nel corso degli incontri, che si svolgeranno in diversi luoghi della città, ci si confronterà sulle emergenze, cogliendo anche le opportunità di cambiamento e di nuovi inizi.

Il programma prevede 106 appuntamenti, che declinano il tema Uscite di emergenza in tre differenti filoni - Stati di necessità, Società dell'incertezza, Nuovi inizi - e due Focus, Domande all'Europa, La città che cambia.

La rassegna si apre alle 18, al Teatro Regio, con Tito Boeri, presidente dell’Inps, che parlerà di Populismo e stato sociale nelle democrazie industrializzate. Alle 16, presso la Fondazione Merz, sarà inaugurata la mostra Corpi attraverso i confini. Memorie dell’Europa di oggi, mentre la giornata si conclude alle 21, al Teatro Regio, con l’Orchestra di Piazza Vittorio, che presenterà Il giro del mondo in 80 minuti.

Tra gli inconri da non perdere nell'arco dei cinque giorni, vi segnaliamo, il 30 marzo alle 10.00 al Teatro Carignano La parola che non c’è con Gustavo Zagrebelsky. Michelangelo Pistoletto è protagonista dell'incontro dal titolo Ecologia del diritto sulle crisi ambientali, economiche e sociali odierne, il 31 marzo alle 11.30 al Teatro Gobetti.

Il filosofo Massimo Cacciari parlerà di Apocalisse il primo aprile al Teatro Carignano. I giornalisti Mario Calabresi, direttore di La Repubblica e Enrico Mentana, volto e direttore del Tg di La7, invece, affronteranno il tema Possiamo fidarci dei giornalisti? A loro le risposte alla domanda che si solleverà la mattina del 1 aprile al Teatro Carignano.

Sempre il 2 aprile, ma alle 17.30 al Grattacielo Intesa San Paolo, Gad Lerner, giornalista e scrittore, si sofferma insieme al filosofo e psicanalista Romano Màdera, su Emergenze interiori e immagini mediatiche.

Nazionalismi e populismi, cosa resta dell'Europa? È l'interrogativo da cui prende il via il dibattito che vede protagonista la giornalista Lucia Annunziata, il primo aprile alle 10.30 alla Cavallerizza Reale. Sempre alla Cavallerizza Reale, e sempre il primo aprile alle 15.30, la sindaca di Lampedusa Giusi Nicolini, insieme allo storico dell'arte Tomaso Motanari, parlano di Ri(e)voluzioni Luoghi in divenire e nuove comunità.

Ospite della Biennale anche il regista di flm horror Dario Argento, al Teatro Regio di Torino alle 21 del 1 aprile, con la proiezione di Zombi sonorizzata dal vivo dai Claudio Simonetti.

Chiude la Biennale Democrazia l'incontro con lo scrittore Roberto Saviano, che domenica 2 aprile alle 21 al Teatro Regio, parlerà dei meccanismi che regolano il potere della criminalità organizzata. La narrazione di questi processi può offrire, infatti, uno strumento per interpretare la realtà.

Quindi tanti ospiti nazionali, quelli citati sono solo una piccola parte del ricco programma, e molti ospiti internazionali, tra cui: la scrittrice e giornalista Elizabeth Kolbert, Christiane Taubira, una delle più importanti protagoniste della politica francese degli ultimi anni; Josep Borrell, che è stato presidente del Parlamento europeo; lo scrittore Nicolai Lilin, con l'incontro Favole fuorilegge; il blogger e studioso degli effetti sociali delle nuove tecnologie Evgeny Morozov; i politologi Bernard Manin e Claus Offe; l'esperto di emergenze e commissario unico per la rigenerazione di New Orleans dopo l'uragano Katrina Edward Blakely; l'antropologa ed esperta di hacking Gabriella Coleman; i fotoreporter Fabio Bucciarelli e Diego Ibarra Sánchez; l'imam donna Sherin Khankan.

Saranno cinque giorni in cui discutere dell'oggi e del futuro, e se volete prenderne parte, potete acquistare i biglietti online su Happyticket.

Potrebbe interessarti anche: , Rinasce L'Incontro: la storica testata di Bruno Segre presentata alle Ogr di Torino , Torino Crime Festival 2019: cattivi e connessi. Il programma degli eventi , Torino magica e misteriosa: i tours guidati alla scoperta del volto nascosto della città , La musica della poesia: a Torino una giornata dedicata al suono e alla voce, tra università e spettacolo , Il Polo del '900 di Torino tra condivisione, partecipazione, innovazione: gli eventi del 2019

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Sara e Marti Il film Di Emanuele Pisano Commedia Italia, 2019 Sara parte con i fratelli Luigi e Guido Catalano per la Sicilia e a Modica, dove la mamma delle due sorelle trascorreva le vacanze durante l’infanzia, conosce Saro con cui legherà moltissimo. Tra i due nascerà una bellissima amicizia fatta di sostegno... Guarda la scheda del film