Ricordando Sandro Pertini: 30 anni fa la morte. Il mito del Presidente più amato - Savona

Ricordando Sandro Pertini: 30 anni fa la morte. Il mito del Presidente più amato

Attualità Savona Lunedì 24 febbraio 2020

Savona - Era il 1896 quando il comune di Stella, nell'entroterra di Savona, donava i natali a uno dei Presidenti della Repubblica più amati. Il 24 febbraio, a trent'anni dalla sua morte, ricordiamo Sandro Pertini. Prima di ricoprire la carica più alta dello Stato, Pertini si è fatto uomo di politica tra la gente come partigiano e perseguitato prima, e come deputato, senatore, esponente di spicco del Partito Socialista Italiano poi. Rispettoso delle istituzioni, ma al di fuori delle sue logiche autoreferenziali. Un modello sempre attuale che modello non voleva essere, scomodo nelle attuali categorie tanto di eroe nazional-popolare quanto di rigido professionista della politica, come la celeberrima foto della partita a carte con Zoff contro Causio e Bearzot dopo il trionfo di Spagna '82 ci ricorda ancora

Il "Presidente più amato dagli italiani", votato con la più larga maggioranza della storia repubblicana: 832 voti su 995. Questo l'epiteto che Sandro Pertini si è conquistato nella storia recente del nostro paese, grazie alla caratura politica assunta negli anni dall'emerito e, soprattutto, a un impegno civico che ha accompagnato tutta la sua vita, a partire dalla gioventù nelle carceri (compresa un'illuminante esperienza nel carcere di Turi dove stringe amicizia con Antonio Gramsci) fra condanne, grazie non richieste (a fatica perdonò alla madre di aver firmato la richiesta di grazia) e confini. L'esperienza nelle trincee della Grande Guerra, la professione forense, la militanza nel Partito Socialista e la condanna a morte da parte delle SS, cui scampa nel 1944 evadendo dal carcere insieme a Giuseppe Saragat, che prima di lui sarebbe diventato Presidente della Repubblica Italiana, il quinto in assoluto e il primo socialdemocratico.

Oggi, nel giorno dei trent'anni dalla sua morte avvenuta nella sua mansarda di 40 metri quadri in piazza Fontana di Trevi, arriva anche l'omaggio di Sergio Mattarella. Il Presidente della Repubblica accende un faro sull'onestà politica e sull'intransigenza di Sandro Pertini nella lotta per i diritti: «difensore dei diritti universali e dei caratteri propri alla Costituzione, fu fermo argine a sostegno dei principi di libertà nella stagione più drammatica e sanguinosa del terrorismo. Credeva nella democrazia come traguardo di umanità, interpretando a fondo i sentimenti dei cittadini».

Ancora contesa la questione della statua che il comune di Savona ha annunciato di voler dedicare a Sandro Pertini. Un omaggio destinato a sorgere nell'omonimo largo nell'area dell’ex ospedale San Paolo, tutt'oggi interessato da lavori di ristrutturazione, e che prenderà forma attraverso un bando indetto negli scorsi mesi. Un atto commemorativo pensato per stringere la comunità attorno a una figura capace di mettere d'accordo tutti, che ha finito per scatenare polemiche e discordie fra l'amministrazione comunale di Savona, la famiglia dell'emerito Presidente e l'associazione Sandro Pertini. Il comune avrebbe infatti deciso di escludere l'associazione, da anni impegnata nell'omaggio della memoria di Pertini, dalla commissione giudicatrice per i bozzetti della statua da intitolare al Presidente più amato. Che una statua non l'avrebbe mai voluta.

Fra i meriti democratici riconosciuti bipartisan dell'ex capo partigiano, Sandro Pertini è oggi ricordato anche per essere stato il primo Presidente della Repubblica ad aver dato il mandato a un esponente laico (dopo il 1945) come Ugo la Malfa, e il primo incaricare alla guida del governo un non democristiano come Giovanni Spadolini (nel 1981) e un socialista Presidente del Consiglio come Bettino Craxi (1983). Interrrogato sul ruolo di una Resistenza oggi insisteva: «ecco l'appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia». Come? Con il coraggio e l'onestà.

Scopri cosa fare oggi a Savona consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Savona.