Concerti Savona Mercoledì 2 novembre 2011

DreaminGorilla aka Francesco Cerisola, la casa discografica che non c'è

Genova - È il 2005 e un giovane savonese, studente di psicologia e appassionato di musica, condivide la sua passione con i compagni di università iniziando a recensire band sui web magazine: è così che nasce per gioco DreaminGorilla, la casa discografica che non c'è, ossia Francesco Cerisola.

Oggi Francesco ha 25 anni e lo pseudonimo che utilizzava nei videogame ricalca bene lo spirito con cui è partita l'avventura: «DreaminGorilla Records è nato come un gioco scrivendo per Musicboom.it dove recensivo le band che mi piacevano, tra cui anche gruppi savonesi», racconta, «poi ho proseguito con un’altra fanzine di musica, In your eyes webzine, e man mano, è arrivato tutto il resto, gli eventi musicali e la promozione di band come I Venus e Gli Altri».

Se gli chiedi il perché di DreaminGorilla, Francesco risponde semplicemente: «perché è divertente». «E perché era noioso non averlo», precisa Luca Cascella dei Venus che fa parte del gruppo di fatto che costituisce DreaminGorilla.
«Savona è un posto morto dal punto di vista musicale»
, prosegue Francesco, «è sempre più difficile trovare dei locali disposti ad accogliere i gruppi emergenti e ormai sono rimasti solo due posti dove poter fare musica dal vivo, il Punto d'incontro Italo Calvino a Loano e il Beer Room a Pontinvrea».

DreaminGorilla prova quindi a colmare questo vuoto promuovendo i giovani che vogliono e amano fare musica. Nel 2008 a Quiliano organizza il primo DreaminGorilla Day, quello che viene chiamato il suo compleanno e che si ripeterà nei due anni successivi all'Italo Calvino.
Nel marzo del 2010 circa 600 persone assistono a Maledetta Primavera organizzato insieme all’associazione BAM (Bologna Art Managers) al Ju-Bamboo: sul palco Eazy Skankers, DSA Commando, Fetish Calaveras e Venus. A luglio dello stesso anno, insieme ad altre associazioni e con l’appoggio delle amministrazioni locali, mette in piedi il primo appuntamento con il Plug Festival a Quiliano, replicato nell'estate 2011.

Tutto questo con l'aiuto di band e amici che, come Francesco, hanno a cuore la causa della scarsa cultura dell'ascoltare e del deserto musicale in cui si trovano i giovani. «Tendiamo sempre ad affiancare gruppi locali ad altri che vengono da fuori per ampliare la rete di conoscenze e contatti», continua DreaminGorilla, «e ci promuoviamo principalmente tramite Facebook».
Lo stesso social network dove Francesco pubblicizza le serate in cui mette musica al Birrò di Savona un paio di volte al mese: «creo l'evento, gli do un nome divertente e scrivo cosa suonerò: per esempio se esce un nuovo album di un gruppo quella sera lo faccio ascoltare». Facebook, musica e condivisione: un sistema semplicemente giovane per divertirsi e far divertire gli altri.

Certo, le risorse scarseggiano ed è un successo quando gli eventi si chiudono in pareggio. Sembra poco, ma intanto è così che DreaminGorilla è arrivato a festeggiare il suo quarto compleanno ufficiale con il DreaminGorilla Day 2011: timidamente, facendo rumore solo con la musica.

Potrebbe interessarti anche: , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Lo splendore dei Gonzaga con l'Ensemble Biscantores , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

Tutti lo sanno Di Asghar Farhadi Drammatico, Thriller Spagna, Francia, 2018 ... Guarda la scheda del film