Concerti Savona Venerdì 10 ottobre 2008

'Rockerilla': 30 anni a tutto volume

1978-2008, Rockerilla compie 30 anni: per festeggiare l'anniversario sono in programma diversi eventi speciali. Si parte venerdì 10 ottobre a Torino: prima uno show case alla Fnac (ore 18, via Roma 56); poi un concerto dedicato al giornalista musicale Alessandro Calovolo allo Spazio211 (ore 22, via Cigna 211).
Sabato 11 ottobre (ore 21), poi, a Cairo Montenotte (dove la rivista è nata 30 anni fa), è in programma il Rockerilla Birthday Party: un concerto gratuito al Teatro Comunale (presso il Palazzo di Città) sponsorizzato dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Cairo [vi partecipano Terje Nordgarden (dalla Norvegia), Black Eyed Dog (dall'Italia) e Luis Francesco Arena (dalla Francia)] e una mostra che ripercorre l'evoluzione di Rockerilla, con copertine e foto storiche, articoli inediti, manifesti e tanto altro.

Il nuovo numero di Rockerilla, quello dedicato ai 30 anni, esce in edicola mercoledì 15 ottobre: qui sopra vedete in anteprima la copertina.

Genova - «Tutto ebbe inizio nel 1978, quando un gruppo di amici, tutti cairesi e appassionati di musica, si sono uniti per dare vita a una sorta di fanzine amatoriale». A raccontarmi la storia di Rockerilla - storico mensile musicale nato giusto 30 anni fa a Cairo Montenotte - è Isabella Rivera, attuale coordinatrice della rivista e figlia di Mario Rivera, uno dei fondatori.
Isabella l'ha vista nascere, Rockerilla. Si può dire che siano cresciute insieme: «in quegli anni mio padre suonava chitarra e sax con alcuni gruppi. La rivista la facevano di notte», ricorda.

Erano gli anni delle radio libere e della musica indipendente, c'era uno spirito libero che avvolgeva gli animi dei più intraprendenti: «per i primi tempi Rockerilla era rivolta a un pubblico regionale, veniva distribuita in giro per la Liguria, nei negozi di dischi, e aveva un formato tabloid».
Poi, nel 1982, la svolta con un nuovo formato in stile magazine e la distribuzione nelle edicole a livello nazionale. «La prerogativa era quella di fare da talent scout, di scoprire nuove realtà musicali» spiega Isabella. Ne sono prova le compilation Body Section e Gathered che lanciarono per la prima volta gruppi come Litfiba o Diaframma (si parla degli anni 1982 e 1983), oppure la sponsorizzazione del primo tour italiano degli ancora poco conosciuti Nirvana (era il novembre 1989, e la band di Kurt Cobain fece due date a Mezzago e a Roma).

Gli anni d'oro di Rockerilla sono stati quelli a cavallo tra '80 e '90, quando la rivista toccava costantemente le 30.000 copie vendute. Pur con molti collaboratori esterni, tutto era frutto del lavoro portato avanti a Cairo: «non abbiamo mai ceduto alla tentazione di trasferirci a Milano» afferma Isabella, «è dura essere così decentrati rispetto al cuore della discografia italiana. Ma noi la consideriamo una piccola vittoria».

Oggi Rockerilla compie 30 anni e molte cose sono cambiate. Il mensile di Cairo ha attraversato i generi, dalla new wave al grunge, ma nel frattempo si sono trasformate anche tutte quelle dinamiche che girano intorno all'industria musicale: lo sviluppo della tecnologia e l'avvento di internet hanno radicalmente stravolto la musica anche dal punto di vista editoriale.
Il mensile, però, continua con lo stesso spirito indipendente di un tempo. In ogni numero ci sono articoli di approfondimento, interviste, consigli sui concerti da non perdere e resoconti di quelli già visti. Ma soprattutto Rockerilla sforna ogni mese 400 recensioni di album in uscita. «Anche sotto questo aspetto ci sono stati profondi cambiamenti» mi spiega Isabella: «prima eravamo sommersi da nastri e cd, ora riceviamo moltissima musica attraverso il file sharing. Le case discografiche, poi, hanno paura della pirateria e non mandano più i dischi da recensire: bisogna andare a Milano ad ascoltarli».

La sede di Cairo Montenotte, dunque, continua ad essere operativa: a portarla avanti sono principalmente Isabella e Mario Rivera. Il direttore responsabile è ancora quel GianPaolo Carlini che compariva sul primo numero, e molte firme storiche scrivono ancora di rock, «basti pensare a Ugo Bacci, Elio Bussolino e Aldo Chimenti» afferma Isabella.
Ogni mese, inoltre, collaborano alla stesura dei testi 35/40 collaboratori esterni: «a fare tutte le scelte di redazione è ancora mio padre, dalla copertina al disco del mese, ma spesso accettiamo le proposte dei nostri collaboratori esterni. Ci sentiamo un po' come una grande famiglia».

Potrebbe interessarti anche: , La Voce e il Tempo: i Carmina Burana alla Chiesa di santo Stefano , Salmo in concerto a Genova nell'estate 2019 , Genova: «Il Museo del Jazz non esiste più», la lettera di Dado Moroni , Note dal Cuore: una serata di musica e tango al Carlo Felice, a favore di Gaslini Onlus , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film