Weekend a Roma: cosa fare, dalla Notte dei Musei 2022 alle mostre e ai concerti

Weekend a Roma: cosa fare, dalla Notte dei Musei 2022 alle mostre e ai concerti

Weekend Roma Venerdì 13 maggio 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© facebook.com/MuseiInComuneRoma/photos

Roma - Cosa fare e dove andare nel weekend a Roma? Dalla Notte dei Musei al Festival del verde e del paesaggio, fino agli eventi dedicati ai bambini, le idee anche per sabato 14 e domenica 15 maggio non mancano. Clicca sui link che trovi qui sotto per saperne di più.

Weekend a Roma, cosa fare: la Notte dei musei

Dopo due anni di assenza dovuta all’emergenza sanitaria, sabato 14 maggio torna a Roma l’appuntamento con la nuova edizione de La Notte dei Musei, l’iniziativa promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura. Giunta al suo dodicesimo anno di attività, l’edizione 2022 si svolgerà in contemporanea con il grande evento europeo, al quale Roma Capitale aderisce con l’apertura straordinaria in orario serale dei Musei civici (dalle 20.00 alle 2.00) e con un programma di concerti e spettacoli dal vivo selezionati tramite l’avviso concorrenziale “Notte dei Musei 2022”. Il biglietto di ingresso del costo simbolico di un euro, o gratuito dove espressamente previsto, consentirà di godere degli spettacoli e delle visite guidate in programma, circondati dalle opere d’arte delle collezioni permanenti e da quelle delle numerose mostre temporanee. Sarà anche l’occasione per visitare altri spazi della città come musei stataliuniversitàistituzioni italiane e straniere e i tanti luoghi della cultura e dell’intrattenimento eccezionalmente aperti in orario serale. Circa 80 spazi diffusi sul territorio al cui interno prenderanno vita oltre 100 eventi, sia di intrattenimento che di didattica, con più di 60 mostre pronte ad accogliere i visitatori

Weekend a Roma: cosa fare con i bambini

Dal 12 al 15 maggio nei luoghi della rete Teatri in Comune arriva Immagina, Festival internazionale del Teatro di figura di Roma, una rassegna delle produzioni nazionali e internazionali più significative nell’ambito del teatro di figura, con la presenza delle compagnie Luz, Micro Y Punto (Spagna), Merlin Puppet Theater (Germania), String Theatre (Gran Bretagna), Histoire d’Eux (Francia), insieme al Teatro Verde, il Teatro Gioco Vita, il Teatro delle Briciole, il Teatro LaboratorioTam Teatromusica e Il Cappello Rosso. In programma spettacoli di marionette e burattini, laboratori gratuiti a tema per bambini ed esposizioni.

Sabato 14 maggio alle ore 10 al Teatro Villa Pamphilj arriva lo spettacolo per tutti, Io e Einstein di Teatro Laboratorio, con Jessica Leonello Irene Lentini (pupazzo). Un viaggio onirico e divertente che attraverso il dialogo tra la protagonista Jessica, una ragazza in crisi, e il grande scienziato Albert Einstein, porterà a riflettere su un modo di vedere in cui i desideri contano più delle aspettative e in cui l’immaginazione arriva prima della realtà. In replica la sera alle ore 21 al Teatro Biblioteca Quarticciolo.

Sempre sabato 14 maggio alle ore 11 al Teatro Biblioteca Quarticciolo la compagnia String Theatre presenta The Insect Circus, spettacolo per bambini dai 2 anni in su, in cui coleotteri e cavallette, vespe e libellule mostrano al pubblico la loro destrezza, abilità e umorismo dando nuova vita alle tecniche tradizionali dei burattini vittoriani. In replica al Teatro Villa Pamphilj sabato 14 maggio ore 16 e al Teatro del Lido di Ostia domenica 15 maggio ore 11.

Ancora sabato 14 maggio alle ore 18 al Teatro Tor Bella Monaca in scena La pancia del mondo di Teatro delle Briciole / Solares Fondazione delle Arti e con Davide Doro, uno spettacolo sonoro e visuale, per bambini dai 3 anni in su, ispirato alle antiche cosmogonie e alla straordinaria capacità di creazione della madre Terra. In replica al Teatro Biblioteca Quarticciolo domenica 15 maggio ore 16.

Infine domenica 15 maggio alle ore 11, per l’ultimo spettacolo del festival, al Teatro Villa Pamphilj la compagnia Il cappello Rosso presenta Fellini Zirkus ideato e interpretato da Michela Aiello. Uno spettacolo di marionette per adulti e bambini, liberamente ispirato al mondo visionario e poetico di Federico Fellini e in particolare a uno dei suoi primi film, La strada, seguendo l’onda delle musiche di Nino Rota e della malinconica aria di tromba suonata da Gelsomina.

Weekend a Roma, cosa fare: i concerti

L’Accademia Nazionale di Santa Cecilia sabato 14 maggio ore 18, nella Sala Santa Cecilia, l’Orchestra e il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia accoglieranno sul podio il direttore austriaco Manfred Honeck, per Mozart: non solo Requiem, un progetto da lui stesso ideato che attraverso canti gregoriani, il Requiem, la Musica funebre massonica K 477, il Laudate Dominum K 339 e l’Ave verum corpus K 618 di Mozart, nonché alcune letture (Sonetti di Michelangelo, Epistolario di Mozart), intende tracciare un percorso dedicato al concetto della morte nella musica del compositore salisburghese. A dar voce alle musiche in programma sarà un quartetto di artisti affermati in campo internazionale: Federica Lombardi (soprano), Marianna Pizzolato (contralto), Mauro Peter (tenore) e Krzysztof Bączyk (basso) mentre le poesie e i testi verranno letti da Massimo Popolizio. Aprirà il concerto la Sinfonia n. 1 di Beethoven. 

All’Auditorium Parco della Musica, la Fondazione Musica per Roma propone il concerto di Gianni Togni, che festeggia i 40 anni di carriera e di Otello Profazio, storico cantastorie del Sud (sabato 14). A seguire, domenica 15, tre appuntamenti: in Sala Santa Cecilia Mario Bondi con il tour Paradise, in sala Petrassi il duo di fuoriclasse del jazz Joey Calderazzo e John Patitucci, mentre nel Teatro Studio Borgna si celebrerà lo Zappa’s Revenge-Day con l’orchestra de I Virtuosi dal Pianeta Talento che ripercorrerà la discografia di Frank Zappa. Inizio concerti ore 21.

Alla Casa del Jazz in programma sabato 14 maggio il concerto Cello Solo dell’olandese Ernst Reijseger, violoncellista, compositore e performer. Domenica 15 maggio arriva il trio WE3 composto da Francesco Chiapperini (sax baritono, clarinetto basso, synth), Luca Pissavini (violone) e Stefano Grasso (batteria), che propone un repertorio ispirato alla musica sciamanica e dedicato agli anni ‘70. Inizio concerti ore 21.

Al Teatro Torlonia, domenica 15 maggio, alle ore 18, per il ciclo di incontri La musica è una cosa meravigliosa dedicati ai principali compositori, si terrà l’appuntamento sull’opera di Antonio Vivaldi e Astor Piazzolla. Ad introdurre i brani dei due maestri sarà Stefano Catucci, mentre Leonardo Spinedi, violino e chitarra solista, eseguirà Le quattro stagioni di Vivaldi e Cuatro estaciones porteñas di Piazzolla.

Weekend a Roma, cosa fare: teatro e danza

Sul palco del Teatro Argentina, a cura del Teatro di Roma – Teatro Nazionale, proseguono fino al 15 maggio le repliche dello spettacolo La Tempesta di William Shakespeare, tradotto, adattato e diretto da Alessandro Serra, che ne cura anche le scene, le luci, i suoni e i costumi. Spettacoli: mercoledì e sabato ore 19, giovedì e domenica ore 17, venerdì ore 20.

Al Teatro Tor Bella Monaca dal 13 al 15 maggio in Sala Piccola in scena Amare cannibale, testo e regia di Mariagrazia Pompei, con Valentina FavellaFrancesca DiprimaRiccardo Pieretti. Un testo teatrale che intende affrontare i cambiamenti che avvengono durante i nove mesi della gravidanza nelle vite delle donne che decidono di diventare madri, tra paure, responsabilità e meraviglia. Mentre il 17 e 18 maggio in Sala Grande arriva Amore sono un po’ incinta di e con Marco Cavallaro e con Sara ValerioGuido Goitre, Antonio Conte e le voci di Monica Ward e Alessandro Campaiola. Una commedia per ridere della paura di affrontare l’ignoto. Spettacoli: ore 21, domenica ore 18.

Negli spazi della Pelanda al Mattatoio proseguono gli appuntamenti performativi di re-creatures, a cura di Ilaria Mancia. Sabato 14 maggio alle ore 21, nel Teatro1, il danzatore e coreografo Marco Torrice terrà la performance conclusiva del laboratorio di danza Melting Pot tenuto nei giorni precedenti, mentre martedì 17 maggio alle ore 20 nel Teatro2, Silvia Calderoni eseguirà la performance You Were Nothing But Wind ideata insieme a Daniela Nicolò ed Enrico Casagrande (compagnia Motus), ispirata alla figura di Ecuba della tragedia di Euripide, donna agguerrita, della quale la Calderoni ne traduce la disperazione e la furia. Entrambi gli appuntamenti sono a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Per la stagione di balletto del Teatro dell’Opera di Roma, fino al 15 maggio al Teatro Costanzi proseguono le repliche de Il Corsaro, balletto in due atti su libretto di De Saint Georges e Mazilier dal poema The Corsair di Byron, che narra le vicende avventurose della schiava Medora e del corsaro Conrad. Il Maestro Alexei Baklan dirige l’Orchestra dell’Opera di Roma nelle musiche di Adam, Pugni, Delibes, Drigo. Sul palco étoiles, primi ballerini, solisti e Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e due coppie di grandi ospiti internazionali cui sono affidati i ruoli dei protagonisti: la prima formata dai principal dancer del Royal Ballet di Londra, l’argentina Marianela Nuñez e il russo Vadim Muntagirov (12 maggio); la seconda da Maia Makhateli e Jacopo Tissi (11 e 13 maggio). Nei ruoli dei protagonisti danzeranno inoltre Susanna Salvi Alessio Rezza (14 e 15 maggio), rispettivamente étoile e primo ballerino del Teatro dell’Opera di Roma. Spettacoli: mercoledì, giovedì e venerdì ore 20; domenica ore 16.30.

Weekend a Roma, cosa fare: mostre e musei da vedere

Nello spazio AuditoriumGarage del Parco della Musica prosegue fino al 29 giugno la mostra Vittorio Gassman. Il centenario, che rende omaggio al grande attore a cento anni dalla sua nascita. L’esposizione, a cura di Alessandro Nicosia, Diletta d’Andrea Gassmann e Alessandro Gassmann, si articola in quattro sezioni (Teatro, Cinema, Televisione, Poesia e Scrittura) e presenta molti materiali provenienti dall’Archivio Storico Luce, dal Centro Sperimentale di Cinematografia, da prestiti istituzionali e privati dell’Accademia Nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico e dell’Archivio Centrale dello Stato. Orario: da martedì a giovedì ore 12-19; venerdì, sabato, domenica e festivi ore 11-20.

Al Palazzo delle Esposizioni sabato 14 maggio alle ore 10.30 in occasione della mostra in corso Guardare è un gioco. I libri fotografici di Tana Hoban, dedicata all’artista, fotografa e film maker americana Tana Hoban, che ha prodotto oltre 50 libri fotografici per bambini e bambine ed è considerata una pioniera di questo genere, si terrà l’incontro Foto-Libro. Un mondo tutto da vivere con Roberta Opassi e rivolto ad insegnanti, bibliotecari e appassionati (prenotazione obbligatoria).

Prosegue invece fino al 12 giugno l’edizione 2022 del World Press Photo, la rassegna che presenta in anteprima nazionale le 122 foto finaliste del prestigioso concorso internazionale di fotogiornalismo esistente dal 1955. L’esposizione è ideata dalla World Press Photo Foundation di Amsterdam e organizzata dall’Azienda Speciale Palaexpo in collaborazione con 10b Photography.

Per l’occasione, e con un supplemento di biglietto, ogni sabato alle ore 16.30 e ogni domenica alle ore 11 si potrà partecipare ad una visita guidata alla mostra a cura di Coopculture (max 25 persone).

È visitabile invece fino al 4 settembre l’esposizione Il video rende felici. Videoarte in Italia, a cura di Valentina Valentini, allestita in contemporanea nelle sedi di Palazzo delle Esposizioni e Galleria d’Arte Moderna e dedicata alla produzione di videoarte e cinema d’artista in Italia dalla fine degli anni Sessanta al nuovo secolo. Il percorso espositivo si snoda attraverso la molteplice varietà di formati espositivi: video monocanale, installazioni video, multimediali, interattivi, e di apparati volti a ripercorrere il processo produttivo e storico delle opere, ed espone 20 installazioni a cui si aggiungono oltre 300 opere raccolte all’interno di rassegne dedicate, per oltre 80 ore di proiezione e oltre 100 artisti coinvolti.

Palazzo delle Esposizioni: domenica, martedì, mercoledì e giovedì ore 10-20, venerdì e sabato ore 10- 22.30; ultimo ingresso un’ora prima. Galleria d’Arte Moderna: dal martedì alla domenica ore 10-18.30; ultimo ingresso alle 18.

Al MACRO da sabato 14 maggio, nell’ambito della mostra Four Musical Procedures dedicata all’etichetta musicale Presto!?; verrà presentata la nuova installazione sonora (quarto capitolo del progetto): un pezzo corale a quattro voci dell’artista americano James Ferraro, scritto per soprano, alto, tenore e basso.

Proseguono anche tutte le altre mostre: fino al 22 maggio Farces and Tirades di Nicolás Guagnini e Remoria ispirata al racconto dell’anti-Città Eterna di Valerio Mattioli; fino al 19 giugno The Thinking Body, retrospettiva sulla vita e il lavoro di Cathy Josefowitz (1956-2014) e The Orbzerver, tributo al leggendario musicista e artista Lee Scratch Perry; fino al 28 agosto  Cinzia says…, prima grande antologica dedicata a Cinzia Ruggeri (1942-2019), artista, stilista e designer. Tutte le mostre sono a ingresso gratuito e visitabili martedì, mercoledì, giovedì e venerdì ore 12-19; sabato e domenica ore 10-19. Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

Nel padiglione 9A del Mattatoio fino al 29 maggio prosegue la mostra Notturni dell’artista e cineasta francese Clément Cogitore, a cura di Maria Laura Cavaliere. L’esposizione presenta una selezione delle più importanti opere video, nelle quali l’artista esplora le contraddizioni e le ambiguità delle immagini contemporanee tra verità e falsificazione, mettendo in discussione il rapporto con il reale e con la storia. (Visitabile con biglietto d’ingresso, da martedì a domenica ore 11-20).

Nel padiglione 9B, per Dispositivi sensibili ideato da Angel Moya Garcia, prosegue invece fino al 19 giugno, il progetto Periferia dell’agonia di Teresa Margolles, artista visiva che attraverso le sue opere d’arte affronta il tema della violenza che da lunghi anni colpisce il suo paese, il Messico. (Visitabile, ad ingresso libero, da martedì a domenica ore 11-20).

Weekend a Roma, cosa fare: Festival del verde e del paesaggio

All’Auditorium Parco della Musica, dal 13 al 15 maggio, torna sui Giardini Pensili Claudio Abbado il Festival del Verde e del Paesaggio, con una grande sezione espositiva di oltre 50 produttori di piante provenienti da tutta Italia e oltre 100 espositori di prodotti artigianali e di design, vintage e contemporanei, capaci di creare un’esperienza significativa intorno al giardino e cambiare, così, il rapporto delle persone con gli spazi esterni. Un festival che vuole essere anche una vera e propria festa per un lifestyle differente e più sostenibile: oltre a talk, workshop, presentazioni di libri, consulenze per avere case e balconi verdi, la Scuola del Verde con i suoi giardinieri, garden e flower designer, esperti di erbe tintorie. Per i più piccoli in programma giochi all’aria aperta della Città del Sole, letture, laboratori per scoprire il significato di sostenibilità e biodiversità, attività per entomologi urbani e naturalisti in erba. Apertura: ore 10-20.

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.