Voci italiane alla riscossa - Savona

Cinema Savona Giovedì 21 settembre 2006

Voci italiane alla riscossa

Savona - Provate ad immaginare Mike Bongiorno che parla toscano. O Stanlio e Ollio che dialogano in un perfetto italiano. Impensabile, no?
ha centinaia di aneddoti da raccontare sul variegato mondo del doppiaggio cinematografico: «quando Bruno Alessandro dovette rinunciare al doppiaggio di Derrick, ci fu una sollevazione popolare. I patiti delle avventure dell'ispettore tedesco mandarono centinaia di lettere roventi contro la Rai, promettendo che non avrebbero mai più visto una sola puntata della serie... Alessandro è stato ovviamente richiamato a furor di popolo». Potere del doppiaggio.

Per premiare e rendere giustizia ai protagonisti di quest’arte ancora poco conosciuta dai non addetti ai lavori torna , il Festival Nazionale del Doppiaggio che festeggia quest’anno la sua decima edizione. Il direttore artistico della manifestazione Claudio G. Fava e il direttore organizzativo Bruno Astori sono da poco tornati da Roma: qui, presso la Casa del Cinema, sono stati premiati gli attori che hanno partecipato alle edizioni precedenti di Voci nell’ombra. Inoltre sono stati doppiati dall’italiano all’inglese due cortometraggi diretti dal napoletano Daniele Casciella e dalla genovese .

«Il Festival sta crescendo ogni anno di più», ha commentato l’assessore al turismo Angelo Berlangieri, «speravamo di festeggiare in modo più pomposo il decennale, ma i problemi di bilancio ce lo hanno impedito», ha proseguito polemicamente: «speriamo che l’anno prossimo il governo si concentri maggiormente sulle manifestazioni culturali».
Fabio Morchio, assessore alla cultura, ha ricordato l’impegno della Regione Liguria a favore del cinema: «ci siamo dotati di e di una Mediateca regionale con sede a La Spezia, che raccoglie tutti i film girati in Liguria e una serie di classici difficili da trovare a Genova».

La serata di gala di Voci nell’ombra avrà luogo sabato 30 settembre nella Sala Congressi del Complesso Monumentale di Santa Caterina, a Finalborgo. Questa edizione sarà presentata ancora una volta da Claudio G. Fava insieme a Daniela Morozzi e Gianni Ferreri, rispettivamente Vittoria Guerra e Ingargiola di Distretto di Polizia.
Molti gli ospiti: Mita Medici e Gigio Alberti, attori doppiatori di Whisky, Marco Messeri, doppiatore di Cars. Il momento di intrattenimento sarà affidato a , il Giginho di Colorado Cafè. Saranno consegnati gli Anelli d’Oro, che la giuria ha indicato per le varie categorie: miglior voce maschile e femminile, miglior voce caratterista, miglior direzione e doppiaggio generale.

La targa Gualtiero de Angelis alla carriera sarà assegnata a , mentre il Premio Renato Castellani andrà ad Arnaldo Bagnasco. «Dedichiamo Voci nell’ombra 2006 a tre amici scomparsi: , storico doppiatore di Robert Redford, , una delle voci di Beautiful e , voce italiana di Hall in 2001: Odissea nello Spazio», ha spiegato Astori. La giuria del Festival è presieduta da Claudio G. Fava ed è composta da , Callisto Cosulich, Roberto Nipoti, Enrico Lancia, Renato Venturelli, Tiziana Voarino e Giovanni Petronaci.
«Il doppiaggio è nato insieme al cinema sonoro», ha raccontato G. Fava, 77 anni ad ottobre e un’inconfondibile parlantina, «in Italia eravamo i più bravi ad imitare le voci degli attori stranieri, e da sempre siamo considerati i migliori doppiatori del mondo. Tutto iniziò con il fascismo, quando c’era l’obbligo della traduzione in italiano. Da allora siamo abituati a vedere i film doppiati: in pochi conoscono la vera voce di attori come Jerry Lewis».
Ma il doppiaggio fece anche sì che nel paese si diffondesse il perfetto italiano: «i doppiatori erano spesso attori di teatro e parlavano un italiano impeccabile».

Gli eventi collaterali al festival: una mostra antologica - Voci e volti del doppiaggio italiano a Finalborgo - per il centro storico medievale di Finale Ligure; nelle vetrine dei negozi del Borgo saranno esposte le monografie di grandi doppiatori del passato (la mostra resterà in allestimento fino al 30 settembre). Grazie poi ad Operazione Stella verranno raccolti dei fondi per aiutare un ragazzo senegalese che dovrà subire l’amputazione delle gambe.
Infine è stato realizzato uno special televisivo dedicato al doppiaggio per la regia di Riccardo Recchia - regista di Zelig - scritto da Astori, Georgia Roteano e Tiziana Voarino, che andrà in onda su Sky il prossimo ottobre.

Per altre informazioni scrivete a

Scopri cosa fare oggi a Savona consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Savona.