2 e 3 aprile 2022, cosa fare e dove andare nel weekend? Gli eventi da non perdere a Roma

2 e 3 aprile 2022, cosa fare e dove andare nel weekend? Gli eventi da non perdere a Roma

Weekend Roma Venerdì 1 aprile 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© pixabay.com

Roma - Cosa fare e dove andare a Roma nel weekend? Sabato 2 e domenica 3 aprile sono tanti gli eventi da non perdere a Roma. Clicca sui link che trovi qui sotto per scoprire cosa fare e dove andare a Roma nel weekend.

Dove portare i bambini a Roma sabato 2 e domenica 3 aprile 2022

Presso gli spazi del Mattatoio proseguono gli appuntamenti di Ricreazione - mappa mondi, i laboratori artistici di movimento, musica e disegno per bambini che hanno l’obiettivo di sollecitare l’esplorazione creativa attraverso l’esperienza corporea e di stimolare un primo sguardo critico sull’arte contemporanea. Appuntamento sabato 2 e domenica 3 aprile con il coreografo, performer e filmmaker Jacopo Jenna che guiderà il laboratorio Copy, Transform, Combine, un’indagine ludica sulla composizione coreografica. Dalle ore 10 (bambini 1^ e 2^ elementare) e dalle 11.45 (bambini 3^, 4^, 5^ elementare). Max 15 partecipanti, partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria entro il 31 marzo.

Al Teatro Tor Bella Monaca domenica 3 aprile alle ore 17, per Teatro in Famiglia in scena Sulle orme di Papert, uno spettacolo di teatro di figura, d’attore e d’interazione con i mezzi digitali sulla figura di Seymour Papert, scritto e diretto da Danilo Zuliani con Alessandra CavallariLuca Laviano e Danilo Zuliani. Un insegnante propone alla propria classe una ricerca sulla figura di Papert: sarà questo lo spunto per la creazione di momenti pedagogici divertenti.

Al Teatro Biblioteca Quarticciolo domenica 3 aprile alle ore 17 per famiglie e bambini di 1-5 anni viene presentato in prima regionale Spot, interpretato da Andrea Buzzetti, autore dello spettacolo insieme a Valeria Frabetti. Un progetto di ricerca sulla luce alla scoperta delle sue tante possibilità espressive.

Al Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, la mostra Dante nelle sculture di Pietro Canonica (in corso fino al 30 aprile), presenta per i più piccoli la sezione Dante nelle sculture di Pietro Canonica. Kids, con testi appositamente pensati per loro, per una visita adatta a tutta la famiglia. Ingresso gratuito da martedì a domenica ore 10-16, ultimo ingresso 30 minuti prima. Info 060608 (attivo tutti i giorni ore 9-19).

Cosa fare a Roma nel weekend: teatro e danza

Al Teatro Tor Bella Monaca, in Sala Piccola, dal 30 marzo al 2 aprile va in scena L’uomo sottile di Sergio Pierattinicon Massimo Reale e la regia di Manuela Mandracchia. Un monologo sulla menzogna e sulla colpa, sul conflitto tra il desiderio di affermazione ad ogni costo e i valori morali di un fantino del Palio di Siena. In Sala Grande venerdì 1° aprile, in occasione della V Notte Internazionale della Geografia, la cattedra di Geografia dell’Università di Tor Vergata di Roma propone la Notte della Geografia – GeoCarte, una serata ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti all’insegna del connubio tra geografia e arti come musica, cinema, danza, teatro, letteratura. Domenica 3 aprile sul palcoscenico Questa volta te lo dico che…ti amo, una commedia brillante, ironica, pungente e anche romantica di Luca Franco con la Lucky CompanyMartedì 5 aprile debutta invece il monologo Lampedusa Beach (repliche 6 e 7 aprile) di Lina Prosa, con Valentina Elia e la regia di Marcello Manzella. I ricordi della giovane profuga Shauba mentre discende sul fondo del mare dopo il naufragio del barcone col quale tentava di raggiungere l’isola. Spettacoli ore 21; domenica ore 17.30. 

Sabato 2 e domenica 3 aprile, al Teatro del Lido di Ostia, Teatro Metastasio di Prato e Ass. Sosta Palmizi presentano “Gli ultimi giorni di Pompeo” di Andrea Pazienza - uno studio, uno spettacolo di teatro-danza di e con Massimo Bonechi, Riccardo Goretti, Giorgio Rossi, da un’idea di Riccardo Goretti, con l’amichevole consulenza di Marina Comandini in Pazienza e con la partecipazione speciale di Lucia Poli e David Riondino. In scena il capolavoro di Andrea Pazienza a 35 anni dalla sua uscita in edicola e in libreria. Spettacoli: sabato ore 21, domenica ore 17.30.

Al Teatro Biblioteca Quarticciolo venerdì 1 e sabato 2 aprile alle ore 21 va in scena lo studio Anatomia di un fiore_studio di e con Valeria Wandja e Yonas Aregay, un progetto di Powered by Ref sostenuto da Romaeuropa Festival 2021. Cogliere un fiore è un gesto pratico, ma anche violento. Chi coglie un fiore è responsabile del suo strappo e del suo viaggio, della sua destinazione. Un viaggio in cinque tappe, frammenti di vita vissuta a cui dare voce attraverso i cinque sensi. Dalle periferie di Roma alle periferie del mondo, un percorso attraverso le nostre geografie interne ed esterne.

Al Teatro Villa Pamphilj sabato 2 aprile alle ore 17.30 va in scena Rautalampi, ultimo appuntamento della rassegna teatrale Anticorpi diretta da Veronica Olmi. Lo spettacolo, con Laura GarofoliNedzad Husovic e Nexus, racconta la storia di Licia, una bambina rom che vive nel campo nomadi di Rautalampi. Saltando fra la scena e il dietro le quinte, tra narrazione, performance e video-installazione, i tre interpreti ripercorrono le tappe di costruzione del personaggio di Licia – e dello spettacolo – attraverso il materiale d’archivio raccolto in incontri con bambine e ragazzine rom, e le proprie vicende biografiche. Prenotazioni via mail.

Al Teatro Argentina fino al 3 aprile proseguono le repliche di M Il figlio del secolo, spettacolo di e con Massimo Popolizio Tommaso Ragno e la collaborazione alla drammaturgia di Lorenzo Pavolini. Un adattamento teatrale del romanzo storico di Antonio Scurati, per portare in scena una rappresentazione plastica ed espressionista dell’affermarsi del fascismo. Spettacoli: martedì e venerdì ore 20; mercoledì e sabato ore 19; giovedì e domenica ore 17. 

Nell’ambito di M - gli Extra, gli appuntamenti di approfondimento del contesto storico, politico e culturale affrontato dallo spettacolo di Popolizio, domenica 3 aprile, per il ciclo di visite guidate gratuite Gli sventramenti a Roma. Visite nei luoghi simbolo della politica urbanistica fascista, in programma: La distruzione del Quartiere Alessandrino. La nascita di Via dell’Impero a cura di Nicoletta Bernacchio (appuntamento alle ore 10.30 in Piazza del Foro Traiano, ingresso all’Area Archeologica presso la Colonna di Traiano) e Una via per la conciliazione: la demolizione della Spina di Borgo a cura di Laura Petacco e Laura Asor Rosa (appuntamento alle ore 15 a Ponte Sant’Angelo, lato Lungotevere Castello). Max 20 persone, prenotazione obbligatoria allo 060608 (attivo tutti i giorni ore 9-19).

Cosa fare a Roma nel weekend: concerti e musica

All’Auditorium Parco della Musica grande attesa domenica 3 aprile, nella Sala Santa Cecilia, per Gianna Nannini che, dopo lo straordinario successo del tour estivo in tutta Italia, torna sul palco con il pianoforte e il sound design del musicista tedesco Christian Lohr. Nella stessa sera nel Teatro Studio Borgna i sax e l’elettronica del compositore Nicola Alesini saranno accompagnati dalla voce narrante di Maurizio Donadoni in Un amore partigiano, uno spettacolo in cui le ambientazioni sonore, le tracce melodiche evocative ed oniriche, il flusso di coscienza dei ricordi sono tratti dai racconti del padre partigiano dell’autore. 

Alla Casa del Jazz in calendario domenica 3 aprile il concerto di Joe Barbieri in quartet con Pietro Lussu (pianoforte), Daniele Sorrentino (contrabbasso) e Bruno Marcozzi (batteria e percussioni). Inizio concerti ore 21.

Al Teatro Villa Pamphilj domenica 3 aprile, alle ore 11.30, concerto del M° Walter Fischetti che eseguirà pagine pianistiche scritte da celebri operisti italiani. Piene di poesia le pagine di Galuppi, Verdi, Mascagni e Puccini, pieni di humor e di divertimento i brani di Cimarosa, Cilea, Donizetti, e soprattutto i fantastici Péchés de vieillesse di Gioacchino Rossini. Prenotazione obbligatoria: 06 58202369 o via mail.

Cosa fare a Roma nel weekend: mostre e musei

Nell’ambito degli appuntamenti promossi dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali si segnala che domenica 3 aprile, nel Sistema Musei di Roma Capitale, torna l’appuntamento con la prima domenica del mese ad ingresso gratuito per tutti i visitatori. Oltre alle collezioni permanenti sarà possibile visitare anche le mostre in corso, l’area archeologica del Circo Massimo (ore 9.30-19, ultimo ingresso ore 18), l’area archeologica dei Fori Imperiali (ingresso dalla Colonna Traiana ore 9-19.15, ultimo ingresso ore 18.15), il Mausoleo di Augusto (ore 9-17, ultimo ingresso ore 16, con prenotazione obbligatoria).

Per quanto riguarda le mostre, al Museo di Roma in Palazzo Braschi è stata prorogata fino al 5 giugno l’esposizione Segni, un progetto pedagogico, fotografico e di comunicazione per sensibilizzare i giovani e prevenire la violenza contro le donne, mentre ai Musei Capitolini prosegue fino al 2 ottobre il progetto espositivo multimediale L'eredità di Cesare e la conquista del tempo, che racconta le vicende e i protagonisti della storia di Roma antica attraverso i Fasti Capitolini. Da sabato 2 aprile alla Centrale Montemartini sarà esposto il mosaico della “Real Casa”, un mosaico pavimentale restaurato di epoca tardo imperiale, scoperto a Roma nel 1901 in via XX Settembre “nella zona tra il Ministero della Real Casa e il giardino”, nei pressi dell’attuale Giardino del Quirinale.

Per gli appuntamenti di aMICi questa settimana in programma, domenica 3 aprile sempre alle ore 17, al Museo di Roma in Trastevere è prevista la visita guidata, a cura di Anna Di Paola con Roberta Perfetti e Silvia Telmon, alla mostra in corso Labirinti InTrastevere.

Per Archeologia in Comune sono previste tre visite guidate: sabato 2 aprile alle ore 11 con Simonetta Serra a Porta Appia (Porta San Sebastiano), una delle più imponenti tra le porte che si aprono nella cinta delle Mura Aureliane; domenica 3 aprile alle ore 11 con Carla Termini alla Villa di Massenzio, una delle aree archeologiche più belle della campagna romana; martedì 5 aprile alle ore 14.30 con Stefania Pergola e Maria Letizia Buonfiglio al Teatro di Marcello, monumento simbolo della Roma imperiale.

Presso il foyer del Teatro del Lido di Ostia dal 31 marzo al 6 aprile è visitabile la mostra fotografica e multimediale Desiderare per crescere della fotogiornalista torinese Diana Bagnoli che esplora le molteplici attività di progetto DOORS (Porte Aperte al Desiderio come OppOrtunità di Rigenerazione Sociale) attraverso le voci dei suoi protagonisti in un viaggio dal nord al sud Italia. Ingresso gratuito dal venerdì alla domenica ore 17-20.

Al Teatro Argentina domenica 3 aprile alle ore 11 appuntamento con il sesto incontro della rassegna Luce sull’archeologia, incentrato sulla trasformazione della città romana attraverso l’esplorazione delle città antiche. Interverranno: Federico Marazzi (Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa) con Città fra terra e cielo: San Vincenzo al Volturno e i grandi monasteri dell'Alto Medioevo; Umberto Roberto (Università degli Studi di Napoli Federico II) con Capitali d'Italia: Milano, Ravenna, Roma e l'imperatoreFrancesco Sirano (Direttore del Parco Archeologico di Ercolano) con Abitare ad Ercolano antica nel I sec. d.C. Viaggio sotto la cenere del Vesuvio. Contributo di Storia dell’Arte di Claudio StrinatiIl Mausoleo di Galla Placidia a Ravenna.

Fino al 3 aprile la Sala Fontana del Palazzo delle Esposizioni ospita la mostra Colori e immagini della Scienza che si inserisce nel progetto europeo ArtScience Across Italy, curato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e dal CERN di Ginevra, con l’obiettivo di promuovere la cultura scientifica tra gli studenti dei licei, coniugando i linguaggi dell’arte e della scienza. Esposte circa 70 opere realizzate da 210 studenti di 28 istituti secondari del Lazio, che nella fase creativa sono stati seguiti da professori e artisti dell’Accademia di Belle Arti di Roma.

Nello spazio Libreria prosegue invece fino al 15 maggio la mostra Rime Buie. Esposte le tavole dell’illustratrice Antonella Abbatiello che hanno ispirato le filastrocche e i versi del poeta Bruno Tognolini, confluiti nell’omonimo libro di poesie edito da Salani. Illustrazioni e versi che invitano l’individuo ad affrontare e dare voce alle paure più profonde. A corredo della mostra, sono esposti versi di poeti ed illustrazioni di artisti che costituiscono le rispettive fonti di ispirazione dei due autori. Entrambe le mostre sono ad ingresso libero, da martedì a domenica ore 10-20.

Al Mattatoio, fino al 29 maggio, il padiglione 9A ospita la mostra Notturni dell’artista e cineasta francese Clément Cogitore, a cura di Maria Laura Cavaliere. L’esposizione presenta, per la prima volta in Italia, una selezione delle più importanti opere video, nelle quali l’artista esplora le contraddizioni e le ambiguità delle immagini contemporanee tra verità e falsificazione, mettendo in discussione il rapporto con il reale e con la storia. (Visitabile con biglietto d’ingresso, da martedì a domenica ore 11-20).

Nel padiglione 9B, per Dispositivi sensibili ideato da Angel Moya Garcia, prosegue fino al 19 giugno, il progetto Periferia dell’agonia di Teresa Margolles, artista visiva che attraverso le sue opere d’arte affronta il tema della violenza che da lunghi anni colpisce il suo paese, il Messico. L’installazione è costituita da un perimetro di tende industriali in plastica rossa, concepito come un corpo ferito, all’interno del quale è situato un grande tavolo retroilluminato che ospita una tela lunga ventitré metri usata in passato per coprire i corpi di persone assassinate. (Visitabile, ad ingresso libero, da martedì a domenica ore 11-20).

Tante le mostre in corso al MACRO, tutte ad ingresso libero. Fino al 19 giugno sono esposte le prime due del programma primaverile: The Thinking Body, retrospettiva sulla vita e il lavoro di Cathy Josefowitz (1956-2014), la cui produzione artistica mette in dialogo dipinti, disegni e coreografia del movimento del corpo e The Orbzerver, tributo al leggendario musicista e artista Lee Scratch Perry, che si sviluppa attraverso un dialogo tra il suo lavoro e opere del poeta giamaicano Ishion Hutchinson, del duo italiano Invernomuto, dell’artista americano Rammellzee e delle artiste emergenti Rashiyah Elanga e Zadie Xa. Visitabili fino al 22 maggio anche le mostre Touch, colour and fold della graphic designer lituana Goda Budvytytė, Farces and Tirades di Nicolás Guagnini Remoria ispirata al racconto dell’anti-Città Eterna di Valerio Mattioli; fino al 12 giugno Four Musical Procedures dedicata all’etichetta musicale Presto!?. Orari: martedì, mercoledì, giovedì e venerdì ore 12-19; sabato e domenica ore 10-19. Ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura.

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.