Concerti Savona Sabato 14 dicembre 2013

Sanremo 2014: Zibba in gara tra i giovani. L'intervista

Zibba

Genova - Le ultime ore devono essere state un turbinio di emozioni e soddisfazioni per Zibba. Prima la vittoria di Michele a X-Factor con un brano firmato Zibba-Tiziano Ferro. Poi una di quelle notizie per cui, chi lavora nella musica, a volte può restare in attesa per una vita intera: la partecipazione al Festival di Sanremo.

Con una carica di eccitazione del genere molti non riuscirebbero a chiudere occhio per notti intere. E invece Zibba - lo abbiamo sentito al telefono la mattina dopo la grande notizia - si mostra fresco e serafico: «questa notte ho dormito molto bene. Sai, sapere di poter calcare il palco del Festival è un gran bel sollievo: non mi porta agitazione, ma uno stato di serenità».

Zibba è stato scelto dalla commissione musicale del Festival tra le otto nuove proposte (qui tutti i nomi dei giovani di Sanremo 2014) della sessantaquattresima edizione, in programma dal 18 al 22 febbraio prossimi.
Sul palco dell'Ariston porterà la canzone Senza di te: e sebbene nella lista ufficiale compaia solo il suo nome, sul palco dell'Ariston ci saranno anche i fidati e inseparabili Almalibre, la band che da una vita suona insieme a lui. «Non ci siamo potuti iscrivere come band solo perché tre degli Almalibre sono sopra i 40 anni» racconta Zibba, «mentre io che ne ho 35 mi sono potuto iscrivere per un pelo (il limite per le nuove proposte è di 36 anni, ndr)». Poi anticipa: «a dirigere l'orchestra sarà Andrea Mirò».

Nel 2012 Zibba ha vinto il Premio Tenco. Ora è pronto a partecipare alla più grande kermesse nazionalpopolare del paese, che però da qualche anno sta ampliando i propri orizzonti concedendo uno spazio sempre maggiore alla musica d'autore (basti pensare alla vittoria di Roberto Vecchioni nel 2011). «Il Festival è una vetrina importantissima e chi, come me, fa musica lo sogna per una vita» commenta Zibba: «il fatto che partecipino anche molti cantautori dimostra come la nostra tradizione di cantautorato sia più viva che mai».

Il cantautore savonese è sereno e felice. «Sarà bello anche conoscere Fabio Fazio» conclude: «non l'ho mai incontrato, tranne una volta da bambino nel bar di mio papà. È una persona che fa molto bene il suo lavoro, e per di più è delle nostre zone».

Potrebbe interessarti anche: , A Genova il concerto-tributo a Fabrizio De André. Dori Ghezzi: «Sarà a settembre 2019» , Festival Internazionale di Nervi: programma e ospiti, da Giorgia a De Gregori , Vasco Rossi, tour 2019: a Genova la nave per i concerti in Sardegna , Covo di Nord-Est, crowdfunding per riaprire dopo la mareggiata: «Entro Pasqua» , Faber Nostrum, il disco-tributo a Fabrizio De Andrè: gli artisti e quando esce

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.