Pasqua e Pasquetta 2022 a Roma: cosa fare e dove andare nel weekend lungo

Pasqua e Pasquetta 2022 a Roma: cosa fare e dove andare nel weekend lungo

Weekend Roma Venerdì 15 aprile 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© pixabay.com

Roma - Cosa fare e dove andare a Pasqua e Pasquetta 2022 a Roma? Tanti gli eventi dedicati  a chi ama l'arte e la cultura. Clicca sui link che trovi qui sotto per scoprire cosa fare nel weekend lungo di Pasqua e Pasquetta.

Pasqua e Pasquetta 2022 Roma: musei aperti

Nell’ambito delle iniziative promosse dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, si segnala che durante le festività di Pasqua, dal 14 al 18 aprile, il Sistema Musei di Roma Capitale sarà aperto al pubblico con orari consueti, compreso il lunedì di Pasquetta. Grazie all’iniziativa Pasqua nei Musei, i visitatori potranno, oltre che visitare le collezioni permanenti e le mostre in corso, partecipare anche ad attività didattiche, gratuite con il biglietto d’ingresso al museo e con prenotazione obbligatoria, e assistere a una serie di concerti e spettacoli gratuiti, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Tra le molte mostre da visitare, anche due appena inaugurate: ai Musei Capitolini I colori dell’antico. Marmi Santarelli ai Musei Capitolini, un'ampia panoramica sull'uso dei marmi colorati, dalle origini fino al XX secolo, attraverso una raffinata selezione di pezzi provenienti dalla collezione capitolina e dalla Fondazione Santarelli; al Casino dei Principi di Villa Torlonia la mostra Francesco Messina. Novecento contemporaneo81 opere (bronzi, terrecotte e gessi) appartenenti alla collezione permanente dello Studio Museo Francesco Messina e 25 opere di artisti contemporanei.

Saranno aperti al pubblico anche il Mausoleo di Augustoil percorso integrato dei Fori Imperiali, del Foro Romano e del Palatino con il biglietto unico Forum Pass Super, l’area archeologica del Circo Massimo e la visita immersiva in realtà aumentata e virtuale Circo Maximo Experience.

Pasqua e Pasquetta 2022 Roma: visite guidate nei musei

Tra le visite guidate sabato 16 aprile un doppio appuntamento: alle ore 10 alla Galleria d’Arte Moderna, la visita alla mostra in corso Il video rende felici, per scoprire alcuni tra i principali esponenti della videoarte italiana e internazionale; alle ore 15, alla Centrale Montemartini, il percorso Le macchine e gli dei, che spiega il passato industriale del luogo, le caratteristiche della struttura e le opere d’arte di età romana esposte. Domenica 17 aprile, alle ore 10, l’appuntamento Una giornata dell’antico romano ai Fori Imperiali propone un viaggio a ritroso nel tempo, dal Foro di Traiano al Foro di Cesare, mentre alle ore 15, con la visita La Casina delle Civette. La residenza del Principe Giovanni Torlonia jr., si potrà ammirare questo piccolo gioiello dei Musei di Villa Torlonia. Lunedì 18 aprile, alle ore 11, la passeggiata Invito a Villa Doria Pamphilj, quattro secoli di arte e storia nel verde condurrà i visitatori alla scoperta di architetture e monumenti della villa; alle ore 15 in Perché si chiama così? Vicoli e piazze raccontano leggende e segreti, si scopriranno aneddoti e curiosità legati alla storia dei toponimi che si incontreranno lungo la passeggiata.

Pasqua e Pasquetta 2022 Roma: le mostre

Presso lo spazio AuditoriumGarage del Parco della Musica, fino al 29 giugno è allestita la mostra-omaggio Vittorio Gassman. Il centenario dedicata al grande attore a cento anni dalla sua nascita. L’esposizione, a cura di Alessandro Nicosia, Diletta d’Andrea Gassmann e Alessandro Gassmann, è prodotta da C.O.R. Creare Organizzare Realizzare e promossa dagli eredi Gassman e dalla Fondazione Musica per Roma. Il percorso espositivo si articola in quattro sezioni (Teatro, Cinema, Televisione, Poesia e Scrittura) e presenta foto, oggetti, costumi, copioni, video, filmati, bozzetti, documenti e tanti materiali provenienti dall’Archivio Storico Luce e dal Centro Sperimentale di Cinematografia. L’esposizione è arricchita da numerosi prestiti istituzionali e privati dell’Accademia Nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico e dell’Archivio Centrale dello Stato. Orario: da martedì a domenica ore 11-20. Aperta anche lunedì 18 e 25 aprile.

Fino al 4 settembre in contemporanea nelle sedi di Palazzo delle Esposizioni e Galleria d’Arte Moderna di via Crispi, è aperta al pubblico la mostra Il video rende felici. Videoarte in Italia a cura di Valentina Valentini, dedicata alla produzione di videoarte e cinema d’artista in Italia dalla fine degli anni Sessanta al nuovo secolo. Esposte 20 installazioni a cui si aggiungono oltre 300 opere raccolte all’interno di rassegne dedicate, per oltre 80 ore di proiezione. Il percorso espositivo si snoda attraverso la molteplice varietà di formati espositivi: video monocanale, installazioni video, multimediali, interattivi, e di apparati volti a ripercorrere il processo produttivo e storico delle opere. Nel complesso il progetto coinvolge oltre 100 artiste e artisti, che nel corso degli ultimi sessant’anni hanno utilizzato il dispositivo elettronico e digitale, nelle sue molteplici declinazioni, come medium privilegiato di ricerca e di sperimentazione audio-visuale.

Al Palazzo delle Esposizioni sono evidenziate le trasformazioni del formato installativo nel suo dialogo con lo spazio e con i dispositivi tecnologici, in un arco cronologico che va dalla fine degli anni Sessanta al XXI secolo. (Orario: domenica, martedì, mercoledì e giovedì ore 10-20, venerdì e sabato ore 10- 22.30; ultimo ingresso un’ora prima. Biglietti: 10 Euro intero, 8 Euro ridotto).

Alla Galleria d’Arte Moderna sono esposte opere monocanale e installazioni provenienti dai centri di produzione e disseminazione della videoarte, attivi in Italia sin dagli anni ’60, con una forte vocazione internazionale. (Orario: dal martedì alla domenica ore 10-18.30; ultimo ingresso alle 18. Biglietti non residenti: 9 Euro intero, 8 Euro ridotto. Biglietti residenti: 8 Euro intero, 7 Euro ridotto.

Al MACRO dal 14 aprile al 28 agosto è allestita Cinzia says…, prima grande antologica dedicata all’artista, stilista e designer Cinzia Ruggeri (1942-2019), figura irregolare che si è mossa con assoluta libertà tra diverse discipline, raccontando un mondo fondato su un immaginario ironico, provocatorio, elegante e mai scontato, e indagando sia le potenzialità espressive e comportamentali degli oggetti che la dimensione architettonica e sociale del corpo. Tra le opere esposte anche un’ampia selezione di capi appartenenti alle collezioni Bloom, Cinzia Ruggeri e Cinzio Ruggeri, restaurati ed esposti per la prima volta dopo l’uscita in passerella negli anni Settanta e Ottanta.

Proseguono anche tutte le altre mostre: fino al 19 giugno The Thinking Body, retrospettiva sulla vita e il lavoro di Cathy Josefowitz (1956-2014) e The Orbzerver, tributo al leggendario musicista e artista Lee Scratch Perry; fino al 22 maggio le mostre Touch, colour and fold della graphic designer lituana Goda Budvytytė, Farces and Tirades di Nicolás Guagnini Remoria ispirata al racconto dell’anti-Città Eterna di Valerio Mattioli; fino al 12 giugno Four Musical Procedures dedicata all’etichetta musicale Presto!?. Tutte le mostre sono a ingresso gratuito e visitabili martedì, mercoledì, giovedì e venerdì ore 12-19; sabato e domenica ore 10-19. Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

Al Mattatoio, fino al 29 maggio, il padiglione 9A ospita la mostra Notturni dell’artista e cineasta francese Clément Cogitore, a cura di Maria Laura Cavaliere. L’esposizione presenta, per la prima volta in Italia, una selezione delle più importanti opere video, nelle quali l’artista esplora le contraddizioni e le ambiguità delle immagini contemporanee tra verità e falsificazione, mettendo in discussione il rapporto con il reale e con la storia. (Visitabile con biglietto d’ingresso, da martedì a domenica ore 11-20).

Nel padiglione 9B, per Dispositivi sensibili ideato da Angel Moya Garcia, prosegue fino al 19 giugno, il progetto Periferia dell’agonia di Teresa Margolles, artista visiva che attraverso le sue opere d’arte affronta il tema della violenza che da lunghi anni colpisce il suo paese, il Messico. L’installazione è costituita da un perimetro di tende industriali in plastica rossa, concepito come un corpo ferito, all’interno del quale è situato un grande tavolo retroilluminato che ospita una tela lunga ventitré metri usata in passato per coprire i corpi di persone assassinate. (Visitabile, ad ingresso libero, da martedì a domenica ore 11-20).

Pasqua e Pasquetta 2022 Roma: i concerti

Il programma di concerti, ispirati al tema comune della pace, ha inizio sabato 16 aprile alle ore 11.30 al Museo Pietro Canonica con Un canto per la Pace, a cura di Roma Tre Orchestra, con Sofia Celenza (soprano) e Aurora Orsini alla chitarra. Si prosegue alle ore 12 al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco con Parole e musiche per la pace, un percorso di poesie e canzoni, interpretato dal duo di attori/cantanti Simone Francia e Simone Tangolo, che attraversa parole e note di Collins, De André, De Gregori, Dylan, Rodari, Sting ed altri. A cura di Teatro di Roma

Domenica 17 aprile al Museo Napoleonico, alle ore 16.30, Il violoncello canta propone due delle principali Sonate per violoncello e pianoforte unite all’esecuzione di alcuni tra i più bei lied di Schubert “cantati” dal violoncello solo. Conclusione con la celebre Ave Maria. A cura di Roma Tre Orchestra. Alle ore 17, replica l’iniziativa Parole e musiche per la pace, al Museo Carlo Bilotti - Aranciera di Villa Borghese. 

Lunedì 18 aprile alle ore 16, ancora al Museo Napoleonico, in programma Alessandro Crescimbeni and friends: una gita musicale intorno al mondo con musiche di Saint-Säens, Poulenc, Shostakovich e Monti. A cura di Roma Tre Orchestra. Sempre alle ore 16, al Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, replica di Parole e musiche per la pace, mentre alle ore 17 il Museo Carlo Bilotti ha in programma un concerto jazz del Vittorio Cuculo Enrico Mianulli Duo, a cura di Fondazione Musica Per Roma - Casa Del Jazz. Infine, dalle ore 17 alle 19, negli spazi esterni del Villino Nobile presso i Musei di Villa Torlonia, Ambrogio Sparagna con l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma e i Solisti del Corpo di Ballo Popolare saranno protagonisti con Gran finale. Vorrei ballare: danze e canti popolari, all’insegna del ritmo vorticoso dei tamburelli e delle danze del centro-sud. Per le prenotazioni: contact center 06 0608 (attivo tutti i giorni ore 9-19).

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.