Insieme per la Pace: in piazza San Giovanni no alla guerra con Flavio Insinna, Malika Ayane, Cecilia Strada e molti altri - Roma

Insieme per la Pace: in piazza San Giovanni no alla guerra con Flavio Insinna, Malika Ayane, Cecilia Strada e molti altri

Musica Roma Lunedì 14 marzo 2022

Clicca per guardare la fotogallery
Flavio Insinna
© facebook.com/FLAVIOINSINNAFaccialibro

Roma - Domenica 20 marzo, alle ore 15, in piazza San Giovanni, a Roma, un evento dedicato alla pace: gli artisti si uniscono contro la guerra in Ucraina al grido di Insieme per la pace. L'evento è stato pensato e organizzato dal sindacalista Aboubakar Soumahoro, che a Roma vuole dire no alla guerra attraverso l'arte, la cultura e la musica. Soumahoro ha chiamato a raccolta in piazza San Giovanni, a Roa, figure di spicco del mondo della cultura e dello spettacolo, insieme alle testimonianze di rifugiate e rifugiati, dando appuntamento a domenica 20 marzo alle ore 15, in piazza San Giovanni a Roma. 

Insieme a Flavio Insinna, Roy Paci, Mimmo Lucano, Malika Ayane, Cosmo, Gaia, NAIP, Dj Ralf, Eugenio in Via di Gioia, Tommy Kuti, Ascanio Celestini, Andrea Rivera, Ariele Vincenti e Emilio Stella, Gemitaiz, Gemello, Riccardo Sinigallia, Margherita Vicario, Cecilia Strada, Artù, Elio Germano, Emilio Stella, Gianmarco Saurino, Giovanni Truppi, Riccardo Noury, Sara Paravicini, Leo Gassman e tante altre e tanti altri, verrà innalzato un inno contro la guerra e per la pace, dall’Ucraina fino a tutti quei luoghi colpiti da conflitti armati, determinati da pochi e sofferti da tanti. 

Spiega Aboubakar Soumahoro: «È arrivato il momento per ognuna ed ognuno di noi di rifiutare l’illusione d’impotenza che spinge all’arrendevolezza, l’indifferenza che costringe alla passività e gli egoismi che conservano nell’immobilismo il comfort dello status quo. È arrivato il momento di uscire dall’indignazione virtuale dei social, dal recinto delle nostre divergenze e dalle prigioni delle nostre convenienze per mettere generosamente e all’unisono i nostri corpi al servizio della pace al fine di resistere con risolutezza a tutte le forze che vorrebbero cancellare i principi universali di umanità custoditi nell’intimo umano,  racchiusi nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e iscritti nella nostra Costituzione. È arrivato il momento di dire no allo spirito della guerra e all’economia bellica (accecata dallo spirito avido del dio denaro) che uccidono gli esseri umani, distruggono il pianeta e rubano i sogni, i desideri, il destino, la speranza e la felicità dell’umanità».

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.