Dove mangiare la migliore carbonara a Roma: i ristoranti da non perdere

Dove mangiare la migliore carbonara a Roma: i ristoranti da non perdere

Food Roma Venerdì 18 marzo 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© Alessandra Pistolese

Roma - Ecco a voi sua maestà La Carbonara! La carbonara è un piatto semplice, realizzato con ingredienti poveri quali pasta, uova, guanciale, pecorino romano e tanto pepe; il pepe deve abbondare: il piatto sembrerà coperto dal carbone; pare che sia proprio questa l'origine del nome carbonara. A Roma sono molti i ristoranti e le trattorie dove si possono gustare ottime carbonare, meta per turisti dal palato esigente. Clicca sui link che trovi qui sotto per scoprire dove mangiare la migliore Carbonara a Roma.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Proloco Trastevere

Partiamo dal cuore di Roma, ovvero dai vicoli trasteverini, dove troviamo Proloco Trastevere (via Mameli 23). Qui tradizione, territorialità e certezza di una filiera controllata sono gli elementi fondanti della cucina. Una cucina che usa metodi di cottura antichi e tecniche moderne. Ma non solo, infatti la carbonara di Proloco Trastevere è stata eletta dal Gambero Rosso come La migliore carbonara di Roma

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Enzo al 29

Sempre a Trastevere a via dei Vascellari 29, c'è Enzo al 29 dove non si può non ordinare la gricia alla romana, cucinata rigorosamente con pecorino romano e guanciale che è una sua specialità, ma la carbonara deve essere assolutamente ordinata, tanto che il palato vi ringrazierà. Poi l'ambiente informale farà il resto.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Eggs

Sempre a Trastevere e precisamente a via Natale del Grande 52, troviamo Eggs la patria delle uova con un’altra carbonara doc. Da non lasciarsi sfuggire lo strappazzo o anche chiamato carbonara da passeggio, ovvero una carbonara dorata e fritta, che viene poi inserita su uno stecco da gelato e si può mangiare al tavolo o passeggiando. Ovviamente uno dei piatti più richiesti.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Il Marchese

Al 162 di via di Ripetta, Il Marchese – Osteria Mercato Liquori negli ultimi anni è diventato uno degli indirizzi più amati della città.  Uno dei piatti da non lasciarsi sfuggire è sicuramente la carbonara del marchese realizzata esclusivamente con uova a pasta gialla di galline allevate a terra,  guanciale di Re Norcino Cibaria e con pecorino DOP e parmigiano reggiano 30 mesi. Suggeriamo di accompagnare il piatto a un vino bianco di buona freschezza come uno chardonnay o un Viognier.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da La Taverna Cestia

All’ombra della Piramide Cestia La Taverna Cestia (viale della Piramide Cesta 65) è una sicurezza. Dal 1967, infatti la famiglia Salvi si passa il testimone portando avanti l’amore per i sapori genuini e autentici ricercando solo produttori locali e materie prime garantite. Alcuni piatti della tradizione romana non sono neanche segnati nel menu perché è superfluo, qui la matriciana, la carbonara e il cacio e pepe sono il ristorante. Perciò andate a colpo sicuro.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Il Pipero

Nel trafficato del centrale Corso Vittorio Emanuele II al civico 250, troviamo il ristorante Il Pipero con una stella Michelin. Qui lo chef Ciro Scamardella propone una carbonara dove gusto deciso e ricercatezza trovano il giusto e armonico equilibrio che lascia il suo piacevole segno sul palato. Le mezze maniche rigorosamente rigate sono del pastificio Graziano, guanciale Re Norcino e il pecorino è romano dop in miscela con il 30 per cento di parmigiano per una eccellente cremosità del composto.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Gino al Parlamento

A un passo da Palazzo Montecitorio a via della Impresa 31, troviamo Gino al Parlamento. Anche questo è un ristorante basato sulla cucina romana tradizionale e condotto dal figlio di Gino del Grosso ovvero Fabrizio che ha aperto la cucina allo chef Simone Mugnaio. In questo ristorante dallo stile splendidamente rètro si può gustare una carbonara superba dove gli ingredienti di prima qualità fanno la differenza e la cottura curata in ogni minimo particolare conferisce quella perfetta consistenza che la renderà indimenticabile.

Dove mangiare la carbonara a Roma: da Trecca

Nel quartiere Ostiense, e precisamente in via Alessandro Severo 220, c'è la trattoria Trecca dei fratelli chef Manuel e Nicolò Treccastelli. Con le uova livornesi, il guanciale di una piccola azienda di Rieti, il pecorino dop laziale e i rigatoni del pastificio Lagano, la carbonara di Trecca non passa inosservata tanto da ritornarci per lasciarsi sopraffare dal gusto ben bilanciato dove il sapore deciso dell'uovo viene calibrato dalla sapidità del pecorino e dalla dolcezza del guanciale croccante. Un gioco di sapori antichi perfezionato da tecniche moderne.

La storia della Carbonara

Uno dei piatti romani per eccellenza, la cui storia, come per buona parte dei piatti tradizionali, è alquanto discussa. Qualcuno dice che venga dai pastori in transumanza tra il Lazio e l'Abruzzo, che si spostavano con le loro scorte di cibo semplice ma sostanzioso; tra questi c'era il guanciale, utilizzato per la prima gricia, evoluta poi nell'amatriciana e nella carbonara. Qualcuno invece asserisce che il piatto abbia origine dai soldati americani in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale: a Napoli i soldati avevano scorte di bacon con cui, insieme ai napoletani, iniziarono in qualche modo a cucinare il piatto che poi divenne il simbolo di Roma e del territorio laziale. Ora poi gli chef e la cucina molecolare si ingegnano a trovare varianti di ogni sorta dalla cottura ad alcuni ingredienti, dalla temperatura dell'uovo, alla crema del composto, per passare alla croccantezza del guanciale e per finire alla cottura della pasta non più cotta, ma ammorbidita nell'acqua fredda per alcune ore.

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.