5 e 6 novembre, il weekend a Roma e gli eventi da non perdere tra mostre, concerti e attività per bambini

5 e 6 novembre, il weekend a Roma e gli eventi da non perdere tra mostre, concerti e attività per bambini

Weekend Roma Venerdì 4 novembre 2022

Clicca per guardare la fotogallery
Palazzo Barberini
© Eli Brody - Flickr.com

Roma - Cosa fare e dove andare a Roma nel weekend del 5 e 6 novembre 2022? Gli eventi previsti a Roma nel weekend del 5 e del 6 novembre sono molti: dalle mostre ai concerti, fino al cinema. Senza dimenticare le idee per organizzare un weekend dedicato ai bambini. Clicca sui link che trovi qui sotto per scoprire nel dettaglio cosa fare e dove andare a Roma sabato 5 e domenica 6 novembre.

Eventi dedicati a Pasolini: PPP100. Roma racconta Pasolini

Tra le iniziative promosse per i cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini (1922-2022), proseguono gli appuntamenti dedicati al grande poeta e regista ospitati al Teatro del Lido di Ostia. Il 5 novembre alle 18 è in programma la proiezione a ingresso gratuito del docufilm Fermata Pasolini di Alfredo Traversa, che racconta l’ultimo sequestro della pellicola Salò o le 120 Giornate di Sodoma avvenuto nel 1977, a due anni di distanza dalla morte del regista, in un cinema della provincia tarantina. Seguirà un incontro a cura di Nestor Saied e Donato Di Stasi (OcchioEstraneo Cineforum). Il 6 novembre alle 17.30 è la volta di Intervista impossibile a Pasolini, spettacolo di e con Alfredo Traversa e Nestor Saied, che ne firma anche la regia. Una performance in cui Pasolini torna a parlare con la sua voce più poetica e libera, nel tentativo di scoprire, attraverso il suo pensiero profondo, chi e che cosa siamo diventati oggi. C’è tempo fino al 27 novembre, infine, per visitare nel foyer del teatro la mostra a ingresso gratuito Pasolini 100 a cura di Nestor Saied (Associazione Enecedete): un’opportunità per riscoprire le locandine e i manifesti della filmografia di Pasolini conservati nell’Archivio Grafico della Cineteca di Bologna. L’esposizione è visitabile negli orari di apertura della biglietteria, dal venerdì alla domenica dalle 17 alle 20.

Nell’ambito del progetto espositivo Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO coordinato e condiviso da Azienda Speciale Palaexpo di RomaGallerie Nazionali di Arte Antica e MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo per celebrare nelle rispettive sedi museali la figura del regista, scrittore e artista, proseguono le prime due mostre inaugurate nelle scorse settimane. A Palazzo delle Esposizioni è visitabile fino al 26 febbraio 2023 la mostra dal titolo Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO. Il corpo poetico, a cura di Giuseppe GarreraCesare PietroiustiClara Tosi Pamphili e Olivier Saillard (co-curatore per la sezione dedicata ai costumi). Un’accurata selezione di oltre 700 pezzi che vanno a comporre un ritratto “corporeo” e inedito del grande intellettuale italiano. Al centro del percorso espositivo lo spazio circolare della Rotonda di Palazzo delle Esposizioni è trasformato in una grande sala-lettura in cui sono presenti numerose edizioni di libri su e di Pier Paolo Pasolini liberamente fruibili dal pubblico. Fino al 6 novembre, verrà esposto in via eccezionale il manoscritto originale del componimento che Elsa Morante scrisse per l’amico ucciso: A P.P.P. In nessun posto; datato Roma, 13 febbraio 1976, conservato presso l'Archivio Morante alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. La mostra è visitabile dal martedì alla domenica ore 10-20 (ultimo ingresso un’ora prima).

Nell’ambito della stessa mostra, nella Sala Cinema del Palazzo delle Esposizioni, prosegue la rassegna cinematografica Pasolini prossimo nostro a cura dell’Azienda Speciale Palaexpo e del Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale che fino all’8 dicembre propone film (in pellicola 35mm) di Pasolini e di altri registi che hanno trattato tematiche simili alle sue o che a lui si sono ispirati. In programma il 4 e 5 novembre due celebri pellicole dello stesso Pasolini, Teorema (1968) e Medea (1969). Inizio proiezioni alle 20. Ingresso libero fino a esaurimento posti con prenotazione obbligatoria dalle ore 9 del giorno precedente alla proiezione fino a un'ora prima.

Ancora, fino al 12 febbraio 2023 a Palazzo Barberini la seconda delle tre mostre in programma: Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO. Il corpo veggente, a cura di Michele Di Monte. L’esposizione esplora il ruolo determinante dell’ispirazione della tradizione artistica nel cinema e nell’immaginario figurativo pasoliniano. Il percorso della mostra, concepito come un “montaggio”, illustra il potere di sopravvivenza delle immagini trasfigurate dall’obiettivo poetico di Pasolini. Visitabile dal martedì alla domenica ore 10-19 (ultimo ingresso ore 18).

Tra le iniziative promosse dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, prosegue fino al 16 aprile 2023 il progetto espositivo Pasolini Pittore alla Galleria d'Arte Moderna. La mostra, a cura di Silvana Cirillo, Claudio Crescentini e Federica Pirani, riporta l’attenzione su un aspetto artistico rilevante, spesso trascurato dalla critica nel contesto creativo complessivo dello scrittore e regista, a oltre quaranta anni dall’ultima pubblicazione completa (1978) su Pasolini pittore. Oltre 150 opere che ripercorrono gli inizi pittorici di Pasolini che vanno di pari passo con le prime prove poetiche in friulano. La mostra è visitabile dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18.30.

Weekend a Roma il 5 e 6 novembre: cosa vedere a teatro

Il 4 e il 5 novembre alle ore 21 al Teatro Biblioteca Quarticciolo vanno in scena due spettacoli di danza del coreografo Pablo Girolami della Compagnia IVONA con Guilherme Leal e Lou Thabart e le musiche di Max Richter (Jacob Kirkegaard, Philip Jeck), che richiamano in modo espressivo le idiosincrasie e le paure dell'essere umano. In T.R.I.P.O.F.O.B.I.A il pubblico entrerà nel paradosso dell’irrazionalità della paura umana, investigando il dualismo tra equilibrio e disequilibrio, passivo e attivo, consapevole e inconsapevole; Jose Pasqual, invece, è una lettera d’amore dedicata a una bambola gonfiabile. I due titoli rientrano nell'ambito di Orbita | Spellbound – Centro di Produzione Nazionale della Danza, in co-realizzazione con Romaeuropa Festival.

Appuntamento fino al 16 dicembre con Fabulamundi Playwriting Europe, il progetto per la promozione e il sostegno della drammaturgia contemporanea in Europa a cura di PAV. Tra gli appuntamenti in programma si segnala il nuovo appuntamento di Bibliotalk: un incontro settimanale a cura di PAV e Teatro e Critica per dialogare con drammaturghe e drammaturghi della scena contemporanea, registi e performer, traduttrici e traduttori. Dal 3 al 5 novembre allo Spazio Rossellini (via della Vasca Navale 58) va in scena lo spettacolo Svelarsi. Un’altalena di stati d’animo: un senso di invasione, una mancanza di spazio, una compressione, da una parte, la potenza, lo strabordare, la risata travolgente, dall’altra. Scritto e diretto da Silvia Gallerano in scena con Giulia Aleandri, Elvira Berarducci, Smeralda Capizzi, Benedetta Cassio, Livia De Luca, Serena Dibiase, Chantal Gori e Giulia Pietrozzini. Orari: giovedì ore 21, venerdì e sabato doppia replica alle 18 e alle 21. Prenotazione obbligatoria; la biglietteria dello Spazio Rossellini aprirà un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Fino al 18 dicembre il Teatro Belli di Antonio Salines (piazza Sant'Apollonia 11a) ospita TREND – Nuove frontiere della scena britannica, l’unica rassegna in Italia interamente dedicata alla drammaturgia contemporanea inglese a cura di Rodolfo Di Giammarco. Dal 4 al 6 novembre va in scena Pops di Charlie Josephine: un padre e una figlia. Un incontro/scontro fra due visioni della vita, un continuo grido di aiuto inascoltato con Eleonora Bernazza e Massimo Di Michele, che ne cura anche la regia. Spettacoli alle 21. Prenotazioni allo 06 5894875 o scrivendo una mail

Fino al 18 dicembre l’Associazione Culturale I-Drama Aps propone il progetto I-Drama: Innovazione e Creatività. Una piattaforma digitale attraverso la quale il pubblico potrà assistere a 10 spettacoli messi in scena sul palco del Teatro Fara Nume di via Domenico Baffigo 16 a Ostia (trasmessi in streaming, registrati e successivamente disponibili sulla piattaforma in maniera permanente) e 6 laboratori di video-making, fotografia, con contest creativi e di comunicazione digitale. Il 5 novembre alle 21 collegandosi al sito Idrama si potrà assistere gratuitamente allo spettacolo tratto dalla famosa commedia di Luigi Pirandello L’uomo, la bestia e la virtù diretto da Bruno Bonifazi (Compagnia L’Altro Teatro). Dal 5 al 13 novembre, inoltre, sarà possibile seguire gratuitamente Fotografia, un laboratorio di apprendimento delle tecniche fotografiche in relazione al teatro a cura degli insegnanti della Associazione I-Drama. Prenotazione via mail o su whatsapp al numero 338 7709057.

Continua fino al 14 dicembre Inside Out Contemporary Dance, la manifestazione gratuita a cura del Balletto di Roma dedicata alla promozione della danza contemporanea attraverso inedite modalità di visione e partecipazione. Il 5 novembre alle 16, presso la sede di via della Pineta Sacchetti 199, appuntamento con Floor Flirting: outcome, azione coreografica in cui momenti di improvvisazione guidata permetteranno ai danzatori di dare forma a una visione alternativa del “partnering”. Un dialogo giocoso con il pavimento in cui i corpi svolgono un ruolo attivo e si sfruttano le regole della fisica a favore di una ricerca estetica di movimento che incanala la forza nelle traiettorie più disparate del gesto. A cura di Giovanni Gava Leonarduzzi, Lia Claudia Latini Compagnia Bellanda. L’appuntamento, gratuito con prenotazione obbligatoria allo 06 64463194 e via mail, è rivolto a studenti e docenti di danza, coreografi e operatori culturali.

Al Teatro Tor Bella Monaca, sul palco della Sala Piccola, dal 3 al 5 novembre, alle 21, la compagnia BinarioVivo porta in scena Robin Hood, l’eroe muore sempre per ultimo: con la drammaturgia di Federico Malvaldi, una versione moderna e realistica del classico racconto di Robin Hood ambientata in un futuro irreale ma non troppo, lontano, ma non tanto, diretta da Carlo Scorrano, con Francesco Pelosini, Fabio Buonocore, Veronica Rivolta e Jacopo Riccardi e con le musiche di Marco Zaninello. Si torna in Sala Grande, dal 4 al 6 novembre, con il commissario più famoso della narrativa contemporanea italiana per La prima indagine di Montalbano, tratto dall’opera di Camilleri e interpretato da Massimo Venturiello accompagnato alle tastiere da Alessandro Greggia (venerdì e sabato ore 21; domenica ore 17.30). 

Al Teatro Villa Pamphilj il 6 novembre alle 11.30 l’ultimo appuntamento della rassegna Nuove Varianti. In scena Domani i giornali non usciranno, spettacolo di Veronica Raimo diretto da Emilio Barone e Massimiliano Ferrari e interpretato da Alessandra Chieli. Una donna ha appena perso la coincidenza per il suo volo e non sa quando potrà imbarcarsi sul prossimo. Sono mesi che si sta preparando a questa partenza: vuole essere perfetta per raggiungere l’uomo che la sta aspettando. Si troverà di fronte a elefanti nella stanza, gatti di Schrödinger, astinenza da nicotina e ai migliori dubbi della sua vita. Nell’infinito tempo dell’attesa avrà finalmente modo di perdere tutto ciò che l’ha portata lì, a cominciare dalla sua perfezione. Info e prenotazioni via mail o al numero 06 5814176.

Per il Teatro di Roma – Teatro Nazionale, sul palco del Teatro India approda il lavoro di ricerca della compagnia toscana Sotterraneo con L’Angelo della Storia in scena dal 3 al 6 novembre (giovedì, venerdì e sabato ore 20, domenica ore 18). Lo spettacolo, ideato e diretto da Sara Bonaventura, Claudio Cirri e Daniele Villa, che ne ha curato anche la scrittura, assembla fatti e pensieri lontani fra loro, aneddoti di secoli e geografie differenti, gesti assurdi che espongono paradossi di interi periodi del passato: un dipanarsi di racconti storici che sintetizzano le contraddizioni di un’intera epoca, montati in cortocircuito con la filosofia di Walter Benjamin per ragionare su come la catena di narrazioni, miti, credenze e ideologie agiscano e intervengano sulla percezione della realtà. In scena, Sara Bonaventura, Claudio Cirri, Lorenza Guerrini, Daniele Pennati e Giulio Santolini.

Per il Romaeuropa festival ritorna Alexander Zeldin con Faith, Hope and Charity: il regista inglese porta in scena in prima nazionale al Teatro Argentina dal 3 al 6 novembre l’ultimo capitolo di una trilogia dedicata all’intimità in tempi di crisi accompagnando il pubblico all’interno di un centro comunitario (orari: giovedì e venerdì ore 21, sabato ore 19, domenica ore 17). Al Mattatoio tanti gli appuntamenti della sezione Digitalive dedicata alle culture digitali, in programma ADV Gathering – Arti digitali dal vivo, il primo incontro nazionale del network di ricercatori universitari e accademici nel settore delle Arti Digitali dal Vivo (5 novembre alle 15 e 6 novembre alle 10). Tre le performance che uniscono le arti digitali e la musica: il musicista e artista digitale Franz Rosati presenta il 5 novembre alle 21 DISTANTIA, un progetto multimediale audiovisivo in forma di concerto; mentre il 6 novembre alle 20 l’artista e fisica quantistica Libby Haeney porta al pubblico il suo progetto immersivo slimeQore. Il 4 e 5 novembre alle 20 al Mattatoio in scena EXTREME/MALECANE di Paola Pisciottano/bolognaprocess, un affresco tra teatro e danza per rintracciare le motivazioni alla base della propagazione dei discorsi d’odio sempre diffusi in Europa. Il 5 e 6 novembre alle 21 al Teatro Vascello Robyn Orlin, da sempre riconosciuta come l’enfant terrible della danza sudafricana, con la sua ultima creazione We wear our wheels with pride and slap your streets with color… attinge ai ricordi d’infanzia per recuperare storie di resistenza negli anni dell’apartheid. 

Weekend a Roma il 5 e 6 novembre: concerti e musica

Al Teatro dell’Opera di Roma, fino al 5 novembre ultime repliche per la Tosca, il capolavoro di Giacomo Puccini, nell'allestimento originale della prima edizione assoluta che il compositore vide rappresentata al Costanzi il 14 gennaio 1900. Diretto dal M° Paolo Arrivabeni con la regia di Alessandro Talevi e Anna Pirozzi nei panni di Tosca con la partecipazione della Scuola di Canto Corale del Teatro dell’Opera di Roma. Spettacoli alle 20. 

Il Teatro Villa Pamphilj ospita il 5 novembre alle 11.30 lo spettacolo di musica celtica e racconti del The Fairytales TrioClea Cotroneo alla voce, Lucia Dorelli al violino e Iacopo Fiorio alla chitarra, introdurranno il pubblico nelle magiche atmosfere celtiche accompagnando la musica a storie che raccontano le origini di Halloween, da Jack-o’-lantern passando per il Trick-or-Treat fino ad arrivare al mito della regina Boudicca. Info. e prenotazioni via mail o al numero 06 5814176.

La programmazione si arricchisce con l’inizio del Roma Jazz Festival che, giunto alla 46° edizione, a cura di IMF Foundation in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma, dal 6 al 19 novembre animerà la Capitale con 23 concerti all’Auditorium Parco della Musica Ennio Morricone, alla Casa del Jazz e al Monk. Performance interattive e immersive ad alto tasso tecnologico, possibilità di acquistare con gli NFT (non-fungible token) assoli eseguiti da grandi musicisti e colori generati dai suoni grazie all’Intelligenza Artificiale. Il titolo scelto per questa nuova edizione, diretta da Mario Ciampà, è Immersivity: un approccio multisensoriale, ludico e coinvolgente che guarda al contemporaneo e al futuro senza dimenticare le radici di un linguaggio al tempo stesso colto e popolare, sofisticato e immediato, in grado di parlare a pubblici diversi.  Per la giornata di inaugurazione, il 6 novembre, previsti 4 concerti: si comincia nel Teatro Studio Borgna in Auditorium alle 11 con la celebre fiaba I Musicanti di Brema, scritta dai Fratelli Grimm e rivisitata in chiave teatrale e musicale dall’ironico trio di Fiabe Jazz, per proseguire alle 18 con Io sono quel che suono. Io suono Mingus, un lavoro del M° Mario Corvini che dirigerà la New Talent Jazz Orchestra per un evento in prima assoluta nella ricorrenza del centenario della nascita del grande contrabbassista e compositore Charles Mingus. Alle 21 doppio appuntamento: in Auditorium (Sala Petrassi) Lady Blackbird, al secolo Marley Munroe, reincarna in terra e in musica la disperazione di Nina Simone; alla Casa del Jazz, Ralf Schmid con il suo ultimo progetto Pyanook porta sul palco i suoi “mu Gloves” con i quali può manipolare digitalmente il suono di ciò che esegue al pianoforte con i soli gesti delle mani.

Weekend a Roma il 5 e 6 novembre: cinema, cosa vedere

Giunta alla sua decima edizione, torna, dal 4 al 6 novembre, la rassegna SCOPRIR – Mostra di Cinema Iberoamericano, organizzata dall’Instituto Cervantes in collaborazione con le ambasciate iberoamericane in Italia. Saranno 10 i film che comporranno l’ampia panoramica sulla ricchissima cinematografia ispano-americana, con opere prime, film di registi affermati e film che sperimentano nuovi modi di fare cinema. La sezione Nuevas Cinefilias. Paisajes reencontrados, presenterà, inoltre, opere molto diverse tra loro provenienti da Colombia, Repubblica Dominicana, Perù, Argentina ed Ecuador. E, per omaggiare uno dei più grandi musicisti argentini di tutti i tempi, un evento speciale dedicato ad Astor Piazzolla (5 novembre dalle ore 15), con la proiezione del documentario Piazzolla, la revolución del tango di Daniel Rosenfeld, seguito da un concerto di “bandoneon” dell’artista Gabriela Galì.

Prosegue fino al 13 novembre, la mostra dedicata a Roberto Benigni 70volteRober70, con i 160 scatti realizzati in molti anni di carriera da Mimmo Cattarinich, fotografo di scena per alcuni film del regista e attore toscano. L’esposizione è a cura di Maurizio Presutti, nipote del fotografo, con la collaborazione dell’Associazione Culturale Mimmo Cattarinich. Infine, continua il cammino della rassegna Heimat l’integrale che nel fine settimana proporrà gli episodi I lupi di Natale (5 novembre ore 20) e Il matrimonio (6 novembre ore 20). Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Al Nuovo Cinema Aquila dal 3 novembre verrà proiettato il film L’ombra di Caravaggio (Italia, 2022) diretto e interpretato da Michele Placido. In settimana proseguono anche le proiezioni dei film: La stranezza (Italia, 2022) di Roberto Andò; Il colibrì (Italia/Francia, 2022) di Francesca Archibugi; Siccità (Italia, 2022) di Paolo VirzìL’immensità (Italia/Francia, 2022) di Emanuele Crialese. I biglietti sono acquistabili esclusivamente presso il botteghino del cinema.

Torna dal 5 novembre il 48 Hour Film Project Roma, l'edizione italiana di uno dei concorsi per giovani filmmakers più noti e attesi dagli aspiranti professionisti del settore e che si svolge con successo da quasi 30 anni in 140 città in tutto il mondo. I partecipanti al concorso, a cura di Le Bestevem, hanno 48 ore per scrivere la sceneggiatura, preparare le riprese, scegliere i costumi e la scenografia, girare, montare e missare un cortometraggio di 7 minuti contenente 3 elementi obbligatori comunicati 5 minuti prima della partenza del countdown. È possibile iscriversi con il proprio team di lavoro a questo link e prendere parte alla sfida che si terrà dal 18 al 20 novembre. Il progetto prevede inoltre una serie di workshop formativi gratuiti tenuti da professionisti riconosciuti del panorama cinematografico italiano e internazionale (regia, recitazione, sceneggiatura, fotografia, montaggio) aperti ai concorrenti ma anche a semplici appassionati e curiosi. Si parte il 5 e 6 novembre con le prime due giornate di masterclass: Come scrivere una sceneggiatura con Valentina Bertuzzi e La regia: identità artistica e professionalità teorico-tecnica con Aldo Iuliano. Gli appuntamenti saranno fruibili sia in presenza al Teatro dei Contrari (viale dei Quattro Venti 38) sia online tramite piattaforma Zoom dalle 11 alle 13 e dalle 14 alle 16. Prenotazione obbligatoria mandando una mail con i propri dati, indicando il corso che si intende seguire; in seguito verrà inviata una mail con il link alla piattaforma e tutte le info per seguire le masterclass.

Weekend a Roma il 5 e 6 novembre: mostre e musei da vedere

Prosegue, negli spazi della metro Cavour, Art Stop Monti, progetto prodotto da Nufactory che porta al pubblico le opere di cinque artisti con altrettanti talk di approfondimento condotti dalla giornalista Fabrizia Ferrazzoli che animeranno la stazione metro che affaccia su piazza della Suburra. Tema di quest’anno è Futura: gli artisti sono chiamati a interrogarsi sul futuro ripartendo dall'essere umano e dalla sua condizione nel mondo attuale per una rivoluzione quanto mai necessaria. Dal 3 novembre il pubblico potrà ammirare l’opera site specific dell’artista Pax Paloscia (fino al 17 novembre).

Visita guidata Raccontare una mostra: Pharmakon ep.2 al Museo delle Mura il 5 novembre alle 12, anche per persone non vedenti e ipovedenti, a cura di Francesca Romana Cappa, Ersilia Maria Loreti e degli artisti in mostra Julia Creuheras, Sofia Bordin, Tonino Pepe, Guia Bertorello, Jeronim Horvat. L’esposizione mostra opere di cinque giovani artisti e utilizza l’installazione in forme diverse: video, scultura e richiami all’arte povera.

Visita alla mostra Pasolini pittore, il 5 novembre alle 16.30, un’ampia rassegna che, a cento anni della nascita, ne esplora la produzione grafica e pittorica in dialogo con la storia dell’arte del Novecento. Alla Galleria d’Arte Moderna di via Francesco Crispi. A cura di Daniela Vasta.

Archeologia in Comune propone la visita alla Villa di Massenzio il 5 novembre alle 11, una delle aree archeologiche più suggestive della campagna romana; il 6 novembre alle 11, invece, è in programma la visita a Porta San Sebastiano (Museo delle Mura), a cura di Simonetta Serra

Al Museo Civico di Zoologia, nell’ambito degli eventi organizzati per il 90° anniversario della sua fondazione (1932), il 5 novembre dalle ore 9.30 alle 13 si terrà il convegno Un museo tra passato, presente e futuro (ingresso gratuito fino ad esaurimento posti) mentre il 6 novembre, alle 10 e alle 12, si potrà partecipare alle visite guidate gratuite al museo (max 15 persone con prenotazione obbligatoria allo 06 0608).

Il 6 novembre, prima domenica del mese, ingresso gratuito in musei civici e siti archeologici di Roma. Residenti e non residenti a Roma potranno visitare gratuitamente i Musei civici, le mostre in corso e alcune aree archeologiche: il Circo Massimo (dalle ore 9.30 alle 16 ultimo ingresso alle 15) e i Fori Imperiali (ingresso dalla Colonna Traiana 9 – 16.30 ultimo ingresso un’ora prima). Accesso ai siti Super (visita integrata delle aree archeologiche dei Fori Imperiali, del Foro Romano e del Palatino) a partire dalle ore 9.30 e fino a un’ora prima della chiusura.

Nelle sale della Dipendenza della Casina delle Civette di Villa Torlonia dal 5 novembre 2022 al 29 gennaio 2023, la mostra MATEMA(N)TICA. La scienza si divulga anche così propone una modalità coinvolgente di trasmettere al grande pubblico concetti di fisica contemporanea, attraverso 5 graffiti su tavola di grandi dimensioni eseguiti a quattro mani da Herman Normoid, artista plastico poliedrico, e Héctor Ojeda, fisico ricercatore dell’Istituto dei Sistemi Complessi-CNR.

Prosegue fino al 27 novembre la mostra fotografica Vicino/lontano. In occasione del 50° Anniversario della Convenzione UNESCO sulla Protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale, al Palazzo delle Esposizioni e in alcune sedi delle Biblioteche di Roma (Biblioteca Europea a piazza Fiume, Ennio Flaiano al Tufello, Pier Paolo Pasolini a Spinaceto, Enzo Tortora a Testaccio), un viaggio alla scoperta del patrimonio culturale e naturale dell’immigrazione in Italia. Nelle diverse sedi, saranno esposti complessivamente oltre quattrocento scatti realizzati da fotografi provenienti dai Paesi con il maggior flusso migratorio verso l’Italia. Gli autori hanno raccontato attraverso le immagini, il patrimonio culturale e naturale dei loro paesi d’origine, costruendo un dialogo con le fotografie istituzionali dei siti del Patrimonio Mondiale e del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO. Le mostre sono a ingresso gratuito. Per il Palazzo delle Esposizioni gli orari sono: dal martedì alla domenica dalle 10 alle 20 (ingresso fino a un’ora prima della chiusura). 

Dal 4 al 6 novembre appuntamento nel Quartiere Aurelio con la VI edizione di GAU – Gallerie d‘Arte Urbana a cura di Progetto Goldstein. La manifestazione si pone come principale obiettivo il risanamento urbano reinventando forme che viviamo nel quotidiano attraverso la street art. Una galleria a cielo aperto per ribadire il concetto dell’arte come bene comune, incentivando l’attenzione del singolo cittadino sul giusto rispetto verso un bene comunitario. Il 5 novembre alle 12 presso l’istituto scolastico di via Cornelia 43 verrà presentato al pubblico il murales realizzato dalle artiste Molecole mentre il 6 novembre alle 11 è in programma una Visita guidata Performativa per il quartiere, da via Baldo degli Ubaldi a via Aurelia. Gli eventi sono gratuiti con prenotazione obbligatoria.

Al MACRO proseguono le mostre in corso. Fino al 19 febbraio 2023 c’è la personale di Diego Perrone Pendio piovoso frusta la lingua che unisce opere degli ultimi vent’anni di produzione dell’artista italiano con cinque nuovi lavori: due opere/display, una distorsione dello spazio, un video e una serie fotografica. Il museo continua a esplorare il mondo editoriale con la mostra Hanuman Books 1986-1993, dedicata alla casa editrice fondata nel 1986 dall’artista Francesco Clemente e dall’editor e curatore Raymond Foye, che presenta l'intero catalogo delle pubblicazioni insieme al racconto della vita della casa editrice, tramite un'intervista con i due fondatori realizzata da Luca Lo Pinto e una selezione di materiali di archivio (fino al 12 marzo 2023). Philippe Thomas declines his identity è la prima mostra dedicata da un’istituzione italiana a offrire un ritratto articolato dell'artista francese Philippe Thomas (1951-1995) e della sua ricerca sul concetto di autorialità, confluita nell'agenzia da lui fondata readymades belong to everyone® (fino al 5 marzo 2023). La compositrice e artista del Kuwait Fatima Al Qadiri porta al MACRO la sua sperimentazione sonora con Isekai: la sala per l'ascolto del museo offre un percorso attraverso la sua produzione, dagli esordi alle collaborazioni con il cinema, tra cui la colonna sonora del premiato lungometraggio Atlantique (2019) di Mati Diop (fino al 19 marzo 2023)Il mondo del graphic design entra nella sede museale con Åbäke, collettivo transdisciplinare fondato a Londra nel 2000 da Benjamin ReichenKajsa StåhlMaki Suzuki e Patrick Lacey, con la mostra, Deep Publishing (fino al 12 marzo 2023). Termina invece il 6 novembre Sharp Smile dell’artista francese Eva Barto (1987) che si interroga sulle relazioni che governano i codici della proprietà e della produzione e, in particolare, quelle che regolano i rapporti di filantropia e mecenatismo nel sistema dell’arte contemporanea. Tutte le mostre sono a ingresso gratuito e visitabili martedì, mercoledì, giovedì e venerdì ore 12-19; sabato e domenica ore 10-19. Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

Dove porto i bambini a Roma nel weekend del 5 e 6 novembre

La VI edizione di GAU – Gallerie d‘Arte Urbana a cura di Progetto Goldstein si apre il 4 novembre alle 11 nell’istituto scolastico di via Cornelia 43 con Differenziata Mon Amour, laboratorio di riciclo creativo per le nuove generazioni sul tema della raccolta differenziata in cui i bambini saranno chiamati a creare opere che utilizzino le tecniche della street art ispirandosi alle tematiche ambientali. Gratuito con prenotazione obbligatoria via mail o allo 06 88971117.

Tra le iniziative promosse dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e dedicate ai bambini e alle famiglie, si segnala che nel fine settimana (e fino al 18 dicembre) parte la nuova offerta didattica Lab For Family. Adulti, ragazzi e bambini potranno condividere un’avventura di famiglia all’interno di uno dei Musei civici fra i seguenti quattro: Casino Nobile e Casina delle Civette a Villa Torlonia, Centrale Montemartini, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese. Si comincia il 5 novembre alle 15 presso il Casino Nobile di Villa Torlonia con l’iniziativa Tra mito, storia e realtà. Un viaggio nel tempo a Villa Torlonia, un laboratorio itinerante in cui i nonni “oratori” parleranno ai nipoti “uditori” (8-13 anni) prima di invertire i ruoli e lasciarsi sorprendere dal risultato (max 20 partecipanti, prenotazione obbligatoria e preacquisto del biglietto al call center 060608).

Al Planetario di Roma invece il 5 novembre alle 12 torna l’appuntamento con Girotondo tra i Pianeti, lo spettacolo giocoso e interattivo per bambini e per i loro genitori, in cui la sala del Planetario è un’immaginaria rampa di lancio verso i pianeti del sistema solare. Guidati dagli astronomi del Planetario si imparerà a riconoscere i pianeti nel cielo stellato; poi i bambini come piccoli astronauti tracceranno la rotta della loro missione spaziale partendo su un taxi interstellare verso i loro pianeti preferiti. E a sorpresa, grazie al navigatore cosmico del Planetario, si potrà anche volare tutti insieme in direzione dei sistemi planetari di altre stelle lontane, per scoprire tanti nuovi mondi ancora inesplorati. Il 6 novembre alle 12 e alle 18 torna anche lo spettacolo Accade tra le stelle: accompagnati dal divertente e stravagante Dottor Stellarium (interpretato da Gabriele Catanzaro), i bambini saranno protagonisti di un simpatico viaggio astronomico alla scoperta di pianeti, satelliti naturali e artificiali, comete, asteroidi e stelle cadenti.

Al Palazzo delle Esposizioni, nell’ambito della mostra Pier Paolo Pasolini. TUTTO È SANTO il 6 novembre alle 11 secondo appuntamento di Costumi di scena, percorso animato in mostra e laboratorio per ragazze e ragazzi dai 7 agli 11 anni. Un’attività per familiarizzare con manichini, cartamodelli, stoffe e passamanerie, e realizzare in piccolo un costume di scena. Per info scrivere una mail.

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.