Concerti Savona Lunedì 26 marzo 2012

Perché Bardino è Bardino 2012: il Festival diventa grande

© supivas/flickr.com

Genova - Ma poi, chi l’ha detto che Sanremo è Sanremo? A Bardino, frazione di Tovo San Giacomo nell'entroterra di Pietra Ligure, sembra che dopo cinque anni il dubbio se lo siano tolto definitivamente. «Non abbiamo più la necessità di prendere in giro Sanremo, perché abbiamo finalmente trovato una connotazione personale» dice Roberto Nucifora, presidente dell'associazione Mulino degli Artisti: «a noi interessa esclusivamente aiutare i giovani musicisti ad emergere, mantenendo sempre un grande spirito di sportività».

L'ormai tradizionale appuntamento con il festival Perché Bardino è Bardino, versione riveduta e corretta, è per venerdì 30 marzo al Salone delle Feste del Comune di Tovo San Giacomo, che quest’anno patrocina la kermesse.
Bardino cambia faccia quindi, e lo fa rinnovandosi completamente: una nuova location, un programma più condensato e più spazio ai partecipanti. Anche i toni si sono placati: il contest ha deciso di allontanarsi dal registro da farsa che da sempre lo caratterizza per concentrarsi maggiormente sui partecipanti e affrancarsi dalla fama di contro-festival che si era costruito negli anni passati.

La manifestazione si vota completamente alle giovani band che non hanno potenti mezzi economici o i giusti appigli per farsi conoscere e li aiuta a condividere il proprio operato artistico. A darsi battaglia quest'anno sono i 4real, i Pausa Caffè, i Park Assist, i London Pride e i Rex Nemaris.
Non ci sono più le due serate canoniche ma una sola durante la quale le cinque band che hanno superato le selezioni (ovvero votazioni su Facebook e della giuria di qualità, composta da simpatizzanti e professionisti della musica nonché musicisti) saliranno sul palco non con una sola canzone, bensi con un’esibizione di 20 minuti.

Durante la serata ai vincitori decretati dal pubblico il trofeo Don Chiscotte, tradizionale riconoscimento realizzato in materiali di riciclo, mentre alla giuria tecnica tocca l’assegnazione del Premio della Critica, l’ambitissimo e quanto mai simbolico Carciofo D’Oro.

La serata è presentata come ormai da tradizione da Marco Mazzucchelli affiancato da due misteriose carciofine d’eccezione. «C’è chi dice che quest’anno siano un po’ stagionate», scherza Nucifora. Ma il dubbio rimane, che Belen e la Canalis abbiano fiutato il successo?

Potrebbe interessarti anche: , Campofestival: musica dalle aree celtiche, XXII edizione al Castello Spinola , Rovazzi: il nuovo video Faccio quello che voglio ambientato anche a Genova , Niente Festival Cresta 2018 ai Giardini Baltimora: «Nessuno ci ha detto nulla» , Villa Bombrini Estate V!va 2018: programma, concerti ed eventi , EstateSpettacolo 2018 al Porto Antico: programma, concerti ed eventi

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film