Weekend Savona Martedì 4 giugno 2013

Castelvecchio di Rocca Barbena: itinerario nei luoghi napoleonici

Castelvecchio di Rocca Barbena

Le prime battaglie del generale Bonaparte comandante l'Armata d'Italia e La battaglia di Loano 1795 sono le due pubblicazioni gratuite, realizzate da CartOrange con il contributo e la collaborazione della Provincia di Savona, nell'ambito del progetto Bonesprit, l'iniziativa transfrontaliera nata per valorizzare il patrimonio napoleonico in Francia e Italia. I curatori sono Lorenza Simonetti e Alessandra Gambaro per la Provincia e Silvia Romagnoli per CartOrange.
I due opuscoli raccolgono itinerari, mappe, dettagli storici e schede turistiche per le località interessate e sono disponibili gratuitamente, insieme a cartine e flyer, in tutti gli uffici turistici della provincia di Savona. Si possono inoltre richiedere contattando un Consulente di Viaggio CartOrange attraverso i siti cartorange.com e napoleoncities.eu.

«Nel territorio del savonese l'Armata d'Italia, impegnata contro austriaci e piemontesi, assunse a partire dal 1795 sempre più importanza, grazie alla perizia dei suoi comandanti, ai quali ben presto si aggiunge un giovanissimo Napoleone» spiega Silvia Romagnoli, una delle curatrici degli opuscoli di CartOrange. «Proprio qui furono poste le basi per la futura Campagna d'Italia che avrebbe cambiato per sempre l'assetto geopolitico europeo e portato nel nostro paese le idee rivoluzionarie. Nella Liguria occidentale si sperimentarono quelle tattiche di guerra fulminea che fecero di Napoleone il più grande generale della storia».

Di seguito pubblichiamo un estratto dall'opuscolo La battaglia di Loano 1795.

Genova - Castelvecchio di Rocca Barbena è il primo dei borghi murati che si incontrano percorrendo la val Neva. Roccaforte prima dei Clavesana, che ne costruirono il castello, poi dei Del Carretto, Castelvecchio è oggi un borgo suggestivo e delizioso, rimasto praticamente immutato dal medioevo.
Dalla porta di ingresso ogivale è un continuo susseguirsi e intrecciarsi di carruggi, vicoli stretti e tortuosi che si diramano nel centro fortificato. Altro elemento distintivo e particolarmente pittoresco sono le antiche case in pietra, i portali in tufo, i tetti a terrazza ed i sottotetti ad arco, le sagome dei forni sporgenti dai muri delle case, le cornici bianche alle finestre, ed infine gli archi che collegano le case antiche sulle vie interne, con probabile funzione di stabilità.

Castelvecchio è collegato a Zuccarello attraverso il Sentiero di Ilaria, figlia del marchese Carlo I del Carretto ed andata in sposa a Paolo Giunigi, signore di Lucca.
Questo splendido borgo è inserito nel percorso della Strada del vino e dell’olio, infatti si distingue anche per le sue specialità enogastronomiche, come l’olio di primo raggio o gli ottimi vini Pigato, Vermentino e Ormeasco.

I luoghi della battaglia

Castelvecchio di Rocca Barbena fu per oltre quattro mesi la terra di nessuno: e, come tale, teatro di scorribande tra avanguardie dei due eserciti nel tentativo di recuperare viveri ed indumenti, durante il freddo autunno del 1795. La notte del 22 novembre 1795 le sue strade e, i suoi sentieri, furono percorsi dalle colonne francesi del Generale Massena che, nel silenzio più assoluto, marciavano verso le linee nemiche. Proprio su quelle alture i Francesi, sfondando il fronte nemico, realizzarono i loro piani: dividere i Piemontesi dagli Austriaci, accerchiare questi ultimi e rendere il fronte italiano la nuova e determinante porta aperta di attacco verso il nemico numero uno della rivoluzione francese: l’Impero.
Gli sforzi vittoriosi dei Francesi si concentrarono sulla linea di difesa austro-sarda, agli ordini del Generale austriaco Conte D’Argenteau, che si estendeva da Cascina Dondella, Monte Lingo, Passo dello Scravaion, Rocca Barbena, Monte Subanco e Giogo di Toirano: questi luoghi si possono osservare proseguendo, lungo l'itinerario napoleonico, verso Bardineto.

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film