Festa del Cinema di Roma 2022: Metamorfosi, il progetto che trasforma i barconi dei migranti in violini

Festa del Cinema di Roma 2022: Metamorfosi, il progetto che trasforma i barconi dei migranti in violini

Attualità Roma Venerdì 21 ottobre 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© ADM
Altre foto

Roma - Siamo alla Festa del Cinema di Roma, a pochi metri dal red carpet che in questi giorni vede sfilare star del cinema e della musica italiani e internazionali. Tra i tanti stand, uno attira l'attenzione: non ci sono visi conosciuti o vestiti sfavillanti, ma solo ciò che resta di un barcone e in una teca di vetro un violino dal legno grezzo e colorato rende la scena malinconica e romantica al tempo stesso. A quel punto è impossibile non avvicinarsi e non chiedere informazioni.

Ci troviamo nello stand de L'Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli e ciò che vediamo è il processo di un progetto dal titolo Metamorfosi, presentato alla Festa del Cinema di Roma con il documentario Metamorfosi: un canto del mare, realizzato da Ginko Film per la regia di Giovanni Pellegrini.

Un progetto di inclusione, trasformazione e creatività dove la sinergia virtuosa tra pubblico e privato dà vita a una sperimentazione che ci fa guardare il futuro con occhi pieni di ottimismo. Infatti, grazie al progetto Metamorfosi con il legno delle barche che hanno portato i migranti a Lampedusa, persone detenute nel carcere di Milano Opera, realizzano violini, viole e violoncelli, dando così luogo a un ulteriore progetto: l’Orchestra del Mare ovvero una orchestra interamente realizzata con i legni recuperati da queste imbarcazioni.

Una Metamorfosi che trasforma la tragedia in bellezza e all'interno di questo processo i detenuti sono coinvolti attivamente trasformando questo legno sfortunato in strumenti musicali grazie alle maestranze che all'interno di queste strutture, con passione e dedizione, insegnano mestieri importanti e oggi quasi scomparsi.

Leggiamo che l'idea è nata dalla Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti che avuto l'intuizione e chiesto supporto al Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria e a L'Agenzia delle Accise Dogane e Monopoli, che come ci spiegano, ha il ruolo ex lege di ricercare, recuperare e smaltire le imbarcazioni abbandonate dalle persone migranti una volta dissequestrate dall'Autorità Giudiziaria.

E subito viene in mente la celebre frase  pronunciata dal chimico, biologo e filosofo del Settecento, Antoine-Laurent Lavoisier: Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma, e in questo caso la trasformazione sembra quasi un miracolo di umanità, inclusione e lungimiranza.

Al momento sono già trenta le barche arrivate, trasportate a Milano e affidate agli artigiani della bottega carceraria milanese. Da questa materia prima di tutto simbolica verranno realizzati altri violini, viole e violoncelli che formeranno poi questa meravigliosa Orchestra del Mare.

Il primo violino del mare, realizzato grazie a questo processo è stato benedetto da Papa Francesco il 4 febbraio 2022. Su questo strumento Carlo Maria Parazzoli, primo violino dell'Orchestra Nazionale dell'Accademia di Santa Cecilia, ha eseguito per il Papa, un'opera inedita del compositore Nicola Piovani.

Il progetto Metamorfosi è così un'occasione per promuovere una nuova coscienza su un tema complesso e drammatico come quello delle migrazioni e della detenzione. È un progetto, come giustamente sottolinea il presidente della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti «che parla attraverso l'arte e la  spiritualità, andando oltre qualsiasi strumentalizzazione».

Un progetto che merita di essere divulgato tra i giovani e i meno giovani, auspicando che venga replicato anche in altre realtà.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.