Libri Torino Circolo dei Lettori Venerdì 21 giugno 2013

Milanesiana 2013 a Torino nel segno di Tonino Guerra

Il Premio Nobel per la Letteratura Wole Soyinka, tra gli ospiti della Milanesiana al Circolo dei Lettori di Torino

Torino - La città della Mole e la città della Madonnina unite in nome della cultura: per il terzo anno consecutivo la Milanesiana, la rassegna culturale meneghina ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi (leggi la nostra intervista), fuoriesce dai confini lombardi e trova ospitalità presso il Circolo dei Lettori e il Museo di Scienze Naturali di Torino.

La Milanesiana versione torinese si concentra in due giornate principali e il tema di questa edizione, il Segreto, viene affrontato anche qui tra incontri, mostre e grandi ospiti.

Si inizia martedì 25 giugno alle ore 18 con l’inaugurazione della mostra Tonino Guerra. I colori delle parole, curata da Alberto Pezzotta e Vittorio Sgarbi, raccoglie disegni, acquarelli, fotografie e tutti gli oggetti inediti, provenienti dalla sua casa di Pennabilli, che aiutano ripercorrere le tappe della sua straordinaria vita. La mostra sarà visitabile presso il Circolo dei Lettori, fino al 9 luglio (dal lunedì al sabato orari: 9.30-21.30).

La serata prosegue nel Cortile della Farmacia del Museo di Scienze Naturali dove, dopo i saluti istituzionali e inaugurali del Sindaco Piero Fassino, dell’Assessore alla Cultura Michele Coppola, di Luca Beatrice e Antonella Parigi rispettivamente presidente e direttore del Circolo dei Lettori, inizierà il reading introdotto da Alberto Pezzotta e affidato alla voce di Oscar Farinetti, Vittorio Sgarbi, Luca Beatrice, Roberto Andò, Petros Markaris e Alain Elkann.

Mercoledì 26 giornata conclusiva di questo fuori porta sotto la Mole alle ore 21 presso la sede del Circolo di Lettori Wole Soyinka incontrerà il pubblico in un dialogo con Sebastiano Triulzi. Soyinka ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1986 ed è considerato il più importante drammaturgo africano e uno dei maggiori esponenti della letteratura sub-sahariana. Nelle sue opere emergono le idee che ha difeso fino ad essere incarcerato nel 1967, durante la guerra civile nigeriana, per aver chiesto pubblicamente il cessate il fuoco. È stato poi perseguitato e condannato a morte dal dittatore Sani Abachi: adesso vive negli Stati Uniti dove è Presidente Onorario dell’International Parliament of Writers, associazione con lo scopo di fornire un concreto supporto agli autori vittime di persecuzioni, il cui progetto più conosciuto è la creazione delle Città di Rifugio per gli scrittori e gli artisti perseguitati di tutto il mondo.

La conferma di questa edizione di Milanesiana extra mutros sottolinea ancora una volta, come insegna l’esperienza di MiTo e come ha affermato Elisabetta Sgarbi, la capacità di Torino di essere riuscita a diventare un polo culturale capace di attrarre ma anche di saper collaborare con eventi e manifestazioni vicini non solo geograficamente ma anche nell’idea di diffusione e libera fruizione della cultura.

Potrebbe interessarti anche: , Salone del libro di Torino: il marchio è salvo e resta in città , Salone del libro di Torino: un crowdfunding per salvare il marchio all'asta , Il Forum del Libro a Torino: «diffondiamo la lettura come pratica sociale» , Premio InediTo: il bando 2019 tra ecologia e un omaggio a Giovanni Arpino , Torino torna Città del libro e approva il Patto per la lettura

Scopri cosa fare oggi a Torino consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Torino.