Weekend Savona Venerdì 28 giugno 2013

Spiagge libere: a Savona, tra Priamar e Fornaci, sono senza barriere

di
© Canned Muffins / Flickr.com

Genova - Anche quest'anno il Comune di Savona sostiene il servizio di assistenza alla balneazione attivato in via sperimentale negli anni scorsi nell'area delle Fornaci, ampliato successivamente con il progetto Lo Scaletto senza Scalini sempre alle Fornaci e con l'assistenza alla balneazione nel tratto di spiaggia libera in piazzale Eroe dei Due Mondi.

In concreto: attraverso un protocollo d'intesa siglato con l'Autorità Portuale di Savona e di concerto con l'Associazione Bagni Marini di Savona e Vado Ligure dal primo luglio al 31 agosto 2013 il Comune attiva gratuitamente il servizio di assistenza alla balneazione in due tratti di spiaggia libera localizzati rispettivamente in zona Fornaci (tratto compreso tra i Bagni Cavour e i Bagni Italia) e in zona Piazzale Eroe dei due Mondi (sottostante la fortezza del Priamar).

Il servizio consiste nell'allestimento, presso ciascuna area, di una postazione dotata di torretta di controllo, moscone e attrezzature di primo soccorso, nonché nella presenza per 10 ore, dalle 9.00 alle 19.00 di ogni giorno di un assistente alla balneazione munito dell'apposito titolo FIN o Società di Salvamento.
Nelle giornate di massima affluenza (fine settimana e festivi) sono garantiti due assistenti in postazione. Nei fine settimana presso la spiaggia libera localizzata in corrispondenza di piazzale Eroe dei due Mondi svolge inoltre il servizio di assistenza la Croce Rossa Italiana, Comitato Locale di Savona mediante personale O.P.S.A. in contatto radio e telefonico con la Centrale Operativa del 118 di Savona, la Guardia Costiera e la Sala Operativa della Polizia Municipale di Savona.

Ritorna, presso la spiaggia libera in località Fornaci, allo Scaletto dei Pescatori, il servizio che garantisce la presenza di accompagnatori specializzati per provvedere all'entrata e all'uscita in mare delle persone con handicap motorio. Il progetto meglio noto come Scaletto senza scalini, è ormai arrivato al quarto anno consecutivo: gestito e coordinato quotidianamente dalla cooperativa Laltromare fornisce assistenza completa agli utenti svantaggiati, ha avuto unanimi consensi e uno straordinario successo (basti considerare che nel corso della scorsa stagione sono stati circa novecento gli accompagnamenti in mare).

Quest’anno allo Scaletto dei Pescatori ci sono anche delle novità. Innanzitutto il servizio di accompagnamento è stato portato ad 8 ore giornaliere rispetto alle 6 del passato e tutti gli operatori hanno recentemente frequentato due corsi di aggiornamento: il primo per l’utilizzo del defibrillatore e il secondo per apprendere le nuove tecniche per le prese degli utenti. Poi, Port Authority di Savona ha provveduto a realizzare sia lo spogliatoio disabili che i servizi igienici con doccia all'interno di locali in muratura.
Infine, gli organici ed i turni del personale sono già definiti e in spiaggia sono sempre presenti almeno tre persone col brevetto di bagnino, assicurando così una maggiore attenzione alla balneazione di tutti i presenti soprattutto nei giorni di maggior afflusso di bagnanti.

Laltromare, per l’area libera dello Scaletto di corso Vittorio Veneto garantisce anche quest'anno il servizio di assistenza bagnanti, il servizio di pulizia dell'arenile, il controllo e ricognizione dello stesso; il servizio di accompagnamento in mare per persone con mobilità ridotta; il servizio allestimento e ritiro passatoie, montaggio e smontaggio gazebo, servizio di reception e spogliatoio, servizio web telefonia e comunicazione.
Il servizio di accompagnamento in mare coordinato con il servizio web ha permesso al personale della Cooperativa di preparare la spiaggia e le attrezzature in funzione delle differenti richieste e esigenze. Gli utenti con disabilità motoria che hanno usufruito del servizio nel 2012 sono stati complessivamente 165. Gli accessi tra spiaggia e balneazione sono stati quasi 900 con una media giornaliera di circa 12 utenti disabili. Il range d'età varia tra 6 e 85 anni, le città di provenienza sono state: Milano, Trieste, Genova, Torino, Asti, Alessandria, Savona. Il servizio di assistenza bagnanti ha garantito a tutta l'utenza, eterogenea per diversità linguistica, età e provenienza, un servizio alla balneazione sicuro, curato e attento. La media giornaliera di bagnanti presenti è stata di circa 500 persone e in acqua se ne sono contate dalle 100 alle e, quest'anno, si prevedono numeri ancora superiori.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.