Libri Torino Mercoledì 19 marzo 2014

Salone del libro 2014. Il Vaticano a Torino con una cupola di libri

Il progetto dello spazio espositivo del Vaticano al Salone del Libro 2014

Torino - «È stato detto molto volte, ma è sempre più evidente: la crisi che stiamo attraversando è in primo luogo una crisi morale e culturale. Gli effetti economici e finanziari ne rappresentano una diretta conseguenza». Il direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro di Torino, Ernesto Ferrero, non ha dubbi: i travagli della nostra contemporaneità hanno radici molto più profonde delle mere ragioni economiche.

E se, come precisa Ferrero, «le statistiche ci dicono che i consumi culturali (libri, mostre, concerti) sono decresciuti nell’ultimo triennio di un 21% complessivo» (ma il Salone è invece cresciuto del 7% annuo), nell'anno che ha incoronato Papa Francesco come fenomeno di marketing ecclesiastico e non soltanto di fede, è anche questa la ragione per cui il più grande appuntamento librario italiano ha scelto di puntare sulla Santa Sede come ospite d'onore dell'edizione 2014 del Salone, in programma al Lingotto dal 8 al 12 maggio 2014.

Una scelta che accosta le ragioni dell'animo a quelle della grande editoria, condendo il tutto con il prestigio di una prima volta notevole: nonostante il Vaticano, da millenni, conservi un patrimonio bibliotecario e documentale imponente (per quanto spesso poco accessibile e in larga parte conservato presso la Biblioteca Vaticana), è la prima volta che lo Stato Pontificio partecipa a una fiera del libro.

Dopo la partecipazione alla Biennale di Venezia con un proprio padiglione, con questa mossa la Santa Sede realizza un altro scarto con la tradizione e, in quanto Paese Ospite d'onore, parteciperà coinvolgendo sia il Dicastero sia le principali istituzioni vaticane: la Libreria Editrice Vaticana, i Musei Vaticani, la Biblioteca Apostolica Vaticana, l’Archivio Segreto Vaticano, la Pontificia Commissione per l’Archeologia Sacra, l’Ufficio Filatelico e Numismatico e altre Istituzioni, nonché l’Arcidiocesi di Torino.

La partecipazione della Santa Sede al Salone del Libro si attuerà sia attraverso la presenza di un proprio Stand sia nella programmazione di eventi a carattere culturale e artistico. Lo Stand avrà una forma molto eloquente: sarà infatti sormontato da una grande cupola di libri che richiameranno la basilica di San Pietro.

La costruzione sarà collocata nel terzo padiglione del complesso del Lingotto, e sarà rappresentativa sia delle attuali iniziative editoriali sviluppate in ambito vaticano, sia del rapporto storico della Chiesa e dei Pontefici con il libro e le arti, legame rappresentato da alcune pregevoli opere presentate dalla Biblioteca Apostolica Vaticana, dall’Archivio Segreto Vaticano, dai Musei Vaticani e dalla Pontificia Commissione per l’Archeologia Sacra.

Durante la settimana del Salone è stato poi programmato un dibattito culturale in cui il Cardinal Ravasi si confronterà con una personalità di rilievo; una presentazione delle numerose pubblicazioni che trattano degli scritti e dell’opera di Papa Francesco che vedrà protagonista il Cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin; un incontro a carattere internazionale degli Editori cattolici.

In contemporanea si prevedono, poi, alcuni eventi e iniziative di grande respiro culturale ed artistico, tra cui due interventi, nelle giornate inaugurali, del Coro della Cappella Musicale Pontificia “Sistina”, il primo nell’Auditorium del Lingotto e l’altro nel Teatro Regio. Nel programma della Santa Sede rientrano anche numerosi eventi collaterali: incontri e dibattiti proposti da Enti e Associazioni su tematiche di carattere sociale ed ecclesiale.
Leggi il programma completo delle iniziative vaticane al Salone del Libro.

Potrebbe interessarti anche: , Salone del libro di Torino 2019: Aie entra nel comitato di indirizzo , Dai no Tav ai no vax: la società della pseudoscienza nel libro di Giuseppe Tipaldo , Incipit Offresi: a Torino il talent itinerante per aspiranti scrittori , Da Sanremo a Torino: la Storia culturale della canzone italiana di Jacopo Tomatis , Fabio Geda racconta il suo don Bosco: Il demonio ha paura della gente allegra

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.

Oggi al cinema a Torino

Alita Angelo della battaglia Di Robert Rodriguez Fantastico 2019 Un budget da 200 milioni di dollari, un coproduttore come James Cameron, qui anche cosceneggiatore, un regista cult come Robert Rodriguez e un manga ancor più cult: Alita - Angelo della battaglia del fumettista giapponese Yukito Kishiro.... Guarda la scheda del film