Concerti Savona Raindogs Venerdì 1 febbraio 2008

Al Raindogs Savona si tinge di blues

Genova - Un piccolo festival dedicato al blues: otto date con altrettanti interpreti della musica nera dall'Italia e dal mondo, per l'intero mese di febbraio.
Sede di tutti gli eventi è il Raindogs, il circolo Arci situato in zona Darsena e dedicato ad ogni genere di espressione artistica, ma principalmente alla musica dal vivo: qui, solo poco tempo fa, si sono svolte le selezioni liguri per il concorso nazionale per band emergenti Rock targato Italia; e sempre qui, ogni fine settimana si esibiscono gruppi locali, musicisti stranieri di passaggio per l'Italia, e - ogni tanto - anche qualche cover band.
Insomma, mi dice Marco Traverso, titolare del Raindogs insieme a Zibba: «Qui viene a suonare chi la musica la fa per passione. Forse non abbiamo un pubblico vastissimo, ma di sicuro molto affezionato: alcuni partono anche da Torino o da Firenze per venire qui». E prosegue: «Basta entrare al Raindogs per rendersi conto che qui il blues regna sovrano».

Ecco perchè, dopo una rassegna dedicata al folk nel 2007, la nuova serie di concerti è intitolata Rainblues. Si parte il 2 febbraio con Paolo Bonfanti, già leader dei Big Fat Mama e ospite fisso dei più importanti festival internazionali: e chi meglio di lui poteva inaugurare questa rassegna, visto che si è laureato al DAMS di Bologna con una tesi sul Blues?
Il 7 febbraio è la volta di Tolo Marton, chitarrista trevigiano che può vantare collaborazioni illustri, da Ginger Baker a Ian Paice, batteristi rispettivamente dei Cream e dei Deep Purple.
Il terzo concerto è invece quello del savonese Claudio Bellato, ospite del Raindogs l'8 febbraio: chitarrista sia acustico che elettrico, collabora da diversi anni con orchestre, gruppi rock e blues, e fa parte degli Universi Sommersi, tribute band degli Stadio.

Il 9 febbraio è la data del primo ospite internazionale, Jono Manson, che già un anno fa aveva calcato il palco del Raindogs: musicista poliedrico, attualmente vive nel New Mexico ed è considerato un'icona dell'ambiente underground di New York.
Si passa poi al giorno di San Valentino: a festeggiare gli innamorati c'è Sandra Hall, una delle voci più apprezzate della black music contemporanea. Insieme a lei, il 14 febbraio, la Gnola Blues Band guidata dal chitarrista "slide" Maurizio Glielmo, uno dei più rinomati della scena blues italiana.
La sera successiva, il 15 febbraio, è poi la volta di Dodo Harmonica Kid, torinese che ha iniziato come musicista di strada e che attualmente collabora con Gluck (in un progetto country chiamato Dodo & Gluck) e J.J. Orlando (insieme sono la blues band The Line of the road): il suo strumento, come si può intuire dal nome, l'armonica.

Il 17 febbraio arriva Awa Ly, giovane cantante nata e cresciuta a Parigi da genitori senegalesi, ma da tempo in Italia. Una curiosità: ha anche fatto parte del cast del film di Cristina Comenicini Bianco e Nero, con Fabio Volo e Ambra Angiolini.
Finale col botto il 23 febbraio. Rainblues si chiude con l'esibizione di Steve Arvey a fianco della sua Superblues Band: il chitarrista di Chicago ha alle spalle una carriera trentennale, vanta collaborazioni con i più importanti esponenti della scena blues (iniziò, per esempio, a suonare il basso insieme a Bo Diddley).

Potrebbe interessarti anche: , Paganini Genova Festival 2018: il programma completo tra concerti ed eventi , Da Cornigliano il gruppo Braccio 16100: Genova scopre la musica trap , La Voce e il Tempo: Cantar di flauti, un singolare concerto con il giapponese Atsufumi Ujiie e il casertano Alessandro De Carolis , Gog, la stagione 2018/2019 della Giovine Orchestra Genovese: programma e concerti , Festival del Mediterraneo 2018: suoni, ritmi e voci provenienti dall’Italia e dal mondo a Genova

Scopri cosa fare oggi a Genova consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Genova.

Oggi al cinema a Genova

L'ape Maia Le olimpiadi di miele Di Alexs Stadermann, Noel Cleary Animazione Australia, Germania, 2018 Guarda la scheda del film